15 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/04/2008
RUSSIA
Aborto in Russia, cresce l'opposizione morale
di Maria Anikina
Le indagini di un centro di ricerca mostrano una popolazione divisa tra anti-abortisti e favorevoli all’aborto. In aumento il numero di persone che considera le implicazioni morali e religiose dell’interruzione di gravidanza.

Mosca (AsiaNews) – Le recenti indagini sull’aborto condotte dal centro di ricerche sociologiche russo “Levada Center” hanno registrato un aumento delle percentuali di coloro che non abortiscono per questioni morali legate alla religione.

Stranamente gli studiosi del Centro non hanno prestato particolare attenzione alle statistiche che mostrano che dal 1998 l’argomento “morale” è diventato più popolare tra gli anti-abortisti, crescendo dal 25% al 35%.

La credenza che l’aborto sia un peccato contro Dio è molto diffusa specialmente tra le persone anziane. Infatti, il 51% del campione con età superiore ai 55 anni ha dichiarato di credere che l’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) sia un peccato gravissimo, ma sono significative anche le percentuali dei più giovani che condividono la stessa credenza, di cui il 27% ha un’età compresa tra i 18 e i 27 anni,  il 30% tra i 25 e i 39 anni e, infine, il 40% tra i 40 e i 54 anni.

Tuttavia la situazione demografica in Russia continua a dare segnali allarmanti , anche se i dati elaborati dal centro ricerche mostrano che il numero di IVG praticate negli ultimi 10 anni è rimasto complessivamente lo stesso.

Secondo le statistiche raccolte, l’opinione pubblica russa è divisa tra i contrari all’aborto e i favorevoli e i criteri utilizzati nella ricerca si basano sull’età degli intervistati, il livello di scolarizzazione, e la percezione dei rischi legati alla salute. 

Il tasso di aborti è generalmente più alto nei grandi centri urbani. Le donne con un livello di educazione alto – che costituiscono soltanto una piccola parte nelle grandi città – tendono a pianificare le loro vite, ad essere più attente e responsabili e, per questo, tra di loro il numero delle IVG è basso. Sono diminuiti i fautori di una legge che proibisca l'aborto (da 21% nel 1998 al 16% nel 2008), ma la percentuale dei favorevoli all’interruzione è rimasta invariata al 70%. Sono però in crescita le persone che pensano sia giusto proibire l'aborto ( 8% nel 1998; 15% ne 2007) o permetterlo solo in caso di gravi probemi medici (20% nel 2007; 13% nel 1998).

La maggiore preoccupazione tra le persone che vorrebbero proibire l’aborto riguarda la salute della donna, sia psicologica che fisica. Per molti infatti la paura che dopo un’interruzione di gravidanza non si possano più avere figli e il disequilibrio psico-fisico che ne consegue, sono gli effetti che più spaventano gli intervistati.

Infine, per quanto riguarda i rapporti pre-matrimoniali per il 65% dei cittadini russi intervistati, l’AIDS è visto come il rischio più serio che si corre nell’avere rapporti sessuali prima del matrimonio, mentre per il resto della popolazione le conseguenze possono causare nuclei famigliari deboli, sterilità delle donne, un numero alto di bambini abbandonati, oltre che difficoltà in ambito professionale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/05/2012 RUSSIA
Corteo di auto a Mosca contro gli aborti e in difesa della Chiesa
di Nina Achmatova
24/08/2006 Cina – Russia
Cina e Russia insieme verso Marte
19/07/2013 RUSSIA
Russia, Navalny libero su cauzione. Potrà candidarsi a sindaco di Mosca
07/02/2012 RUSSIA
Un successo la manifestazione anti-Putin. Il futuro di "zar Vlad" come quello di Gheddafi
di Nina Achmatova
31/12/2012 RUSSIA
La Chiesa russo-ortodossa appoggia la legge contro adozioni da Usa
di Nina Achmatova

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate