20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 07/12/2010, 00.00

    CINA - VATICANO

    Al via l'Assemblea patriottica cinese: per una Chiesa indipendente, che resista al Vaticano

    Zhen Yuan

    Molti vescovi sono stati deportati per farli partecipare al raduno. Presenti due vescovi le cui ordinazioni sono illecite. Elogio del Partito comunista che “rispetta la religione dei cattolici”. A Hong Kong Giustizia e pace accusa le violazioni alla libertà religiosa e chiede la liberazione di due vescovi e alcuni sacerdoti in prigione.

    Pechino (AsiaNews) – L’Ottava Assemblea nazionale dei cattolici cinesi è cominciato quest’oggi pomeriggio nella capitale, presso lo Youyi Fandian (Friendship Hotel), nel distretto di Haidian (nord di Pechino). Il tema del raduno è roboante: “Sostenere i principi per una Chiesa patriottica indipendente, resistere alle forze esterne alla nazione e unire tutto il clero e i cattolici per camminare sul sentiero della società socialista”.

    Nel gergo comunista cinese, “indipendenza” significa autonomia e distacco da Roma; “forze esterne” significano il Vaticano e la Santa Sede che, esercitando il loro ministero ecclesiale, per l’Associazione patriottica (Ap) e il governo compiono “un’influenza indebita” e “coloniale” sulla Chiesa cinese.
     
    I lavori sono iniziati con una sessione di apertura presieduta dal laico Antonio Liu Bainian, vicepresidente dell’Ap. Mons. Fang Xinyao di Linyi (Shandong) ha fatto il discorso introduttivo, il vescovo Ma Yinglin di Kunming (Yunnan) ha svolto una relazione sui lavori di questi anni; il vescovo Zhan Silu di Mindong (Fujian) ha spiegato le revisioni in atto delle costituzioni dell’Ap e del Consiglio dei vescovi. Ma e Zhan sono entrambi vescovi illeciti, la cui ordinazione e insediamento sono avvenuti nel 2006 e 2000.
     
    Nella Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi si afferma che l’ Ap e il Consiglio dei vescovi – come pure la stessa Assemblea – sono organismi i cui scopi sono “inconciliabili” con la fede cattolica. Per questo fin dal marzo scorso il Vaticano ha chiesto ai prelati di non parteciparvi. L’Assemblea era stata rimandata per almeno quattro anni perché i vescovi ufficiali, in obbedienza alle indicazioni della Santa Sede, hanno sempre rifiutato di prendervi parte.
     
    Secondo l’Amministrazione statale degli affari religiosi (Asar), i partecipanti all’Ottava Assemblea sono 341: fra questi vi sono 64 vescovi, 162 preti, 24 suore e 91 laici. Fino ad ora non si sa se il numero 64 indica i vescovi invitati o i reali partecipanti.
     
    Come già riportato da AsiaNews, diversi vescovi, per evitare di essere trascinati a Pechino, si sono nascosti o si sono dati per malati. Altri sono stati presi di forza da rappresentanti governativi e trascinati all’Assemblea contro il loro volere. Altri ancora, che sapevano di non poter sfuggire, hanno accettato di venire a Pechino, ma hanno deciso di non concelebrare le messe all’Assemblea, essendo presenti alcuni vescovi scomunicati.
     
    Alla cerimonia di apertura hanno preso parte anche Zhu Weiqun, del Fronte Unito, e Wang Zuoan, direttore dell’Asar. Nel suo discorso, Wang ha elogiato il Partito comunista e il governo cinese che rispettano la religione dei cattolici e difendono i loro legali interessi. Erano presenti pure leader delle organizzazioni protestanti, buddiste, taoiste e musulmane.
     
    A Hong Kong, membri della Commissione Giustizia e pace della diocesi hanno protestato davanti all’ufficio dei Rapporti fra Cina e Hong Kong (China’s Liaison Office). I dimostranti hanno sottolineato che l’assemblea in corso a Pechino per tre giorni è contro il diritto canonico e mina la libertà e la vita della Chiesa cattolica in Cina.
     
    Essi hanno ricordato che per preparare l’assemblea, le autorità hanno esercitato violenze e pressioni, coartando vescovi e laici, tenendoli in isolamento o agli arresti e
    Violando la libertà religiosa e i diritti dei cattolici cinesi.
     
    La Commissione ha anche domandato che siano liberati alcuni vescovi e sacerdoti detenuti. Fra questi essi ricordano mons. Su Zhimin, p. Lu Genjun, p. Ma Wuyong, p. Liu Honggeng, tutti di Baoding insieme a mons. Shi Enxiang di Yixian.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2010 CINA - VATICANO
    Ritorna la Rivoluzione Culturale: vescovi cinesi imprigionati o ricercati come criminali
    Associazione patriottica e governo vogliono forzare i pastori a partecipare all'imminente Assemblea dei rappresentanti cattolici, un organismo contrario alla fede cattolica. Un vescovo è scomparso e ricercato come "pericoloso criminale"; un altro è stato rapito dall'episcopio dove era stato condotto e difeso dai fedeli dopo giorni di isolamento.

    07/12/2010 CINA - VATICANO
    Vescovi cinesi deportati per partecipare all’Assemblea patriottica
    Il raduno, inconciliabile con la fede dei cattolici, dovrebbe eleggere i presidenti dell’Associazione patriottica e del Consiglio dei vescovi. Alcuni prelati si sono nascosti per non parteciparvi; altri sono stati portati contro la loro volontà. Il vescovo di Hengshui, sequestrato e strappato alla difesa dei fedeli, è stato portato a Pechino.

    09/12/2010 CINA - VATICANO
    L’Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa
    Ma Yinglin, vescovo illecito, è presidente del Consiglio dei vescovi; Fang Xinyao (un vescovo in comunione col papa) è presidente dell’Associazione patriottica. Nella leadership vi sono tre vescovi illeciti. In futuro vi potranno essere molte più ordinazioni senza mandato papale. Un sacerdote: “Il governo ha creato il caos in modo deliberato”.

    17/12/2010 VATICANO - CINA
    Coraggio e profezia: il Davide-Vaticano e il Golia-Cina
    Le violenze sui vescovi e l’opposizione alla Santa Sede sono un segno di paura nell’affrontare il bivio su cui si trova la Cina: allentare la morsa e procedere verso la democrazia, o rimanere immobili riproponendo lo stile di Mao e delle Guardie rosse. Ma questo rischia di portare alla distruzione il Paese e lo stesso sviluppo economico di cui Pechino è tanto fiera.

    22/11/2010 VATICANO - CINA
    Card. Zen: In Cina non c’è libertà religiosa
    Assoluto controllo sulle comunità ufficiali; sofferenze delle comunità sotterranee; manipolazioni e corruzione sui vescovi, che rischiano di esprimere verso il papa solo un ossequio formale. I problemi della Chiesa in Cina provengono anche dai tentennamenti di parte cattolica. Si rischia di far scivolare tutto verso la schiavizzazione dei pastori e di dimenticare le indicazioni di Benedetto XVI nella sua Lettera ai fedeli della Chiesa in Cina. La relazione del card. Zen per i suoi confratelli cardinali e per il papa prima del Concistoro.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®