18 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/07/2012
SIRIA
Aleppo, al via lo scontro finale fra regime e ribelli
Da questa mattina l'esercito ha ripreso a bombardare la città con elicotteri e carri armati. L'opposizione siriana controlla il 40% della città. Alto il rischio di nuovi massacri. Parlamentare donna filo-Assad fugge in Qatar.

Aleppo (AsiaNews/ Agenzie) - L'esercito siriano si prepara alla battaglia finale con i ribelli. Da  diversi giorni essi sono assediati nei distretti della zona nord e sud occidentale di Aleppo, dove ieri sono morti 34 civili. Questa mattina elicotteri da guerra, blindati e carri armati provenienti dalla provincia di Idlib (confine turco) hanno iniziato a bombardare i quartieri sotto il controllo del Free Syrian Army e di altri gruppi ribelli. Secondo gli esperti, i leader dell'opposizione, di cui l'Fsa è solo una parte, stanno formando un fronte unito per affrontare i militari di Assad in quella che il quotidiano governativo al-Watan ha definito "la madre di tutte le battaglie". Ad essa prenderanno parte tutti gli alleati dei due schieramenti, compresi gruppi paramilitari stranieri, fra cui al-Qaeda ed Hezbollah. Ieri Recep Tayyip Erdogan, premier turco, ha accusato le forze del regime di incursioni nel Kurdistan turco per reclutare miliziani del Pkk, partito nazionalista curdo. Egli ha avvertito che l'esercito di Ankara risponderà in caso di crimini sul suo territorio.

Con 1,9 milioni di abitanti, Aleppo è considerato il principale snodo commerciale e culturale della Siria. Essa è la terza città del mondo arabo per numero di cristiani, circa 300mila, dopo Beirut e il Cairo.

Fonti locali affermano che migliaia di civili stanno lasciando il centro abitato dirigendosi verso il confine con la Turchia.  Segnali preoccupanti di un imminente massacro, giungono proprio dal governo siriano, che oggi ha invitato i funzionari politici  e amministrativi ancora presenti nella città a dirigersi in aereo a Damasco. Molti di loro hanno approfittato dell'occasione per fuggire all'estero. Fra questi vi è Ikhlas al-Badawi, deputata eletta nelle recenti elezioni organizzate dal regime, che ieri ha varcato il confine turco e sarebbe diretta in Qatar, dove risiedono già altri funzionari di spicco del regime. La Badawi è il quarto parlamentare siriano a rompere con il regime.

Oggi, Navy Pillay, commissario Onu per i diritti umani, ha espresso timori per un escalation del conflitto nel Paese, soprattutto ad Aleppo, dove vi sarebbero scontri anche nella "cittadella" proclamata nel 1986 Patrimonio mondiale dell'umanità. La donna ha esortato governo e opposizione armata a proteggere i civili, avendo rispetto delle convenzioni internazionali sui diritti umani. In caso di violazioni vi saranno sanzioni per entrambe le parti. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/07/2012 SIRIA
Al-Qaeda alleato dei ribelli islamici nella lotta contro Assad
10/01/2014 SIRIA
Assad sfrutta la lotta intestina fra i ribelli e tenta la riconquista di Homs
02/09/2013 SIRIA
Siria, la guerra civile continuerà anche dopo la caduta di Assad
18/12/2013 SIRIA
Siria, le minacce di Arabia Saudita e ribelli islamici non fermano Ginevra II
28/03/2013 SIRIA
Strage all'università di Damasco, 12 morti e decine di feriti

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate