20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/05/2016, 12.38

    ASIA CENTRALE – ASIA DEL SUD

    Al via il progetto di rete elettrica CASA-1000 tra Asia centrale e meridionale



    Tajikistan e Kyrgyzstan forniranno elettricità ad Afghanistan e Pakistan. Il costo per progetto è di 1,2 miliardi di dollari e sarà completato entro il 2018. Tutti i Paesi contraenti trarranno benefici economici, garantendo anche la stabilità regionale. La fornitura di corrente al Pakistan eviterà i cali di tensione in estate, che causano centinaia di vittime tra la popolazione.

    Dushanbe (AsiaNews/Agenzie) – Dopo 10 anni di negoziati, è partito il progetto CASA-1000 (Central Asia - South Asia) per la fornitura di energia elettrica da parte di Tajkistan e Kyrgyzstan ad Afghanistan e Pakistan. La costruzione della nuova rete elettrica sarà completata entro il 2018 e già viene salutata come uno dei più importanti accordi commerciali degli ultimi tempi tra i Paesi dell’area. L’intesa – per un valore di 1,2 miliardi di dollari – rappresenta non solo un vantaggio economico per tutti i contraenti, ma servirà anche a mantenere la stabilità regionale, garantire sicurezza e prosperità.

    L’accordo è stato siglato lo scorso 12 maggio a Dushanbe. Erano presenti i leader politici dei quattro Paesi in questione, che hanno parlato di “accordo storico”. Nawaz Sharif, premier pakistano, ha dichiarato che il CASA-1000, insieme ad altri due progetti commerciali (il Cpec con la Cina e il Tapi con India e Turkmenistan), “è tra i maggiori risultati del mio governo”. Sooronbai Zheenbekov, primo ministro del Kyrgyzstan, ha aggiunto che il progetto “darà una potente spinta al rafforzamento della cooperazione reciproca con l’Afghanistan”.

    Il progetto prevede la costruzione di 1.222 km di rete elettrica tra Kyrgyzstan e Tajikistan. La rete produrrà energia elettrica pulita che verrà distribuita in Afghanistan (300 MW) e in Pakistan (1000 MW). La costruzione è finanziata da Stati Uniti, Gran Bretagna e dalle massime istituzioni finanziarie internazionali: Banca mondiale, European Investment Bank e Islamic Development Bank.

    La nuova rete creerà vantaggi economici per ogni Paese, aumentando l’occupazione nelle repubbliche dell’Asia centrale, garantendo entrate consistenti per l’Afghanistan (da cui transiterà la porzione di elettricità fornita al Pakistan), ed evitando al Pakistan di rimanere senza corrente nei mesi estivi, durante i quali spesso avvengono cali di tensione che provocano gravi conseguenze per la popolazione.

    L’obiettivo dichiarato da tutti è garantire la sicurezza nell’area attraverso lo sviluppo dei commerci, favorendo anche il contatto tra le popolazioni. Per questo fine, la Banca mondiale ha stanziato 40 milioni di dollari da distribuire nelle aree di frontiera. Il premier pakistano Sharif infine ha detto: “Sono fiducioso che presto verrà il giorno in cui l’Asia meridionale sarà del tutto integrata con l’Asia centrale attraverso l’energia e le rotte commerciali, stimolando lo sviluppo economico e sociale e portando prosperità nella regione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/04/2017 15:49:00 ASIA CENTRALE
    Il futuro dell’Asia Centrale: molte opportunità, ma serve cooperazione

    I cinque Paesi divisi da questioni irrisolte del periodo sovietico e dispute di frontiera. Russia e Cina condividono l’influenza economica e politica. Nuove iniziative, anche da Ue e Usa. Opportunità di ritrovare rilievo regionale, se non globale, ma i Paesi devono cooperare.



    06/08/2011 ASIA CENTRALE
    Cresce il rischio di una “guerra” per l’acqua
    Il Kazakistan chiede al Kirghizistan più acqua; l’Uzbekistan cerca di impedire al Tagikistan di costruire una diga necessaria per l’energia idroelettrica. Nella regione le fonti d’acqua non bastano più: senza un accordo per lo sfruttamento, si profila uno scontro sempre più duro.

    27/02/2015 TAJIKISTAN - ASIA CENTRALE
    Tajikistan, la Banca Mondiale investe per far uscire il Paese dall'isolamento stradale
    L'organizzazione internazionale sostiene il commercio tra i Paesi dell'Asia Centrale. Il progetto di riqualificazione stradale prevede collegamenti tra Tajikistan, Uzbekistan e Kyrgyzstan. Il ministro dei Trasporti del Tajikistan vuole anche migliorare la gestione delle strade. Dal 1996 la Banca Mondiale ha fornito 978 milioni di dollari.

    06/10/2008 KYRGYZSTAN
    Terremoto in Kyrgyzstan, più di 60 morti e un villaggio raso al suolo
    Si cercano ancora i feriti a Nura, villaggio al confine fra Kyrgyzstan e Cina, distrutto dal sisma di magnitudo 6.6 che ha colpito ieri sera l’Asia centrale. La scossa è stata avvertita anche in Tajikistan, Uzbekistan e Cina, dove si sono registrati danni di lieve entità.

    13/03/2017 15:38:00 TURKMENISTAN
    Bloccata la costruzione del più grande gasdotto turkmeno. Peggiora la crisi del Paese

    La “linea D” avrebbe dovuto attraversare Uzbekistan, Tajikistan e Kyrgyzstan per poi giungere nella Cina. Avrebbe dovuto trasportare in Cina circa 30 miliardi di metri cubi di gas turkmeno all’anno.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®