24 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 10/06/2010, 00.00

    TURCHIA – VATICANO

    Arcivescovo di Smirne: Sul martirio di mons. Padovese vogliamo la verità e non “pie bugie”

    Bernardo Cervellera

    Mons. Ruggero Franceschini è in Italia per partecipare ai funerali di mons. Luigi Padovese a Milano. Egli conferma l’uccisione con rituale islamico del Vicario dell’Anatolia. E conferma anche la sanità di mente dell’assassino, da lui conosciuto da molto tempo. Un omicidio programmato e studiato nei particolari da gruppi eversivi, che vogliono allontanare la Turchia dall’Europa. La richiesta di aiuto alla Chiesa universale e a Roma.
    Parma (AsiaNews) – Mons. Ruggero Franceschini, 71 anni, da 6 anni arcivescovo latino di Smirne, è schietto: dopo il martirio di mons. Luigi Padovese la Chiesa in Turchia è prostrata e ferita, ma più unita. Cattolici, ortodossi, armeni, caldei sono molto più fraterni. Il vescovo è schietto anche su un altro aspetto: la Chiesa in Turchia vuole sapere “tutta la verità e solo la verità” sui moventi dell’assassino di mons. Padovese. La Chiesa turca non crede all’omicidio a sfondo sessuale, o alla “pia bugia” della malattia mentale di Murat Altun. Sa che l’uccisione è avvenuta seguendo un rituale islamico, ma anche dietro a questo apparente fanatismo c’è dell’altro. Tanto più che l’omicida non è mai stato un musulmano fervente. Mons. Franceschini ipotizza che l’assassinio è stato studiato con precisione, il killer istruito per bene, e i mandanti devono avere come scopo la destabilizzazione del Paese e l’allontanamento della Turchia dall’Europa.
     
    Con la limpidezza che lo contraddistingue, egli chiede a Roma e alla Chiesa universale di mostrarsi più vicina alla Chiesa di Turchia con intelligenza e solidarietà fattiva. E fa un appello perché volontari, insegnanti, suore e religiosi, vadano in missione in Turchia, a tenere aperte soprattutto le poche scuole cattoliche.
     
    Dopo aver partecipato al funerale di mons. Padovese a Smirne, mons. Franceschini  è venuto in Italia per partecipare ai funerali solenni del vescovo ucciso che si terranno nel Duomo di Milano il prossimo 14 giugno alle 10.30. Ecco l’intervista che ci ha rilasciato.
     
    Eccellenza, dopo il martirio di mons. Luigi Padovese come sta la Chiesa in Turchia?
     
    È senz’altro prostrata, addolorata, ma unita. Al funerale di mons. Padovese, tenutosi nella cattedrale di Iskenderun il 7 giugno scorso, erano presenti diversi vescovi. Vicino a me vi era il vescovo coadiutore degli armeni. Non siamo riusciti a fargli dire nemmeno una parola: era distrutto. È una reazione dovuta allo shock per la morte. Il vicario dei caldei non è venuto, anche se vi erano molti sacerdoti caldei. Vi era pure un vescovo dei siro-ortodossi. Tutti erano prostrati e distrutti. Sul volto di questo armeno si leggeva: “La storia continua”, forse pensando a quanto è avvenuto agli armeni col genocidio del ‘900.
    Anche noi latini non eravamo baldanzosi. Con tutto ciò, abbiamo vissuto un bel momento di unità. E non ci arrendiamo e cerchiamo di tenere in rotta questa barca della Chiesa. Al funerale sono venuti anche tutte le autorità civili della provincia.
     
    Come vede questo assassinio del Vicario dell’Anatolia?
     
    Sull’uccisione di mons. Padovese quello che noi cerchiamo è anzitutto la verità. Il giorno prima del funerale sono giunti a Iskenderun il ministro della giustizia insieme al giudice delegato al processo per questo assassinio. Il giudice non ha detto una parola. Hanno chiesto di vedermi in una saletta riservata e lì ho detto loro: “Noi vogliamo tutta la verità, ma solo la verità. Non vogliamo altre menzogne: che erano in tanti, che erano in pochi, che era un delitto passionale. Non dobbiamo nascondere nulla”.
     
    Io credo che per questo assassinio, che ha un elemento così esplicitamente religioso, islamico, siamo di fronte a qualcosa che va al di là del governo; va oltre, verso gruppi nostalgici, forse anarchici, che vogliono destabilizzare lo stesso governo.
     
