18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/12/2017, 14.36

    CINA

    Al freddo e al gelo: il governo cinese vuole energia pulita, ma non vi è gas a sufficienza per il riscaldamento



    Le autorità spingono a usare il gas al posto del carbone per ridurre l’inquinamento. I prezzi del gas sono aumentati del 20%. Centinaia di autocarri trasportano il gas liquido da Zhuhai (Guangdong) fino all’Hebei, Shanxi, Hunan per quasi 3mila km.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nel tentativo di avere un’atmosfera più pulita, il ministero dell’energia continua a spingere i cinesi a utilizzare il riscaldamento a gas e non quello a carbone. Ma la decisione sta creando molti problemi perché la troppa domanda ha creato carenza di gas. E così, soprattutto nelle campagne, per non restare al freddo e al gelo.

    La carenza di gas è cominciata il mese scorso. In poche settimane vi è stata una riduzione fino al 20% delle forniture. La carenza ha portato a un aumento dei prezzi, tanto che nel nord del Paese il prezzo del gas liquido è raddoppiato, arrivando fino a 8mila yuan per ton.

    L’aumento dei costi per il gas ha costretto molti contadini – fra i più poveri del Paese – ad abbandonare l’idea di riscaldare la casa con il gas e sono ritornati all’uso del carbone.

    La carenza di gas naturale si fa sentire soprattutto nell’Hebei, nello Shanxi e nell’Hunan. A causa del freddo glaciale, il ministero dell’energia ha permesso ancora l’uso del carbone, promettendo di potenziare la costruzione di gasdotti e centrali a gas. Intanto, schiere di autocarri pieni di gas liquido (v. foto) percorrono fino a 3mila km da Zhuhai (Guangdong), dove sono i depositi, fino alle province del nord, facendo aumentare ancora di più il prezzo del gas.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/06/2009 CINA
    Pechino proibisce nuovi impianti che non producano energia pulita
    Le ditte China Huaneng Group e China Huadian Group sono accusate di realizzare dighe su un fiume senza autorizzazione, per le esigenze di impianti idroelettrici.

    25/03/2015 CINA
    Pechino, l’ultima centrale a carbone chiuderà nel 2016
    La capitale cinese ha un livello di inquinamento pari al doppio della media nazionale. Nell’area hanno operato per decenni quattro mega strutture energetiche a carbon fossile. Il minerale fornisce ancora circa il 70% del fabbisogno nazionale, ma i danni all’ambiente sono incalcolabili.

    14/09/2007 CINA
    Carburante “pulito” da rifiuti ed escrementi
    La Cina vuole usare energia “pulita”, per diminuire gli immensi costi economici e ambientali dello sviluppo. Metano dai rifiuti nello Shaanxi e una città ecologica vicino Shanghai. Esperti: il problema sono le fabbriche, occorre una politica che privilegi l’ambiente sulla produzione.

    28/10/2008 CINA
    La Cina si confronta con la crescente disoccupazione
    Migliaia di fabbriche hanno chiuso o stanno per farlo. Lo Stato paga sussidi agli operai licenziati, per evitare proteste di piazza, e investe in maggiori servizi interni. Il costo “nascosto” per la produzione di carbone. Prestiti bancari non recuperabili per 1,27 trilioni di yuan.

    23/09/2009 ASIA - ONU
    Le vaghe promesse di Cina e India sul clima
    Il presidente Hu Jintao si impegna a contenere le emissioni di anidride carbonica, ma non prende impegni precisi. Simili posizione dell’India, che si dice disponibile ma non vuole assumere impegni se non è prima predisposto un piano globale.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®