26 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 07/03/2015, 00.00

    CINA

    Anp: Pechino promette la tutela dell’ambiente, ma censura i documentari sull’inquinamento



    Le contaminazioni di aria, acqua e suolo hanno dominato la prima giornata dei lavoro dell’Assemblea nazionale del Popolo. Xi Jinping punirà “col pugno di ferro” chi viola le norme in materia di ambiente. Ma le autorità rimuovono dal web un documentario (Sotto la cupola) che racconta la coltre tossica che ammanta i cieli cinesi.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - I problemi ambientali che hanno accompagnato lo sviluppo della Cina e gli impegni del governo per risolverli sono i temi al centro della prima giornata della sessione annuale dell'Assemblea nazionale del Popolo (Anp), che si è aperta ieri a Pechino. Gli alti funzionari del partito sono impegnati nella promozione di una campagna volta a rassicurare i cittadini, sempre più preoccupati per le contaminazioni di aria, acqua e suolo. Minacce che incombono sulla crescita del gigante cinese, ma ancor più sulla salute pubblica dei suoi abitanti, in particolare nelle grandi metropoli come Pechino (nella foto). 

    A dispetto dei proclami di facciata, le autorità cinesi cancellano dal web notizie e filmati che denunciano il livello crescente di inquinamento ambientale. A finire nella scure dei censori un documentario sull'aria, diventato in poco tempo virale fra gli internauti del Paese. Secondo quanto riferisce lo stesso direttore del documentario, il governo ne ha ordinato la rimozione da tutti i siti web. 

    Intitolato "Sotto la cupola", pubblicato in rete il 28 febbraio scorso, da ieri risulta inaccessibile; quanti cercano di aprire il file trovano messaggi di errore o l'impossibilità di riprodurre il filmato. Realizzato da Chai Jing, ex giornalista della tv di Stato cinese, è incentrato sulla coltre tossica che, con regolarità sempre crescente, ammanta i cieli della Cina. 

    Tornando all'incontro annuale della Anp, il presidente cinese Xi Jinping ha assicurato di voler "punire, col pugno di ferro, chiunque violi le norme distruggendo l'ecologia o l'ambiente, senza eccezioni". In precedenza era intervenuto il premier Li Keqiang, il quale ha assicurato che il governo intende tagliare i principali inquinanti e migliorare l'efficienza energetica. 

    I vertici di Pechino hanno promesso di tagliare i consumi di carbone per circa 160 milioni di tonnellate entro i prossimi cinque anni; il vice-sindaco della capitale ha aggiunto che verranno chiuse almeno 300 fabbriche nei dintorni e saranno rottamati circa 200mila veicoli inquinanti. 

    Tuttavia, nonostante le promesse di facciata, i cieli sopra Pechino restano avvolti da una coltre di smog e nebbia; anche in questi giorni di Assemblea, il tempo sembra aver voluto ricordare ai delegati quanto i problemi ambientali siano davvero un problema chiave da risolvere, mentre la Cina resta sempre il primo Paese per emissione di gas inquinanti al mondo. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/03/2013 CINA
    All'Assemblea nazionale del popolo, le ultime promesse di Wen Jiabao
    L'annuale raduno del parlamento durerà fino al 17 marzo. Segna la transizione definitiva alla Quinta generazione. Il premier uscente Wen Jiabao ha promesso crescita contenuta (7,5%); inflazione al 3,5; 10% in più nella spesa pubblica. Proclami contro la corruzione e la protezione dell'ambiente. Ma per i cybernauti sono solo "parole" ripetute tante volte in questi anni.

    17/08/2011 CINA
    La Cina inizia a ribellarsi contro l’inquinamento
    I residenti di Dalian scendono in piazza contro una fabbrica chimica, mentre le autorità triplicano la multa contro una compagnia petrolifera che ha inquinato le coste dello Shandong. Nel Paese, noto per le sue debolissime politiche di protezione dell’ambiente, si sta verificando un cambiamento di rotta. E gli analisti avvertono: “E’ soltanto l’inizio”.

    19/09/2009 CINA
    I villaggi-del-cancro: trappole senza uscita
    Il boom industriale ha avvelenato in Cina acque e terreni di interi villaggi. A Shangba l’acqua è color arancio. I residenti si ammalano di cancro, ma senza risarcimento né cure mediche non hanno altro posto dove andare, vittime di un progresso da cui non hanno avuto benefici.

    08/08/2006 CINA
    Anidride solforosa, piogge acide: cresce l'inquinamento nelle città cinesi

    L'alto consumo di carbone è la maggior causa che inquina anche altri Paesi. Stimata una perdita annua di oltre 510 miliardi di yuan e gravi malattie respiratorie. Le autorità locali resistono alle misure di controllo sull'ambiente.



    13/01/2006 CINA - ONU
    L'Onu: Pechino doveva informare la popolazione del disastro ambientale dello Songhua

    Le Nazioni Unite invitano la Cina a predisporre piani per le emergenze ambientali. L'aumento dell'inquinamento, dicono esperti, è tra le cause delle frequenti proteste sociali e può minare lo stesso sviluppo economico e la credibilità interna del Partito.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®