29 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/07/2012, 00.00

    SIRIA

    Aleppo, al via lo scontro finale fra regime e ribelli



    Da questa mattina l'esercito ha ripreso a bombardare la città con elicotteri e carri armati. L'opposizione siriana controlla il 40% della città. Alto il rischio di nuovi massacri. Parlamentare donna filo-Assad fugge in Qatar.

    Aleppo (AsiaNews/ Agenzie) - L'esercito siriano si prepara alla battaglia finale con i ribelli. Da  diversi giorni essi sono assediati nei distretti della zona nord e sud occidentale di Aleppo, dove ieri sono morti 34 civili. Questa mattina elicotteri da guerra, blindati e carri armati provenienti dalla provincia di Idlib (confine turco) hanno iniziato a bombardare i quartieri sotto il controllo del Free Syrian Army e di altri gruppi ribelli. Secondo gli esperti, i leader dell'opposizione, di cui l'Fsa è solo una parte, stanno formando un fronte unito per affrontare i militari di Assad in quella che il quotidiano governativo al-Watan ha definito "la madre di tutte le battaglie". Ad essa prenderanno parte tutti gli alleati dei due schieramenti, compresi gruppi paramilitari stranieri, fra cui al-Qaeda ed Hezbollah. Ieri Recep Tayyip Erdogan, premier turco, ha accusato le forze del regime di incursioni nel Kurdistan turco per reclutare miliziani del Pkk, partito nazionalista curdo. Egli ha avvertito che l'esercito di Ankara risponderà in caso di crimini sul suo territorio.

    Con 1,9 milioni di abitanti, Aleppo è considerato il principale snodo commerciale e culturale della Siria. Essa è la terza città del mondo arabo per numero di cristiani, circa 300mila, dopo Beirut e il Cairo.

    Fonti locali affermano che migliaia di civili stanno lasciando il centro abitato dirigendosi verso il confine con la Turchia.  Segnali preoccupanti di un imminente massacro, giungono proprio dal governo siriano, che oggi ha invitato i funzionari politici  e amministrativi ancora presenti nella città a dirigersi in aereo a Damasco. Molti di loro hanno approfittato dell'occasione per fuggire all'estero. Fra questi vi è Ikhlas al-Badawi, deputata eletta nelle recenti elezioni organizzate dal regime, che ieri ha varcato il confine turco e sarebbe diretta in Qatar, dove risiedono già altri funzionari di spicco del regime. La Badawi è il quarto parlamentare siriano a rompere con il regime.

    Oggi, Navy Pillay, commissario Onu per i diritti umani, ha espresso timori per un escalation del conflitto nel Paese, soprattutto ad Aleppo, dove vi sarebbero scontri anche nella "cittadella" proclamata nel 1986 Patrimonio mondiale dell'umanità. La donna ha esortato governo e opposizione armata a proteggere i civili, avendo rispetto delle convenzioni internazionali sui diritti umani. In caso di violazioni vi saranno sanzioni per entrambe le parti. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/07/2012 SIRIA
    Al-Qaeda alleato dei ribelli islamici nella lotta contro Assad
    Foto, video e rivendicazioni di attentati confermano la presenza di centinaia di miliziani sul territorio siriano. La maggior parte proviene da Paesi esteri, fra cui Russia, Somalia e Mali. Organizzazione britannica per la difesa lancia l'ipotesi di un colpo di Stato militare guidato dai Paesi occidentali.

    10/01/2014 SIRIA
    Assad sfrutta la lotta intestina fra i ribelli e tenta la riconquista di Homs
    Dopo Aleppo l'esercito inizia raid aerei contro la storica roccaforte dei ribelli. Da ieri almeno 37 miliziani sono stati uccisi dai militari. A rischio migliaia di civili intrappolati sui due fronti. Lo scontro fra ribelli siriani e al-Qaeda spinge Washington a riconsiderare l'invio di aiuti militari non letali all'opposizione.

    02/09/2013 SIRIA
    Siria, la guerra civile continuerà anche dopo la caduta di Assad
    L'islamologo Francesco Zannini spiega ad AsiaNews le conseguenze dell'imminente attacco Usa alla Siria. Senza un piano strategico, i conflitti fra gruppi religiosi ed etnici potrebbero esplodere in qualsiasi momento. Turchia, Giordania e Israele appoggiano Obama, ma temono una guerra nei loro confini.

    18/12/2013 SIRIA
    Siria, le minacce di Arabia Saudita e ribelli islamici non fermano Ginevra II
    Stati Uniti, Europa e Russia continuano l'approccio diplomatico con il regime di Bashar al-Assad in vista della Conferenza di pace sulla Siria prevista per il 22 gennaio 2014. I leader dell'Islamic Front, principale formazione jihadista, si rifiutano di incontrare l'ambasciatore statunitense a Damasco. L'Arabia Saudita agirà contro Assad con o senza l'appoggio dell'Occidente.

    28/03/2013 SIRIA
    Strage all'università di Damasco, 12 morti e decine di feriti
    Un colpo di mortaio ha colpito i locali della facoltà di architettura nel quartiere degli Omayyadi. Il governo accusa i ribelli. Fonti di AsiaNews: "La guerra avanza verso il centro della città".



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®