28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/05/2016, 08.58

    ISRAELE - PALESTINA

    Al via il processo contro il soldato israeliano che ha ucciso un palestinese, a terra e inerme



    Il tribunale di Jaffa ha aperto il procedimento contro il 19enne sergente Elor Azaria, alla sbarra per omicidio colposo. La difesa proclama l’innocenza dell’imputato, che avrebbe agito secondo le regole di ingaggio. I giudici invitano le parti al patteggiamento. Entro la settimana l’accusa deve decidere se accogliere o rigettare l’istanza. 

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) - Si è aperto ieri pomeriggio nel tribunale militare di Jaffa il processo a carico del soldato israeliano alla sbarra con l’accusa di omicidio colposo, per aver sparato a sangue freddo a un giovane assalitore palestinese steso a terra e inerme. Il 19enne sergente dell’esercito Elor Azaria ha aperto il fuoco e colpito alla testa il 21enne palestinese Abdul Fatah al-Sharif durante un tentativo di assalto contro soldati israeliani a Hebron, in Cisgiordania.

    Interpellato dai giudici, il sergente ha respinto l’accusa di aver violato le regole di ingaggio stabilite da Israele e di essere intervenuto senza giustificazione.

    Il mese scorso migliaia di persone sono scese in piazza a difesa del militare, invocando a gran voce la sua liberazione perché avrebbe agito in base alla legge e in difesa del Paese e dei suoi cittadini. 

    Diversa l’opinione di attivisti e organizzazioni pro diritti umani, secondo cui il sergente Azaria ha compiuto un omicidio extragiudiziale e per questo deve rispondere del crimine commesso. 

    La vicenda risale al 24 marzo scorso e mostra la profonda spaccatura in seno alla società israeliana, non solo fra colpevolisti e innocentisti ma anche sulle politiche da adottare verso i palestinesi e in tema di sicurezza. Il militare ha sparato al giovane palestinese, che in precedenza aveva attaccato con un coltello altri soldati, ferendoli. L’assalitore era già steso a terra, in condizione di non poter più nuocere, anch’egli ferito. Ciononostante, il militare - intervenuto in un secondo momento - ha puntato il fucile e ha sparato, uccidendolo sul colpo. 

    Binyamin Malka, uno dei legali del giovane soldato, ha affermato a inizio procedimento che “la verità emergerà. Il cammino è lungo. Siamo pronti a resistere” per difendere la verità. 

    Per il pubblico ministero militare Elor Azaria “ha violato le regole di ingaggio, in mancanza di una giustificazione operativa”, perché “il terrorista era riverso a terra ferito” e in quel momento “non costituiva una minaccia immediata per l’imputato o altre persone presenti”.

    Dalle immagini catturate da un palestinese e diffuse dagli attivisti di B'Tselem si vede il soldato israeliano che spara in fronte al militante palestinese, steso a terra, senza che questi compia alcun gesto o provocazione. Poco prima dello sparo si sentono alcuni soldati esclamare, in ebraico, “il cane è ancora vivo”. Poi l’esplosione e il soldato che ha aperto il fuoco che grida: “Questo terrorista merita di morire”.

    Nel memoriale difensivo, il sergente Azaria ha detto di aver sparato temendo che Abdul Fatah al-Sharif indossasse una cintura esplosiva e volesse farsi saltare in aria. Una versione che contrasta però con le frasi urlate dal militare prima di aprire il fuoco e con quanto emerge da un secondo filmato, diffuso nei giorni scorsi, in cui si vede che il coltello si trova ad almeno un metro di distanza dal palestinese riverso a terra. 

    Nel corso della prima udienza i giudici (una giuria composta da tre togati) ha invitato le parti - pm e difesa - a patteggiare, raggiungendo una soluzione di compromesso. La pubblica accusa ha una settimana di tempo per accogliere (o rigettare) l’istanza. 

    Dall’ottobre scorso, dopo una serie di provocazioni da parte di ebrei ultra-ortodossi di andare a pregare sulla Spianata delle moschee  si sono moltiplicati incidenti e scontri in Israele e nei territori palestinesi, nel contesto della cosiddetta “intifada dei coltelli”. Finora sono stati uccisi oltre 220 palestinesi, 29 israeliani, due americani, un sudanese e un eritreo. La maggior parte dei palestinesi è stata uccisa mentre tentavano di accoltellare o di colpire con armi o con l’auto passanti o soldati. Altri sono stati uccisi nel corso di manifestazioni o in scontri con i militari.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/03/2017 11:25:00 ISRAELE - PALESTINA
    Uri Avnery: la vicenda del sergente Azaria specchio della frattura nella società israeliana

    Il soldato che ha sparato a un giovane palestinese, ferito e inerme, non mostra pentimento. Il processo pretesto per una protesta contro l’esercito e la struttura dello Stato. L’odio profondo fra aschenaziti e mizrahì. Anche l’esercito non è più garante di unità. Fine dell’occupazione per sanare le fratture. Per gentile concessione di Gush Shalom, traduzione a cura di AsiaNews.

     



    21/02/2017 14:38:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele, 18 mesi al soldato che ha ucciso l’assalitore palestinese a terra e inerme. Peace Now: “Situazione esplosiva”

    Lieve pena detentiva per il sergente Elor Azaria. L’omicidio prevede sino a 20 anni di carcere. Il pm aveva chiesto una condanna fra i tre e i cinque anni. L’udienza si è tenuta presso il ministero della Difesa a Tel Aviv. All’esterno imponenti misure di sicurezza. Attivisti e militanti di destra in piazza contro la condanna. Attivista israeliana: Possibili influenze esterne, atmosfera tossica.



    05/01/2017 08:51:00 ISRAELE - PALESTINA
    Netanyahu chiede il perdono del soldato israeliano condannato per l’omicidio di un palestinese

    A poche ore dalla condanna, il premier israeliano avanza già la richiesta di perdono per il sergente Elor Azari. Egli ha parlato di “giorno duro e doloroso” e conferma il pieno sostegno al militare e alla famiglia. Il presidente israeliano ricorda che ogni azione è al momento “prematura”. La richiesta potrà essere esaminata dopo che i giudici avranno stabilito la pena.

     



    04/01/2017 14:13:00 ISRAELE - PALESTINA
    Condannato il soldato israeliano che ha sparato a un giovane palestinese, a terra e inerme

    Il tribunale militare ha ritenuto colpevole di omicidio colposo il sergente Elor Azaria. Egli rischia fino a 20 anni di galera; la pena verrà stabilita nelle prossime settimane. In due ore e mezzo i giudici hanno respinto le ragioni della difesa, sostenendo che il 21enne palestinese non costituiva una minaccia.

     



    02/04/2016 09:50:00 ISRAELE - PALESTINA
    Niente carcere per il militare israeliano che ha freddato un palestinese a terra e inerme

    Il soldato che ha ucciso a sangue freddo il 21enne Abdul Fatah al-Sharif affronterà il processo da uomo libero. I giudici hanno deciso per il soggiorno nella base militare di appartenenza. Egli rifiuta di collaborare e non risponde alle domande. Polemica anche sul capo di imputazione, ritenuto troppo lieve. Movimenti di estrema desta in piazza per il suo proscioglimento da ogni accusa.





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®