1 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/07/2012
SIRIA
Al Cairo, le divisioni dell'opposizione siriana
La Lega Araba tenta una mediazione fra i vari gruppi. Assente il Free Syrian Army, contrario a una risoluzione pacifica del conflitto. Human Rights Watch pubblica un rapporto shock sulle torture del regime di Assad.

Il Cairo (AsiaNews/ Agenzie) - L'opposizione siriana si riunisce al Cairo per tentare di ricucire le proprie divisioni e studiare un piano di transizione per il dopo Assad. Organizzato dalla Lega Araba in collaborazione con Consiglio nazionale siriano (Cns),  l'incontro è stato boicottato dal Free Syrian Army (Fsa). In un comunicato, il principale gruppo armato ribelle ha definito la riunione un "complotto" per favorire il regime e suoi alleati: Russia e Cina, ribadendo la necessità di un intervento armato internazionale per fermare le violenze. Iniziata ieri, la due giorni del Cairo mira a fissare tempi e modalità di un'eventuale transizione politica, che tenga conto di tutte le componenti della società siriana. Il Cns e gli altri gruppi di opposizione rimangono divisi sull'ipotesi di comprendere nella coalizione anche i membri del regime. Ieri, Nasser el-Qidwa, consigliere di Kofi Annan inviato di Onu e Lega araba per la crisi siriana, ha sottolineato che "per conquistare la fiducia della popolazione, l'opposizione siriana deve essere unita. Questa non è una semplice scelta, ma una necessità".

L'incontro del Cairo segue il summit del Gruppo di azione per la Siria tenutosi a Ginevra il 1° luglio, fallito a causa dell'ennesimo no di Cina e Russia a pressioni diplomatiche per costringere Assad a lasciare il potere. Secondo i due principali alleati del regime, è il popolo siriano che deve scegliere il suo futuro, non la comunità internazionale. A tutt'oggi, Mosca e Pechino non hanno ancora confermato la loro presenza alla riunione degli "Amici della Siria" in programma il 6 luglio a Parigi.

I conflitti interni all'opposizione siriana, le divisioni fra i Paesi della comunità internazionale e l'ingerenza di Stati come Arabia Saudita e Russia rendono sempre più improbabile una soluzione pacifica nel breve periodo. Confinato per oltre un anno alle roccaforti ribelli delle regioni di Homs, Hama e Deraa, il conflitto ha coinvolto nelle ultime settimane anche Aleppo e Damasco. Ieri, nella periferia della capitale, l'esercito ha respinto con elicotteri d'assalto un attacco dei ribelli. Pesanti bombardamenti e scontri con carri armati si sono verificati anche nei villaggi a pochi chilometri da Aleppo.   

Intanto, Human Rights Watch ha diffuso oggi un rapporto dove accusa il regime di torture perpetrate contro i prigionieri politici, rapimenti e arresti arbitrari. L'organizzazione ha raccolto oltre 200 testimonianze di detenuti nelle prigioni siriane, che descrivono i metodi di confessione forzata utilizzate dagli uomini di Assad. Con tale documento Hrw vuole spingere la comunità internazionale a compiere azioni più concrete per fermare il conflitto, costato fino ad ora oltre 16.500 morti e circa 100mila sfollati.  

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/06/2012 SIRIA
Siria, Kofi Annan: il piano di pace ha bisogno dell'intervento del Consiglio di sicurezza
17/06/2013 SIRIA
I massacri degli estremisti islamici rafforzano Bashar al-Assad
05/06/2012 SIRIA
I ribelli siriani per la "guerra totale". Assad espelle alcuni ambasciatori
21/02/2013 SIRIA
Siria, attentato suicida nel centro di Damasco, 53 morti
26/08/2013 SIRIA - ONU
Siria, l'Onu lancia l'inchiesta sulle armi chimiche. La comunità internazionale si spacca

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate