17/01/2011, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Aggredito un medico cristiano a Mosul

di Layla Yousif Rahema
La vittima è uno dei cardiologi più famosi della regione. Un gruppo armato gli ha sparato a bruciapelo e l’uomo è gravemente ferito. Denuncia dell’occidente: non potete fare nulla per i cristiani perché non avete più radici cristiane e siete indifferenti alla religione.
Baghdad (AsiaNews) – Ancora un’aggressione mirata contro i cristiani d’Iraq. Il 15 gennaio pomeriggio, un gruppo di criminali non identificato è entrato nell’ospedale Al Rabi'e, una clinica privata, nel quartiere al Sukar a Mosul e hanno  sparato a freddo contro un medico cristiano che lavorava lì.  L’arma da fuoco aveva il silenziatore e il dottore fortunatamente è stato è stato solo gravemente ferito. 
 
Nuyia Youssif Nuyia è un cardiologo specialista, il più conosciuto dalla regione; era il medico privato del defunto mons. Faraj Rahho e di tanti preti e religiosi e religiose. Era medico militare e professore alla Facoltà di medicina dell’università di Mosul. Nuyia è sposato, con 4 figli. Chi lo conosce racconta che Nyuia è un caldeo cattolico, molto attaccato alla sua fede e alla sua Chiesa.
 
I responsabili dell’accaduto per ora rimangono ignoti. Intanto, dalla comunità cristiana in Iraq arriva un’altra denuncia verso l’indifferenza occidentale alla causa, nonostante la strage di copti del 31 dicembre ad Alessandria d’Egitto o quello alla cattedrale di Baghdad: “L'occidente non può fare niente per i cristiani perché l'occidente nega le sue radici cristiane ed è indifferente a tutte le religioni. E un’altra cosa che l'occidente non capisce è che per questi Paesi musulmani ‘democrazia’ vuole dire ‘caos’”.
 
Intanto a Copenaghen, in Danimarca, nel fine settimana si sono riuniti a porte chiuse leader religiosi cristiani e musulmani d’Iraq, di cui i nomi sono top secret per motivi di sicurezza, per tentare di smorzare la violenza settaria che ha sconvolto la comunità cristiana. Ma più attesa ancora c’è per l’annuncio di un incontro simile a Najaf nel Sud dell’Iraq.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Mons. Ortega: La sofferenza dei cristiani in Iraq è un dono per noi. Tempo di ricostruire
21/06/2017 15:58
Piana di Ninive, no del patriarcato caldeo all'enclave cristiana rilanciata da vescovi siri
16/05/2017 12:49
Sacerdote irakeno: la mia vocazione è nata a Mosul, sull’esempio dei martiri cristiani
24/12/2016 08:44
Uccisi due fratelli cristiani a Mosul
22/11/2010
Baghdad, dopo la messa un gruppo di musulmani porta la sua solidarietà ai cristiani
21/07/2014