24 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/01/2017, 15.19

    EGITTO-ISLAM

    Al Sisi: Costruiremo la Chiesa più grande dell’Egitto

    Loula Lahham

    Il presidente egiziano fa la promessa al patriarca Tawadros. Il Centro per la ricerca legale islamica difende il diritto dei cristiani di costruire chiese in Paesi musulmani. Ma i copti sono ancora discriminati nella società.

    Il Cairo (AsiaNews) – “Costruiremo la più grande chiesa d’Egitto nella nuova capitale amministrativa del Paese”: è quanto ha promesso il presidente egiziano Abdel-Fattah Al Sisi al patriarca copto Tawadros in occasione della festa del Natale ortodosso.

    L’ex generale ha partecipato alla messa di mezzanotte del 6 gennaio scorso, presieduta da Tawadros. Questo è il terzo anno che il presidente si reca in una chiesa, per cercare di rassicurare la minoranza cristiana contro i violenti attentati che la colpiscono, l’ultimo dei quali lo scorso dicembre.

    Nella nuova capitale alla periferia del Cairo sarà costruita anche la moschea più grande del Paese. Il progetto per la nuova capitale è divenuto una necessità per diminuire la concentrazione di popolazione nel Cairo. Nel nuovo centro del Paese saranno trasferiti anche le organizzazioni politiche ufficiali e diversi ministeri. In programma anche la costruzione di alloggi per almeno 5 milioni di persone.

    I fondi per le due costruzioni, la chiesa e la moschea “più grandi del paese” cominciano ad affluire. Lo stesso Al Sisi ha offerto 100mila lire egiziane (circa 5200 euro). Anche uomini d’affari egiziani, di tutte le confessioni, stanno partecipando per esprimere il loro sostegno alla politica del presidente e per apparire “patriottici” davanti a lui.

    Nei giorni scorsi, Dar Al-Iftaa, l’istituto per la ricerca legale islamica, ha diffuso anche un avviso in cui si spiega che è legittimo permettere ai cristiani di costruire delle chiese in Stati musulmani, nel rispetto delle leggi di ogni Paese. Ciò è una prova che la religione musulmana può consentire delle leggi basate sul principio di eguaglianza fra i cittadini di uno stesso Stato.

    Abdel-Fattah Al Sisi ci tiene a presentarsi come difensore dei cristiani, pur senza mettere in crisi le pesanti discriminazioni sociali che pesano sui copti i quali non possono accedere a diversi posti e posizioni nella polizia, nell’esercito o nella giustizia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/04/2015 EGITTO - ISLAM
    Ergastolo a 69 islamisti per l’incendio della chiesa di Kerdasa
    E’ la prima volta che un edificio cristiano viene trattato come edificio religioso “non di seconda classe”. Condannati a 10 anni anche due minorenni per aver partecipato all’incendio, avvenuto fra il 14 e il 15 agosto 2013. Dopo la deposizione di Morsi e lo sgombero dei raduni dei Fratelli musulmani sono stati bruciati circa 60 chiese, scuole, case di cristiani. L’indipendenza della magistratura e la voglia di dimenticare della popolazione.

    11/08/2015 EGITTO - ISLAM
    P. Samir: Il nuovo canale di Suez un segno del successo di al-Sisi, amato dagli egiziani
    Le spese del nuovo canale sostenute da tutti gli egiziani; la lotta contro il terrorismo sul Sinai; elettricità tutto il giorno: anche intellettuali musulmani “di sinistra” guardano bene al lavoro del nuovo presidente nel campo dell’economia, della sicurezza e della convivenza interreligiosa. Ancora troppo occidente difende Mohamed Morsi e i Fratelli musulmani, dimenticando che la cultura egiziana è una cultura medio-orientale.

    28/04/2017 18:23:00 EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente

    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.



    06/04/2017 10:01:00 EGITTO-ISLAM
    Al Azhar e i diritti dei cristiani nel mondo islamico

    A poche settimane dal viaggio di Papa Francesco in Egitto, la più autorevole università sunnita ha difeso diritti uguali per cristiani e musulmani. Ma nel mondo arabo-islamico, le minoranze religiose soffrono. Tutte le Costituzioni impongono restrizioni: divieto di raduni comunitari; a cambiare religione; ad assumere alte cariche di governo. L’emarginazione sta portando alla fuga dei cristiani dal Medio oriente.



    22/10/2014 EGITTO
    Portavoce Chiesa cattolica: Vicina una legge per la libera costruzione delle chiese
    P. Rafic Greiche parla ad AsiaNews della bozza di un decreto che elimina le restrizioni per l'edificazione di luoghi di culto cristiani. Tra gennaio e febbraio il Parlamento dovrebbe passare il provvedimento. Con il governo al-Sisi migliora la sicurezza per i cristiani e la convivenza con i musulmani. "L'Egitto ha trovato se stesso".



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®