    La stessa modalità con cui è avvenuta l’uccisione serve a manipolare l’opinione pubblica. Dopo avere ucciso il vescovo, il giovane Murat Altun ha gridato “Ho ucciso il grande satana. Allah Akbar”. Ma questo è davvero strano. Murat non aveva mai detto queste frasi violente. Io lo conoscevo da almeno 10 anni. Sono io che l’ho assunto al lavoro per la Chiesa. E non si era mai espresso in questo modo. Non era un musulmano praticante. Era un giovane che aveva una cultura cristiana, senza essere cristiano. Né lui, né suo padre erano delle persone nostre nemiche. A mio avviso, sono stati uno strumento nelle mani di altri.
     
    L’uso del rituale islamico serve per deviare le interpretazioni: è come suggerire che la pista è religiosa e non politica. Inoltre, spingendo all’interpretazione religiosa, di un conflitto fra islam e cristiani, si riesce ad infiammare l’opinione pubblica in un ambito in cui noi siamo debolmente creduti e non abbiamo alcuna forza. Del resto, anche il primo ministro Erdogan, ha gli appoggi più forti non nell’islam radicale, ma in quello moderato. E temo che ormai non abbia più nemmeno quello.
     
    Murat Altun ha anche parlato di omosessualità del vescovo e si è detto “depresso e instabile”…
     
    L’assassino ha “confessato” anche la pista sessuale, dicendo che mons. Padovese lo pagava per dei “servizi”. Ma anche questa è un pista che serve a confondere. E non crediamo nemmeno alla solita e frettolosa pia bugia che Murat era malato di mente e un fanatico. Non era né l’uno, né l’altro. Giorni prima ha cercato di farsi passare per pazzo, ma i medici gli han detto di non farsi vedere più perché lui è sano di mente.
    Immagino che abbia avuto dei buoni avvocati come consiglieri per preparare questi alibi e far sì che se condannato, potrebbe cavarsela solo con una condanna di qualche anno.
     
    Qualcuno pensa che date queste violenze, la Turchia non dovrebbe mai entrare in Europa…
     
    Di certo nel movente di questo assassinio, così ben studiato, c’è il desiderio di qualche settore della società turca che non vuole entrare a far parte dell’Europa, e non vuole nessuna novità.
    Speriamo che questa uccisione, invece di allontanarci, ci avvicini di più all’Europa. Anzi, noi speriamo che la nostra amicizia si allarghi ad altri Paesi europei, per collaborare per il nostro benessere e per il vostro, dato che ormai la Turchia è divenuta un grande Paese.
     
    Come vive la piccola Chiesa in Turchia?
     
    La Chiesa di Turchia non è piccola, ma è molto variegata nelle diverse confessioni, anche se in questi ultimi tempi abbiamo imparato a volerci bene. Ai funerali di mons. Padovese vi erano tutti: latini, armeni, cattolici, ortodossi, siro-ortodossi, caldei. Ogni confessione ha fatto una preghiera attorno al feretro.
     
    Avremmo bisogno di sentirci ancora più uniti a Roma. Questo lo dicono anche gli ortodossi, che ormai sempre di più guardano a Roma. Abbiamo bisogno di sentire di più che il cuore della cattolicità pulsa anche per noi. Ci sentiamo un poco abbandonati. Vero è che adesso ci sarà il Sinodo per le Chiese del Medio oriente, che dovrebbe servire anche a far maturare la solidarietà fra noi e la Chiesa universale. Speriamo che sia così; speriamo che il documento del Sinodo non sia solo un documento culturale, che lascia poi il tempo che trova. Deve cambiare qualcosa.
    Se qui in Turchia non ci fossimo noi cappuccini, qualche domenicano, e qualche altro ordine religioso, non vi sarebbero preti. A Smirne vi è solo un sacerdote locale, che ho ordinato io. Gli altri preferiscono andare a vivere all’estero, dove sono più liberi. Non hanno una mentalità di servizio e missione.
     
    Cosa chiede alla Chiesa italiana e universale?
     
    Prima di tutto la preghiera, ma una preghiera consapevole della posta in gioco, su cui non vogliamo rinunciare malgrado le difficoltà: qui è nata la comunità cristiana e qui sono avvenuti i primi concili e non possiamo abbandonare questi luoghi. Occorre una solidarietà non solo proclamata, ma attiva. Ogni anno abbiamo bisogno di aiuti per riparare qualche chiesa, e non sappiamo come fare. Poi occorre comprare un appartamento per far risiedere il prete, uno per farci vivere le suore e poi occorre che vi siano laici e sacerdoti che vengano a vivere con noi.
    Purtroppo, soprattutto gli istituti femminili, quando vedono che venendo in Turchia non possono aprire una casa per accogliere vocazioni, decidono di non venire più. Ma anche se vi sono difficoltà per la libertà religiosa, il lavoro è tanto. In Turchia non c’è libertà a proclamare il Vangelo nelle piazze, non c’è libertà di aprire seminari, o di costruire nuove chiese, ma possiamo lavorare nelle nostre parrocchie già fondate, incontrare persone, trasformare i nostri saloni in chiese…
     
    Quali sono i bisogni più urgenti?
     
