27 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/04/2008
RUSSIA
Aborto in Russia, cresce l'opposizione morale
di Maria Anikina
Le indagini di un centro di ricerca mostrano una popolazione divisa tra anti-abortisti e favorevoli all’aborto. In aumento il numero di persone che considera le implicazioni morali e religiose dell’interruzione di gravidanza.

Mosca (AsiaNews) – Le recenti indagini sull’aborto condotte dal centro di ricerche sociologiche russo “Levada Center” hanno registrato un aumento delle percentuali di coloro che non abortiscono per questioni morali legate alla religione.

Stranamente gli studiosi del Centro non hanno prestato particolare attenzione alle statistiche che mostrano che dal 1998 l’argomento “morale” è diventato più popolare tra gli anti-abortisti, crescendo dal 25% al 35%.

La credenza che l’aborto sia un peccato contro Dio è molto diffusa specialmente tra le persone anziane. Infatti, il 51% del campione con età superiore ai 55 anni ha dichiarato di credere che l’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) sia un peccato gravissimo, ma sono significative anche le percentuali dei più giovani che condividono la stessa credenza, di cui il 27% ha un’età compresa tra i 18 e i 27 anni,  il 30% tra i 25 e i 39 anni e, infine, il 40% tra i 40 e i 54 anni.

Tuttavia la situazione demografica in Russia continua a dare segnali allarmanti , anche se i dati elaborati dal centro ricerche mostrano che il numero di IVG praticate negli ultimi 10 anni è rimasto complessivamente lo stesso.

Secondo le statistiche raccolte, l’opinione pubblica russa è divisa tra i contrari all’aborto e i favorevoli e i criteri utilizzati nella ricerca si basano sull’età degli intervistati, il livello di scolarizzazione, e la percezione dei rischi legati alla salute. 

Il tasso di aborti è generalmente più alto nei grandi centri urbani. Le donne con un livello di educazione alto – che costituiscono soltanto una piccola parte nelle grandi città – tendono a pianificare le loro vite, ad essere più attente e responsabili e, per questo, tra di loro il numero delle IVG è basso. Sono diminuiti i fautori di una legge che proibisca l'aborto (da 21% nel 1998 al 16% nel 2008), ma la percentuale dei favorevoli all’interruzione è rimasta invariata al 70%. Sono però in crescita le persone che pensano sia giusto proibire l'aborto ( 8% nel 1998; 15% ne 2007) o permetterlo solo in caso di gravi probemi medici (20% nel 2007; 13% nel 1998).

La maggiore preoccupazione tra le persone che vorrebbero proibire l’aborto riguarda la salute della donna, sia psicologica che fisica. Per molti infatti la paura che dopo un’interruzione di gravidanza non si possano più avere figli e il disequilibrio psico-fisico che ne consegue, sono gli effetti che più spaventano gli intervistati.

Infine, per quanto riguarda i rapporti pre-matrimoniali per il 65% dei cittadini russi intervistati, l’AIDS è visto come il rischio più serio che si corre nell’avere rapporti sessuali prima del matrimonio, mentre per il resto della popolazione le conseguenze possono causare nuclei famigliari deboli, sterilità delle donne, un numero alto di bambini abbandonati, oltre che difficoltà in ambito professionale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/05/2012 RUSSIA
Corteo di auto a Mosca contro gli aborti e in difesa della Chiesa
di Nina Achmatova
24/08/2006 Cina – Russia
Cina e Russia insieme verso Marte
19/07/2013 RUSSIA
Russia, Navalny libero su cauzione. Potrà candidarsi a sindaco di Mosca
07/02/2012 RUSSIA
Un successo la manifestazione anti-Putin. Il futuro di "zar Vlad" come quello di Gheddafi
di Nina Achmatova
31/12/2012 RUSSIA
La Chiesa russo-ortodossa appoggia la legge contro adozioni da Usa
di Nina Achmatova

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate