18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/11/2004, 00.00

    VIETNAM

    Ancora violenze contro i credenti, ma per il governo "c'è libertà religiosa"



    Minacciata la moglie del pastore protestante incarcerato. Hanoi critica la denuncia del Papa sulle persecuzioni anti-religiose in Asia: "In Vietnam la libertà religiosa è assicurata dalla legge".

    Hanoi (AsiaNews) – In Vietnam continuano le violenze contro le religioni mentre il governo di Hanoi proclama che nel paese "la pratica religiosa è libera".
    L'ultimo episodio di avversione nei confronti delle comunità religiose è stato il raid contro Le Thi Phu Dung, moglie di Nguyen Hong Quang, capo della Chiesa mennonita e noto attivista per i diritti umani, condannato di recente a 3 anni di carcere. E proprio nei giorni scorsi le forze dell'ordine hanno vietato a monaci della Chiesa buddista unificata del Vietnam di incontrare il loro leader Thich Huyen Quang, 87 anni, ricoverato in ospedale.

    Domenica scorsa 40 poliziotti hanno interrotto con la forza un servizio religioso tenuto da Le Thi Phu Dung nella sua casa alla periferia di Ho Chi Minh City. Tutti i presenti alla funzione sono stati denunciati per "incontro illegale" e per "per l'uso di abitazione a scopo religioso". Le autorità vietnamite hanno accusato Le Thi Phu Dung – diventata leader della Chiesa mennonita dopo l'arresto del marito, avvenuto nel giugno scorso – in base all'Ordinanza sulla religione n. 26 del 1999 (art. 7-19): la legge prevede che le attività religiose si possano tenere solo in luoghi approvati dallo Stato e guidate da capi autorizzati dalle autorità. Il governo attualmente continua a non concedere la costruzione di nuove chiese e luoghi di culto: per questo motivo molte denominazioni cristiane usano abitazioni private per incontri religiosi.
    Il raid della polizia di domenica è solo l'ultimo di una serie di intimidazioni e di denunce contro la donna protestante, accusata di "disturbo dell'ordine pubblico": il 13 novembre era stata minacciata che, se non metteva fine alle sue attività religiose, sarebbe stata costretta a lasciare casa sua insieme con i suoi figli. Le Thi Phu Dung è stata oggetto di varie altre intimidazioni e minacce proprio nei giorni in cui il marito veniva condotto in tribunale ad Ho Chi Minh City.
    Fonti dell'organizzazione Freedom House hanno riferito che i giudici non hanno permesso a Nguyen Hong Quang di chiamare testimoni in sua difesa. Il pastore mennonita è stato condannato per "incitazione a resistere a pubblici ufficiali". L'accusa si riferisce al 2 marzo scorso quando Nguyen Hong Quang aveva protestato insieme a decine di persone contro l'imprigionamento di 4 pastori mennoniti. Ai giornalisti occidentali è stato proibito di assistere al processo contro il leader protestante.
    Intanto nei giorni scorsi Le Dung, portavoce del ministero degli Esteri, ha affermato che "in Vietnam il diritto della libertà religiosa è assicurato dalla legge e rispettato nella pratica". Il governo ha da poco approvato una nuova Ordinanza sulle credenze e le religioni, giudicata dai rappresentanti religiosi locali come "limitativa" della libertà religiosa.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2016 12:29:00 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti: La nuova legge sulle religioni, tra novità positive e vecchie ingerenze

    In un documento ufficiale scritto dal Comitato permanente, la Conferenza episcopale dà un giudizio sul progetto legislativo proposto da Hanoi. Lo Stato intende riconoscere le organizzazioni religiose come personalità giuridiche, e il loro diritto di fondare scuole. Rimangono ancora troppe le restrizioni nelle attività religiose e le richieste delle autorità. Il governo tace sulla possibilità di costruire nuove chiese.

     



    21/08/2015 VIETNAM
    Caodaisti e cattolici: La nuova legge sulle religioni è contro i diritti umani. Ma Hanoi rimane sorda
    La bozza della nuova legge non riconosce lo statuto delle religioni e il diritto alla libertà religiosa. Il governo guarda le religioni con sospetto e aggiunge vincoli e controlli che rendono impossibili le attività religiose. Caodaisti, religiosi, vescovi hanno criticato in pubblico la bozza, ma l’Assemblea nazionale è impermeabile a critiche e suggerimenti.

    26/10/2004 VIETNAM
    Isolamento e lavori forzati per Nguyen Dan Que
    L'attivista per i diritti umani è  malato e ha bisogno di cure. Un appello dai suoi familiari.

    20/09/2004 PAKISTAN
    Va portata a livello politico la violenza della polizia contro i cristiani
    Ancora un giovane torturato a morte e manifestanti feriti

    12/11/2004 VIETNAM
    Un pastore protestante condannato a 3 anni di carcere




    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®