24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/12/2016, 13.08

    INDIA

    Andhra Pradesh, fedeli di ogni religione rendono grazie a Maria per i miracoli ricevuti



    Quello di Gunadala è uno dei santuari mariani più importanti di tutta l’India. È stato fondato dai missionari del Pime, che nel 1928 hanno portato una statua della Madonna di Lourdes. Una famiglia non cattolica ringrazia la Vergine per la guarigione di un figlio, malato di cuore. Il taglio dei capelli e della barba come gesto di umiltà nelle preghiere a Dio.

    Vijayawada (AsiaNews) – Al Santuario di Nostra Signora Gunadala Matha, in Andhra Pradesh, fedeli di ogni religione rendono grazie per i miracoli ricevuti. Lo dice ad AsiaNews il nuovo rettore del santuario, p. William Jayaraju Eleti, che afferma che la Vergine viene onorata “soprattutto da fedeli non cattolici, che vengono qui durante tutto l’anno e portano il loro omaggio”.

    Il santuario di Gunadala Matha, nell’area della diocesi di Vijayawada, nasce dall’iniziativa dei missionari del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), che nel 1928 portarono la statua della Madonna di Lourdes e la stabilirono sulla collina “per proteggere la città e mantenerla più vicina a Gesù”. In seguito i padri tracciarono un ripido sentiero che porta fino alla cima del monte, su cui è collocata una croce.

    Ogni anno il luogo attira migliaia di pellegrini. “Non conosciamo il numero preciso – riporta p. William – ma sappiamo che ogni sabato e domenica il santuario è pieno di persone. Si inginocchiano di fronte alla statua della Madonna, posta nella grotta, e pregano con devozione tutto il giorno, fanno promesse di fede e rendono omaggio per se stessi e per le loro famiglie. Il pellegrinaggio termina sul monte, dove è posta la croce”.

    Il santuario mariano è uno dei più importanti di tutta l’India. Qui “i fedeli ringraziano la Madonna per le guarigioni ricevute, le grazie e il sostegno”. “Un giorno – racconta il rettore – una famiglia non cattolica è venuta da me e mi ha riferito che volevano ringraziare la Madre. Uno dei figli era affetto da una grave malattia cardiaca e il medico aveva detto ai genitori che non sarebbe sopravvissuto. Invece il bambino è vivo, ed è guarito dopo che tutta la famiglia ha iniziato a pregare Maria”.

    La statua della Madonna di Lourdes è venerata da “cattolici, protestanti, indù e musulmani, ognuno a modo proprio. Per esempio gli indù offrono ai piedi della Vergine noci di cocco o fiori, in segno di gratitudine”.

    Un altro rituale di venerazione è l’offerta di barba e capelli da parte dei pellegrini, una pratica molto diffusa nei templi dell’Andhra Pradesh. “Alcuni si rasano tutta la testa – racconta il rettore – altri invece offrono solo alcune ciocche. Coloro che tagliano tutti i capelli lo fanno per spogliarsi del tutto nella preghiera a Dio. Ciò è simbolo di una grande umiltà”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/02/2016 15:00:00 INDIA
    India, anche i non cattolici pregano la Madonna di Gunadala

    Ieri la diocesi ha festeggiato la memoria della Madonna di Lourdes. Una statua della Vergine è stata portata nel 1928 dai padri del Pime, che hanno fondato anche la diocesi. Questa è posta su una collina “per proteggere la città e mantenerla più vicina a Gesù”. La festa per l’anniversario della prima apparizione della Madonna a Bernadette ha attirato 1,4 milioni di fedeli, anche non cristiani.



    13/02/2017 12:44:00 INDIA
    Orissa, 200mila fedeli alla festa per i 100 anni del santuario della Madonna di Lourdes

    Il santuario è stato fondato l’11 febbraio 1917 per iniziativa della popolazione locale, scampata nel 1866 ad un’epidemia di colera e vaiolo. I primi a portare soccorso furono i missionari di san Francesco di Sales d’Annecy. I fedeli rendono grazie per le guarigioni miracolose.



    31/01/2017 11:54:00 INDIA
    Governatore dell’Orissa: Il santuario della Madonna di Lourdes sia simbolo di unità e coesistenza pacifica

    Il luogo di culto è stato fondato nel 1917 da missionari francesi. È stato voluto dalla popolazione locale, convinta che l’intercessione della Vergine li avrebbe protetti da fame e pestilenza. Ogni anno attira migliaia di fedeli da tutta l’India. L’anniversario sarà preceduto da una novena di preghiera.



    11/01/2016 INDIA
    Nirmala Giri Mary Matha: la Porta Santa di Eluru
    Mons. Jaya Rao Polimera ha aperto la Porta Santa della Misericordia nel santuario mariano. Inaugurato nel 2000, ogni anno attira migliaia di pellegrini. L’apertura della Porta “è una cosa insolita per gli indiani, abituati a immergersi nelle acque di un fiume”. Missionaria dell’Immacolata: “Persino gli indù e i musulmani sono attratti da questa novità”. Il vescovo di Eluru da mesi non può entrare nella cattedrale, a causa di conflitti con ribelli e malviventi.

    07/04/2016 14:15:00 INDIA
    Uttar Pradesh, una “Missione misericordia” contro il diabete

    Oggi si celebra la Giornata mondiale della salute 2016. In occasione dell’Anno della Misericordia, le suore hanno lanciato una missione in 10 villaggi dell’Uttar Pradesh e dell’Uttarkhand. Creeranno dei campi medici gratuiti in cui svolgeranno analisi del sangue e prevenzione del diabete. I destinatari principali sono donne e bambini.





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®