26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/06/2012, 00.00

    CINA

    Donna cinese costretta ad abortire al settimo mese. Continua il massacro della legge del figlio unico

    Wang Zhicheng

    Reggie Littlejohn: Un oltraggio che nessun governo dovrebbe permettersi. Il corpo del piccolo abortito è stato lasciato sanguinante accanto alla donna. Le foto dell'uccisione. Minaccia di multe onerose (pari a 3-5 anni di salari) o di aborto forzato. In Cina vi sono 13 milioni di aborti ogni anno. Chai Ling: Un massacro di Tiananmen ogni ora.

    Pechino (AsiaNews) - Una donna cinese dello Shanxi è stata costretta ad abortire al settimo mese di gravidanza. Ad accrescere l'orrore per la violenza, le autorità hanno messo il corpo del piccolo abortito sul letto affianco alla donna.

    Il fatto è avvenuto il 3 giugno scorso ed è riportato dal sito Tianwang. La donna, Feng Jianmei è stata picchiata e trascinata in un veicolo da un gruppo di impiegati del Family planning, mentre suo marito Deng Jiyuan era al lavoro. I rappresentanti del controllo sulla popolazione avevano chiesto 40mila yuan (circa 4 mila euro, oltre 3 anni di lavoro) alla famiglia, che aveva trasgredito la legge del figlio unico. Non avendo ricevuto i soldi, essi hanno fatto abortire Jianmei al settimo mese. Il corpo del piccolo è stato messo accanto alla madre sul letto (ATTENZIONE: QUESTE IMMAGINI POSSONO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITA'). La donna si trova ora in ospedale nella città di Ankang.

    Reggie Littlejohn, avvocato Usa che combatte per la difesa della donna in Cina (Women's Rights Without Frontiers) e che ha diffuso la notizia in occidente, afferma: "Tutto questo è un oltraggio. Nessun governo legittimo potrebbe commettere o tollerare un atto simile. I responsabili dovrebbero essere perseguiti per crimini contro l'umanità". L'aborto forzato è ancora un pratica molto comune in Cina, a causa della stretta osservanza della politica del figlio unico.

    Sempre la Littlejohn ha diffuso oggi la notizia che una donna di Changsha (Hunan) sarà costretta ad abortire se non paga 25mila dollari Usa.

    Nei giorni scorsi, una dozzina di membri del Family planning cinese sono penetrati in casa di Cao Ruyi, che aspettava al quinto mese il suo secondo figlio per trascinarla all'ospedale e forzarla all'aborto. Suo marito, Li Fu, è stato picchiato e avvertito che o dava il peromesso per un "aborto volontario" oppure sua moglie avrebbe subito un aborto forzato. Lo scorso fine settimana l'ospedale ha rilasciato Cao Ruyi dietro pagamento di 1500 dollari come "multa per compensazione sociale". Ma i membri del Family planning chiedono ancora 25mila dollari per dare a lei il permesso di continuare la gravidanza.

    Secondo le statistiche ufficiali in Cina si praticano 13milioni di aborto ogni anno. Di questi moltissimi sono forzati.

    La dissidente Chai Ling, una dei capi del movimento di Tiananmen, esule negli Stati Uniti e convertita al cristianesimo, è impegnata nella lotta contro gli aborti forzati causati dalla legge del figlio unico. Più di un anno fa, durante un incontro di dissidenti davanti alla casa Bianca, Chai Ling ebbe a dire: "L'applicazione brutale e violenta della politica del figlio unico è il più grande crimine contro l'umanità attualmente in atto; è lo sventramento segreto e inumano di madri e figli; è il massacro di Tiananmen che si ripete ogni ora; è un olocausto infinito che va avanti da 30 anni" (v.: 19/01/2011 Obama e Hu Jintao fermino gli aborti forzati in Cina, una "Tiananmen quotidiana").

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/05/2015 CINA
    Il figlio unico: la violenza dello Stato cinese contro donne e bambini
    La famigerata legge viene ogni tanto “aggiustata”, ma non eliminata. E sta creando disastri demografici, mancanza di manodopera, invecchiamento della popolazione, squilibri fra maschi e femmine con tratta delle donne e schiavismo sessuale. Ma il governo non l’abolisce perché con essa si controlla tutta la popolazione. Il Partito mantiene “il potere nelle sue mani versando il sangue di donne e bambini innocenti della Cina”. La testimonianza di Reggie Littlejohn alla Commissione esecutiva sulla Cina del Congresso Usa.

    19/01/2011 USA - CINA
    Obama e Hu Jintao fermino gli aborti forzati in Cina, una “Tiananmen quotidiana”
    Davanti alla Casa Bianca, dove si sta per svolgere il pranzo di Stato in onore del presidente cinese Hu Jintao, si sono riuniti dissidenti cinesi e deputati contrari al regime cinese. L’intervento di Chai Ling, leader di Tiananmen divenuta cristiana, chiede al mondo di impegnarsi contro il massacro dei neonati.

    18/01/2011 CINA - USA
    Hu Jintao negli Stati Uniti. Il banchetto di Stato, quello economico, il digiuno dei diritti umani
    Nel 2006, con Bush, Hu ebbe solo un “pranzo di lavoro”. Firmati ieri contratti con imprenditori cinesi per 600 miliardi di dollari. Altri in arrivo. Lo yuan, la Nordcorea, l’Iran, i cambiamenti climatici fra i temi da discutere. Manifestazioni di gruppi di attivisti cristiani e tibetani fuori della Casa Bianca.

    24/09/2011 CINA - USA
    Legge del figlio unico: nuovi casi di aborti, sterilizzazioni forzate e prigionia
    Denunciati 13 nuovi casi da parte della “Women’s Rights Without Frontiers”. Aborti praticati fino a otto mesi e mezzo di gravidanza. Donne rapite dalla polizia per subire la sterilizzazione. Mariti con la testa fracassata; parenti puniti con multe e demolizioni delle case. Il caso di Chen Guangcheng, l’attivista cieco, agli arresti domiciliari per aver denunciato aborti forzati e sterilizzazioni nell’Henan.

    07/05/2015 CINA
    Figlio unico in Cina: due storie a lieto fine
    Ad AsiaNews Reggie Littlejohn, attivista americana per i diritti umani, racconta come la sua Women’s Rights Without Frontiers sia riuscita a salvare due donne e i loro bambini.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®