17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/10/2012, 00.00

    CAMBOGIA

    Alla sequela di Gesù ho fatto cose che mai avrei pensato di poter fare

    P. Mario Ghezzi

    La testimonianza di un missionario del Pime in Cambogia da 12 anni. "Sono stato prete, parroco, assistente spirituale, costruttore, liturgista, economo, insegnate, superiore, manager e chi più ne ha più ne metta. Ho conosciuto paesi e persone che mai avrei pensato di incontrare nella mia vita. Tutto è stato una lieta sorpresa in questi 12 anni, anche il male e il peccato alla fine sono stati una lieta sorpresa".

    In occasione dell'Anno della fede, AsiaNews pubblica testimonianze di persone che hanno fatto dell'amore per la croce lo scopo della loro vita. "Com'è bello e misterioso guardare quello strumento di morte e di tortura e poter dire: la vita, quella vera, viene da lì, viene da quel dolore, viene da quei chiodi, viene da quel sangue".

    Phnom Penh (AsiaNews) - Sono passati 12 anni dal giorno del mio arrivo in Cambogia. 12 anni, non sono uno scherzo per me che ho "solo" 45 anni, una parte importante della mia vita; sicuramente la più bella e la più intensa. 12 anni vissuti alla sequela del Buon Gesù che mi ha condotto dove mai avrei pensato di arrivare, ho fatto cose che mai avrei pensato di poter fare: prete, parroco, assistente spirituale, costruttore, liturgista, economo, insegnate, superiore, manager e chi più ne ha più ne metta. Ho conosciuto paesi e persone che mai avrei pensato di incontrare nella mia vita. Tutto è stato una lieta sorpresa in questi 12 anni, anche il male  e il peccato alla fine sono stati una lieta sorpresa; si, una sorpresa lieta perché non sono mai riusciti ad avere l'ultima parola ma, da tutte quelle situazioni che avrebbero potuto ferirmi, il Signore ha saputo trarre una nota di bene, di speranza e di progresso spirituale inaspettati.

    Proprio ieri leggevo su una rivista il ricordo di un giornalista circa la sua ultima intervista al compianto Cardinal Martini; il giornalista si rammaricava di non aver potuto commentare col Cardinale una lettera che un detenuto chiese ad un volontario di scrivere per lui, indirizzata alla sua fidanzata. La lettera era uscita molto sintetica e suonava brutalmente così: Scusami, sono un pirla, ti amo (perdonate la crudezza della parola usata...). Che bello saper dire così, con poche parole saper racchiudere il senso di una intera esistenza: richiesta di perdono, riconoscimento della propria pochezza e, nonostante tutto, essere ancora capaci di desiderare di amare e di essere amato. Ed io, dopo 13 anni di sacerdozio e 12 di Cambogia, vorrei dire la stessa cosa al Signore Gesù che sto contemplando, mentre scrivo, sulla croce qui davanti a me: Scusami, sono un pirla, ti amo.

    Può sembrare una parola dura e poco educata, ma dice bene come mi sento di fronte alla bellezza e alla maestà del Nostro Signore che per amore muore sulla croce per noi. Di fronte alla tracotanza di tanto amore non possiamo che riconoscere un bisogno viscerale e assolutamente inevitabile del suo perdono, sempre, comunque, incondizionatamente. Chi di noi potrebbe mai dirsi "degno" di Lui anche solo per un istante? Che tristezza quando qualcuno si accosta al confessionale e mi dice: Padre io non ho peccati... Che tristezza che mi lascia nel cuore questa immensa piccolezza di spirito. Perché fratello ti senti così grande e puro? Ma non vedi che non sei nulla e non puoi nulla di fronte a quell'uomo che per te è morto sulla croce? Quella croce e quei chiodi salvano anche te dal tuo peccato e dalle tue miserie. Come puoi anche solo pensare di non aver bisogno di questa grande e incommensurabile misericordia?

    Guarda la croce, guarda il crocifisso e amalo, abbraccialo come faceva Giovanni Paolo II! Senza quell'amore così, senza sponda, senza limiti, che scandalosamente non chiede nulla in cambio, tu non puoi e non sei nulla. Che strumento adorabile è la croce! Com'è bello e misterioso guardare quello strumento di morte e di tortura e poter dire: la vita, quella vera, viene da lì, viene da quel dolore, viene da quei chiodi, viene da quel sangue che cola. E lì, su quella croce, dentro quei chiodi, nelle gocce di quel sangue che dolorosamente cola, là si incastonano tutti I dolori del mondo. Anche il mio e il tuo! E non dire che tu non hai un dolore che ha bisogno di essere redento, perchè sarebbe il segno che sei morto dentro, non osare pensarlo, ma guarda dentro di te e scopri e ama quel tuo dolore, perchè su quel dolore è pronta ad incastonarsi la Gloria della Croce, ma succederà solo se tu lo vorrai.

    Troppo spesso, noi cristiani, ci dimentichiamo che la Croce è strumento di salvezza; troppo spesso dimentichiamo che il dolore e la sofferenza, non sono altro che l'altro lato della Croce di Cristo.