    Quello di sostenere le nostre scuole. In Turchia abbiamo ancora qualche scuola, aperta grazie a titoli antichi, quelli ancora prima di Ataturk. Una volta queste scuole erano le migliori della Turchia, ora sopravvivono a malapena. Ma cerchiamo comunque di valorizzarle per salvare i nostri giovani, che nelle scuole statali sono molto maltrattati.
    Purtroppo, i Fratelli delle scuole cristiane si sono ritirati. In campo educativo sono rimaste solo le Suore di Ivrea, ma sono molto anziane. Occorrono insegnanti, volontari per due o tre anni, e istituti religiosi femminili che vengano qui a sostenere queste scuole. Dovrebbero venire anche se non possono aprire una casa per raccogliere vocazioni. É importante andare in Turchia per donare, non per accumulare. Occorre imparare a donare qualcosa a Gesù, oltre che chiedere sempre qualcosa.
    Del resto, è difficile, ma non impossibile far nascere vocazioni, soprattutto maschili. Finora io sono riuscito a ordinare due sacerdoti. Ma queste vocazioni vengono dall’estero, per i quali è importante imparare la lingua turca, che non è facile. Occorre che vi siano vocazioni locali.
    Per migliorare la nostra comunicazione con la Chiesa, stiamo preparando un sito legato a una onlus, che sarà pronta entro un anno. Si chiama Associazione Santa Claus, con un sito che sta per essere varato on-line.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/06/2010 ITALIA-VATICANO-TURCHIA
    Card. Tettamanzi: Mons. Padovese, vogliamo raccogliere il lamento della Chiesa turca
    Ai funerali nel duomo di Milano, un rappresentante del Vaticano legge il telegramma del papa. L’arcivescovo di Milano ricorda il sacrificio del vescovo ucciso e parla del suo corpo e sangue donato, come Cristo. Cautela sul parlare del “martirio” del prelato. Ma mons. Franceschini, vescovo di Smirne, sottolinea che la morte di mons. Padovese è un martirio come quello di don Andrea Santoro. Un appello per aiutare la Chiesa di Turchia che “non ha neanche la libertà di gridare la propria pena”.

    03/06/2011 TURCHIA - VATICANO
    La Chiesa turca ricorda mons. Padovese a un anno dal suo assassinio
    Vi sarà una messa a Iskenderun, presieduta da mons. Ruggero Franceschini, con la presenza del nunzio. I cattolici sono silenziosi e discreti. Murat Altun, l’assassino di mons. Padovese rischiava di essere liberato per insanità di mente. Ma una Commissione medica di Istanbul ha stabilito che egli è sano di mente. Non vi è ancora la data del processo. Lo scorso Giovedì Santo vi è stato un attentato contro un cappuccino indiano.

    22/01/2013 TURCHIA - VATICANO
    Condannato a 15 anni di carcere l'assassino di mons. Padovese
    Murat Altun, ormai 29enne, ha detto di essere pentito per aver ucciso il vescovo, e ha aggiunto che "in quel momento non ero padrone di me stesso". Per buona condotta potrebbe essere rilasciato dopo 6 anni.

    02/12/2010 TURCHIA - VATICANO
    Mons. Franceschini: La Chiesa turca “non può intervenire” contro le falsità su mons. Padovese
    L’arcivescovo di Smirne conferma la notizia sul tentativo di far passare come “malato di mente” l’assassino del vicario dell’Anatolia. Alle manipolazioni dell’opinione pubblica e del tribunale, la Chiesa latina è costretta al silenzio. Eppure il ministro turco della giustizia aveva promesso “la verità”.

    16/10/2010 VATICANO - TURCHIA
    Mons. Franceschini: Ultranazionalisti e fanatici religiosi gli assassini di mons. Padovese
    Il successore del vescovo dell’Anatolia vuole che vengano cancellate le “insopportabili calunnie fatte circolare dagli stessi organizzatori del delitto”, sulla presunta omosessualità del martire ucciso. Una richiesta urgente di pastori, personale missionario e aiuti economici per la Chiesa di Turchia.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®