04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/04/2009, 00.00

    GIORDANIA-VATICANO

    Amman si prepara a ricevere per la terza volta un papa

    Samar Messayeh

    Nel primo Paese arabo visitato da Benedetto XVI articoli di giornali, un libro, siti internet dedicati al pellegrinaggio papale. Ci si aspetta sostegno alla presenza dei cristiani e al processo di pace e l’apertura di nuove vie al dialogo interreligioso.
    Amman (AsiaNews) – Articoli di giornali, un libro, siti internet: sono molto alti in Giordania l’interesse e l’attesa per la visita di Benedetto XVI, che arriverà ad Amman, prima tappa del suo viaggio in Terra Santa, l’8 maggio e ne ripartirà la mattina dell’11. Sarà il terzo papa a recarsi nel Paese, dopo Paolo VI nel 1964 e Giovanni Paolo II nel 2000.
     
    Si sa bene che il primo motivo del viaggio è religioso, come la visita al luogo del battesimo di Gesù, sul Giordano, ma anche la benedizione della prima pietra dell’università cattolica di Madaba e della chiesa del Battesimo nel Maghtas e altre. Ma ci sono tanti desideri che i popoli del Medio Oriente sperano si realizzino. In primo luogo che dia sostegno alla presenza dei cristiani nella regione, poi che possa spingere il processo di pace e che, con la visita alla moschea Al-Hussein Bin-Talal (nella foto) e l’incontro con capi musulmani e ebrei, apra nuove strade di dialogo interreligioso.
     
    Il libro “Accoglienza e apertura”  
    Padre Rifa’at Bader, portavoce della visita, ha pubblicato il libro “Accoglienza e apertura” che illustra i rapporti tra il Vaticano e la Giordania. Per far capire al popolo di Giordania la situazione diplomatica del Vaticano e introdurre i temi che sentirà durante la visita.
     
    Interviste e articoli
    Sono alcuni dei temi che in questi giorni affrontano i mezzi di comunicazione giordani, che stanno informando e preparando l’opinione pubblica: così, il sito Bakra ha intervistato padre Rifa’at Bader, il giornale Alarab Alyawm ha intervistato il coordinatore della comunicazione per la visita in Terra Santa, Sing. Wadia Abu Nassar, il giornale Alghad ha pubblicato una articolo “Ci visiterà il Sommo Pontefice” di Kamil Alazizat, che dà un benvenuto di cuore da parte di tutti i figli della Giordania, cristiani e musulmani, il giornale Alrai ha pubblicato un articolo “Le Chiese cristiane: la visita del Papa ha importanza religiosa e politica” di Riham Fakhori, che presenta le reazione di cattolici, ortodossi e protestanti alla visita.
     
    Il centro di comunicazioni
    Secondo i media arabi la visita del Papa ha una grande importanza internazionale perché la Giordania è il primo paese arabo nel quale si reca Benedetto XVI. Per dare un’ottima copertura della visita è stato creato un centro di comunicazione specifico, che accoglierà circa mille giornalisti, attrezzato con strumenti di nuova generazione, cento computer con internet, ambienti per trasmissioni live. Ci saranno traduttori immediati in francese, italiano e inglese.
     
    La preparazione dell’International Stadium di Amman, dove il Papa celebrerà la messa
    Uno degli ingegnere ha spiegato la preparazione dell’altare, che sarà posto su una piattaforma ampia per accogliere un centinaio di persone e sarà di 35 metri per 18. Al centro i simboli dei dodici apostoli. Dall’esterno avrà l’aspetto delle nostre chiese tradizionali con raffigurazioni di significato simbolico: la pittura centrale è una Buon Pastore - Gesù Cristo, sopra il trono papale e il logo del Vaticano. Da un lato è raffigurata la Vergine Maria, figlia di questa terra santa, e madre della Chiesa, dall’altro San Giovanni Battista, il protettore del nostro Paese, nel quale ha vissuto e dove ha battezzato Gesù, nel fiume Giordano.
    Di fronte all’altare sarà composta una colomba di fiori come simbolo dello Spirito Santo e accanto il fiume Giordano, dove è stato battezzato Gesù.
    Intorno bandiere della Giordania e del Vaticano, uniti per la terza volta con l’abbracciare di re Hussein con Paolo VI e di re Abdullah II con Giovanni Paolo II e, prossimamente, con Benedetto XVI.
     
