22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/02/2012, 00.00

    IRAN – ONU

    Aiea: fallite le trattative sul nucleare iraniano



    Teheran ha negato l’autorizzazione ai tecnici dell’agenzia Onu, chiamati a ispezionare un sito a sud della capitale. Il direttore generale manifesta “disappunto” ed esclude nuovi colloqui a breve. L’inviato iraniano parla di incontri “intensi” che continueranno in futuro. Pochi i progressi ottenuti sinora.

    Teheran (AsiaNews/Agenzie) - L'Iran ha negato l'autorizzazione a un team di esperti delle Nazioni Unite, chiamati a ispezionare un sito militare di primo piano. Lo riferiscono fonti dell'Agenzia dell'Onu per l'energia nucleare (Aiea), secondo cui i negoziatori non hanno raggiunto un accordo sul sopralluogo nell'area di Parchin, a sud di Teheran, nonostante gli "sforzi intensi" messi in campo. Gli inviati delle Nazioni Unite avrebbero dovuto chiarire le "possibili dimensioni militari" del programma nucleare iraniano. In un comunicato stampa, il direttore generale Aiea Yukiya Amano ha manifestato il suo "disappunto" perché il regime degli ayatollah "non ha accettato la nostra richiesta di visitare Parchin".

    Secondo l'Iran il programma atomico è di natura pacifica e serve solo alla produzione di energia, senza implicazioni di natura militare. Al contrario, l'Occidente non crede alla versione di Teheran e afferma che gli studi sono volti alla produzione della bomba atomica. Fonti dell'Agenzia atomica Onu riferiscono che, all'indomani della due giorni di colloqui, il team lascia il Paese senza alcun accordo su un documento che dovrebbe "agevolare il chiarimento di questioni irrisolte". Un nulla di fatto che segue il fallimento degli incontri di gennaio, anch'essi incapaci di produrre risultati di sorta.

    Analisti ed esperti sospettano che Parchin sia l'area in cui, negli ultimi anni, il regime ha sperimentato esplosivi connessi al programma atomico. L'inviato iraniano presso l'Aiea, con base a Vienna, spiega che Teheran "si aspetta" nuovi colloqui per il futuro con i rappresentanti dell'agenzia. Per Ali Asghar Soltanieh gli incontri sono stati "intensi" e continueranno "in futuro".

    Tuttavia, gli esperti sottolineano che finora i negoziati hanno sortito "pochi progressi" e il rifiuto opposto in questi giorni da Teheran  "non sorprende". Gill Tudor, portavoce del direttore generale Aiea, aggiunge che "al momento" non vi è alcun accordo per "nuove discussioni" o incontri "nel futuro immediato", smentendo di fatto quanto ha affermato l'inviato iraniano.

    Nei giorni scorsi Stati Uniti e Unione europea avevano manifestato "cauto ottimismo" (cfr. AsiaNews 18/02/2012 Nucleare iraniano: cauto ottimismo di Usa ed Europa sulla ripresa dei dialoghi) per la possibile ripresa dei dialoghi a Sei sull'atomica di Teheran. Il mancato accordo potrebbe dare nuovo impulso alle posizioni del fronte interventista, con Israele che appare sempre più intenzionata a portare un attacco militare contro i siti nucleari iraniani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/11/2009 IRAN
    Teheran: no all’invio all’estero di uranio arricchito
    Lo ha affermato Alaeddin Borujerdi, presidente della commissione parlamentare per gli affari esteri. Il parlamentare aggiunge che si stanno cercando “soluzioni alternative" e che l’Occidente “non può imporre scadenze”. Crescono i timori che l’Iran stia fabbricando in segreto la bomba atomica.

    24/10/2009 IRAN
    Aiea, Teheran temporeggia: risposta sul nucleare rimandata alla settimana prossima
    Il governo iraniano valuta in modo “favorevole” la proposta dell’Aiea – approvata da Stati Uniti, Russia e Francia – ma chiede “altro tempo”. Per ElBaradei un accordo porterà una “nuova era di cooperazione”. Lo slittamento dovuto o a contrasti interni alla leadership iraniana o è il tentativo di continuare in segreto il programma nucleare.

    01/04/2010 CINA – IRAN
    Pechino: “Sul nucleare iraniano, soluzione pacifica”
    Il portavoce del ministero degli Esteri Qin Gang sottolinea: “Sì ai colloqui con il 5+1, ma privilegiamo la diplomazia alle sanzioni”. E oggi a Pechino arriva il capo negoziatore per il nucleare di Teheran.

    10/10/2017 12:16:00 ISRAELE - IRAN - USA
    Israele, ex capo intelligence: Trump mantenga l’accordo sul nucleare iraniano

    Amos Yadlin invita la Casa Bianca a non mettere fine al Jcpoa e riservare la “minaccia” di un ritiro in un momento “più strategico”. Per esercitare maggiori pressioni su Teheran serve il sostegno dell’Europa. Direttore generale Aiea: l’Iran rispetta “tutti gli impegni presi”. Premier britannica: ha “neutralizzato” la ambizioni nucleari della Repubblica islamica.

     



    13/05/2010 ISRAELE – ONU
    Nucleare: l’arsenale israeliano al centro del prossimo incontro Aiea
    L’agenzia dell'Onu chiede che la posizione di Tel Aviv sia discussa nel vertice di giugno. Israele non ha mai firmato il Trattato di non proliferazione, perché comporta l’apertura dei siti agli ispettori. Esperto israeliano: posizione sbagliata, serve trasparenza. Washington declassa una lettera di Kissinger a Nixon, che autorizza il nucleare israeliano.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®