    Domenica scorsa sono andato a portare la comunione agli ammalati; stranamente in Cambogia il prete non va mai da solo, ma è sempre accompagnato da un nugolo di giovani che portano gioia nelle case dei nostri anziani. Entriamo nell'ultima casa e la nonnina che conosciamo da molto tempo è molto dolorante, le medicine non l'aiutano più. Cerca di voltarsi sul fianco per accogliere il Signore nell'Eucaristia ma ogni singolo movimento al fa urlare di dolore. Le dico di rimanere sdraiata come meglio si sente. Cominciamo la breve liturgia con I ragazzi che guardano al nonnina stralunati nel vedere tanta sofferenza. La nonna si quieta, le dò il Corpo di Cristo, la benedizione finale e poi le sussurro nell'orecchio: nonna, ricordati che stai vivendo un momento privilegiato della tua vita; questo dolore non è solo per te ma per il mondo intero, pensa che sei strettamente unita  a Gesù in croce, il tuo dolore è il suo dolore, ma è un dolore che salva il mondo. Il tuo dolore, nonna, è per il bene tuo e di tutto il mondo. Sappi che Gesù ora ti è vicino in modo particolare. La  nonna si calma, mi stringe la mano e con un sorriso e una lacrima che le riga il volto mi congeda.

    Ogni volta che alzo l'ostia consacrata all'altare della chiesa del Bambin Gesù qui a Phnom Penh, non posso evitare di vedere l'ostia e dietro di essa la grande croce appesa al soffitto che scende fin appena sopra l'altare, ed ogni volta mi dico: Il Signore che sto stringendo nelle mani è lo stesso Signore che vedo sulla Croce ora; croce e risurrezione che diventano, nell'Eucaristia, una cosa sola, un momento unico. Così dovrebbe essere anche nella nostra vita: sapere che gioia e dolore sono una cosa sola; la sintesi sta nel sorriso della nonna con una lacrima che le solca il viso rugoso. Ma tutto questo lo capiremo meglio quando saremo nella magnifica Gloria della vita risorta in Cristo. Quanta nostalgia di quel momento!

    Ad ognuno auguro di sperimentare e di saper cogliere la straordinaria e delicata presenza del Risorto nel dolore, nella malattia e anche nel peccato. Sì perchè nel peccato Gesù non ci lascia mai soli, ma proprio in quel momento viene a cercarci e implorarci di redimerci e di tornare da lui. Come potrebbe lui pensare di perdere anche uno solo di noi dopo aver accettato il dolore scandaloso della Croce? Quando siamo nel peccato Gesù non può far altro che venire a bussare al nostro cuore e dirci insistentemente: torna ti prego, senza di te non posso stare!

    Stasera prima di andare a dormire, date un bacio al crocifisso e ditegli: scusami, sono un pirla, ti amo! E magari ditevelo anche tra marito e moglie, genitori e figli; credo che non possa far male.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/01/2015 CAMBOGIA
    Phnom Penh, edificare la Chiesa a partire "dal tronco"
    Pensieri sparsi di un missionario alle prese con una nuova piccola comunità di 10 persone, fra i quali alcuni disabili. "Le nostre miserie" sono "il terreno più fertile" in cui attecchisce il Vangelo. Una neo-battezzata: "Il dono più bello che ho ricevuto da Dio è la mia disabilità". P. Mario Ghezzi, missionario Pime, è in Cambogia da 16 anni.

    03/05/2013 ASIA - PIME
    La missione del Pime, sulla scia di Benedetto XVI e di papa Francesco
    All'Assemblea generale del Pime si parlerà di missione ad gentes e di "nuova evangelizzazione"; di risveglio missionario per le Chiese di antica data (Italia, Usa, America Latina) e mezzi di comunicazione. Ma soprattutto, di risveglio della fede, secondo l'insegnamento di Benedetto XVI e di "uscire verso le periferie geografiche ed esistenziali", secondo l'invito di papa Francesco.

    01/04/2016 13:59:00 CAMBOGIA
    Sochie, l’angelo di Pasqua per i poveri e i malati di Ta Khmau

    Una madre 40enne con tre figli, che ogni giorno gira in motoretta per i sobborghi più poveri a sud di Phnom Penh, portando sorrisi e speranza ai dimenticati dalla società. La lettera di Pasqua di p. Mario Ghezzi, missionario del Pime da 16 anni in Cambogia.



    15/12/2015 CAMBOGIA - VATICANO
    Giubileo in Cambogia “per scoprire la bellezza del perdono di Dio” (Foto)
    P. Mario Ghezzi, missionario del Pime a Phnom Penh, racconta ad AsiaNews l’apertura della Porta Santa nella capitale. Il vicario apostolico ha condotto 800 fedeli attraverso un portale (costruito per l’occasione) fino alla statua della Madonna. Mons. Schmitthaeusler ha poi indicato le mete del pellegrinaggio giubilare. P. Ghezzi: “Chi viene dal buddismo non sa cosa sia il perdono e fatica a dimenticare un torto. Che il Giubileo sia occasione per sperimentare la misericordia”.

    15/07/2012 VATICANO
    Papa: nella Chiesa siamo tutti corresponsabili, dobbiamo "essere uniti e al tempo stesso missionari"
    Benedetto XVI in vsita a Frascati e all'Angelus parla del primo invio degli apostoli da parte di Gesù. I missionari "non devono essere attaccati al denaro e alle comodità", debbono sapere che potranno essere respinti e perseguitati, dovranno "predicare la giustizia anche contro gli applausi, anche contro il potere umano" e infine "non possono accontentarsi di predicare la conversione", ma dovranno manifestare nella carità la bontà di Dio.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®