    Promuovere il turismo
    Ci si attende che la visita aiuti a promuovere il turismo in Giordania e si considera una vera opportunità per promuovere il turismo religioso, specialmente di pellegrini occidentali ponendo il Paese tra le destnazioni della Terra Santa. 
    Per l’occasione il Jordan Tourism Board ha creato un sito web dedicato alla visita di Benedetto XVI. L'organizzazione ha reso noto che il sito è un progetto multimediale per commemorare questa visita storica e fornire informazioni e notizie sul pellegrinaggio del Papa e sui religioni nel regno. Il sito riporta ache informazioni su Benedetto XVI e Giovanni Paolo II.
    Il direttore generale Hamidi Nayef Al Fayez ha detto che il nuovo sito è stato progettato per accogliere il Papa nella culla della civiltà, aggiungendo che la Giordania fin dagli albori della storia è stata patria di molte civiltà che hanno lasciato in eredità culturale e storica tesori inestimabili. Fayez ha aggiunto che “la Giordania è stata teatro di molti dei principali eventi storici relativi alle tre religioni celesti ed è sede di decine di siti religiosi che raccontano storie di profeti e santi e dei loro seguaci". Il nuovo sito è in sei lingue: arabo, inglese, francese, tedesco, italiano e spagnolo e vi si può accedere dall’indirizzo http://www.visitjordan.com o direttamente su http://www.visitjordan.com/pope.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/05/2009 VATICANO – GIORDANIA
    Papa: La mia visita alla Moschea, un giorno luminoso
    Benedetto XVI si congeda dalla Giordania e torna a sottolineare l’importanza della tolleranza religiosa e la convivenza fra cristiani e musulmani. Apprezzamenti per il contributo del re Abdallah alla pace in Medio oriente. Secondo il re ascemita, se non si approfondiscono seri negoziati di pace, ci sarà una nuova guerra in Medio oriente entro un anno.

    14/03/2006 Vaticano - Terra Santa
    Vaticano: "La presenza dei cristiani in Terra Santa, fondamentale per la pace"

    Nella lettera scritta a tutti i vescovi cattolici per la tradizionale colletta "pro Terra Sancta", il card. Moussa Daoud descrive una zona "teatro di conflitto lungo decenni" e che causa "il preoccupante fenomeno" dell'esodo dei cristiani.



    08/05/2009 VATICANO-GIORDANIA
    Papa: la Chiesa ha contribuito e vuole contribuire alla pace in Medio Oriente
    Ad Amman, prima tappa del suo viaggio in Terra Santa, Benedetto XVI parla di “alleanza tra il mondo occidentale e quello musulmano" e loda il ruolo della Giordania che rispetta la libertà religiosa, favorisce il dialogo e frena l’estremismo.

    15/05/2009 VATICANO-TERRA SANTA
    Papa: in Terra Santa, quando le critiche nascono dalla paura
    Estremisti di tutti i fronti hanno trovato difetti alla visita di Benedetto XVI, il che dimostra che le sue parole di dialogo e tolleranza hanno colpito nel segno. Sull’aereo che lo ha riportato a Roma: per la pace sono più visibili le difficoltà, ma nulla è così visibile come il desiderio di pace.

    06/05/2009 VATICANO
    Papa: in Terra Santa sarò pellegrino di pace
    Messaggio di Benedetto XVI a giordani, israeliani e palestinesi, alla vigilio della partenza per il pellegrinaggio nella terra ove visse Gesù, per “per “condividere le vostre aspirazioni e speranze, così come le vostre sofferenze e difficoltà”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®