05/01/2011, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

Allarme in Giappone: bambini morti per le lezioni di judo

Le famiglie sono preoccupate, in particolare ora che il governo vuole rendere l’arte marziale obbligatoria in tutte le scuole dal 2012. L’associazione dei genitori Japan Judo Accident Victims chiede precise norme di sicurezza. Dal 1983 almeno 110 sono deceduti durante allenamenti, vittime di una “cultura militare” imposta da istruttori ignoranti ai giovani allievi.
 Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Secondo una ricerca, ogni anno in Giappone muoiono in media quattro bambini durante lezioni di judo. La drammatica statistica preoccupa i genitori, soprattutto ora che il Paese sta per rendere questo sport obbligatorio nelle scuole dal 2012.

L’associazione di genitori Japan Judo Accident Victims sta sollecitando il governo perché vengano imposte precise norme di sicurezza nel judo delle scuole. L’organizzazione è stata creata nel marzo 2010 da Yoshihiro Murakawa. L’uomo è convinto che il nipotino Koji, 12 anni, sia morto a causa di un allenamento “spericolato”. Murakawa ha dichiarato: “Diversi fattori sono implicati in questo tema. Innanzitutto, molti istruttori sono ignoranti, e non sanno cosa fare quando si verificano incidenti durante le lezioni”. E ha criticato anche quegli insegnanti che trascurano semplici misure di sicurezza, come concedere il giusto riposo ai bambini.

La mamma di Koji aveva avvisato il maestro dei problemi di asma del figlio, al momento dell’iscrizione al corso in una scuola della prefettura di Shiga (regione di Kansai, zona centrale dell’isola di Honshu). Nel 2009, il ragazzino ha perso conoscenza durante un randori (una simulazione di combattimento) condotto con compagni più grandi, nonostante l’evidente stanchezza. Koji è andato in coma, e un mese dopo è morto. Il signor Murakawa denuncia non l’arte marziale in sé, ma una “cultura militare” del judo imposta dai maestri, che tollera pugni e calci come metodo d’insegnamento per impartire una rigida disciplina agli allievi. “I bambini – spiega – per paura di essere picchiati devono rispettare l’allenatore, e non possono chiedere di riposarsi”.

Secondo una ricerca condotta da Ryo Uchida, un professore della Aichi University of Education, dal 1983 almeno 110 bambini sono rimasti uccisi mentre praticavano judo. Tra il 2009 e il 2010, come riportato da un quotidiano locale, altri 13 bambini sono morti. L’ultimo caso si è verificato lo scorso novembre e ha coinvolto un bambino di 6 anni.

Uchida ha specificato: “Il judo è un’arte marziale e uno sport stimolante e molto educativo per la mente. Ma le scuole devono avere e applicare precise norme di sicurezza”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Judo, mondiali: campione iraniano perde ‘di proposito’ per evitare israeliano in finale
02/09/2019 08:52
Londra 2012: La judoka saudita potrà gareggiare (ma con il velo)
31/07/2012
Londra 2012, la campionessa di judo che fa sognare l’India
17/07/2012
Giappone: allo studio una legge contro i maltrattamenti sui minori
05/03/2019 09:07
Tokyo, ancora maltrattamenti sui minori: più di 130mila casi in un anno
01/09/2018 09:00