23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 08.48

    COREA-MALAYSIA

    Arrestate due donne sospettate dell’assassinio di Kim Jong-nam



    Una ha passaporto indonesiano; l’altra ha passaporto vietnamita. La polizia malaysiana pensa che siano implicati anche quattro uomini. Visite dei rappresentanti dell’ambasciata di Pyongyang al centro di medicina legale di Kuala Lumpur. Aumentare la protezione per tutti i profughi nordcoreani di alto profilo a Seoul.

    Seoul (AsiaNews) – La polizia della Malaysia ha arrestato due donne sospettate di aver ucciso il fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un. Una donna è stata fermata oggi. Si tratta di Siti Aishah, 25 anni, in possesso di un passaporto indonesiano. Un’altra è stata fermata ieri all’aeroporto: ha 29 anni ed ha un passaporto vietnamita sotto il nome Doan Thi Huong. La polizia della Malaysia pensa che ad agire per uccidere con un veleno Kim Jong-nam siano stati quattro uomini e due donne. Una delle due donne è stata ripresa dalle telecamere dell’aeroporto, con una vistosa maglietta con la scritta “Lol” (v. foto).

    Secondo i servizi segreti della Corea del Sud, l’assassinio di Kim Jong-nam era un “un ordine” di Kom Jong-un dato fin dal 2011, quando egli ha ereditato il potere in seguito alla morte del padre Kim Jong-il. Il governo di Seoul, non ha accusato per ora la Corea del Nord, preferendo aspettare le conclusioni della polizia in Malaysia. Ma quest’oggi, durante un incontro di gabinetto, il presidente ad interim Hwang Kyo-ahn ha chiesto una maggiore protezione per tutti i disertori nordcoreani di alto profilo, che potrebbero essere degli obbiettivi di Pyongyang.

    Intanto i media malaysiani, citando fonti ufficiali, affermano che Pyongyang ha richiesto il corpo di Kim Jong-nam, ma nessuno si è presentato finora. Il capo della polizia ha dichiarato che il corpo rimarrà all’obitorio finché esso non viene reclamato. Ieri e la notte scorsa rappresentanti dell’ambasciata nordcoreana hanno visitato diverse volte gli uffici di medicina legale, dove avvengono le autopsie.

    Se confermata l’ipotesi di Kim Jong-un come mandante, questo sarebbe l’ultimo assassinio di alto livello nella saga della dinastia Kim.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/02/2017 09:03:00 COREA-MALAYSIA
    Nordcoreano arrestato in relazione all’assassinio di Kim Jong-nam

    Finora fra i sospetti vi erano un’indonesiana, il suo fidanzato malaysiano, una vietnamita. Silenzio a Pyongyang. Ma l’ambasciatore nordcoreano a Kuala Lumpur esige che l’autopsia avvenga alla presenza di suoi rappresentanti. Ipotesi sull’uccisione: non ha obbedito al fratellastro che gli ordinava di tornare in patria. Kim Jong-nam cercava asilo in qualche Paese straniero.



    23/02/2017 08:57:00 COREA DEL NORD – MALAYSIA
    Pyongyang: La morte di Kim Jong-nam è tutta colpa di Kuala Lumpur

    Per la prima volta un dispaccio dal Nord cita la morte di un “suo cittadino” a Kuala Lumpur, senza fare il nome del fratellastro del leader KIm Jong-un.  L’atteggiamento della Malaysia sarebbe “illegale e immorale” e “in totale disprezzo per le leggi internazionali”.



    22/02/2017 08:28:00 MALAYSIA - COREA DEL NORD
    Due nordcoreani (fra cui un diplomatico) ricercati per l’assassinio di Kim Jong-nam

    Hyon Kwang-song è secondo segretario all’ambasciata della Corea del Nord in Malaysia; Kim Uk-il è impiegato alla Air Koryo, la compagnia di bandiera dello Stato del Nord. Le due donne che hanno avvelenato Kim Jong-nam sapevano che la sostanza che hanno spalmato era tossica. Nessun segno della presenza di Kim Han-sol, il figlio di Kim.



    24/05/2011 COREA DEL NORD
    Nel regime dei Kim “vivono ancora dei cristiani. E sono stimati”
    Pastore protestante sudcoreano: “In Corea del Nord ci sono ancora circa 40mila cristiani: torturati e chiusi nei campi di lavoro, ma un esempio per tutti”. La Chiesa cattolica non conferma queste cifre ma loda l’atteggiamento di chi riesce a fuggire, “missionario di speranza per tutti noi”.

    14/12/2012 COREA
    Pyongyang in piazza per festeggiare il missile: Tutto merito di Kim
    Centinaia di migliaia di persone sfidano il gelo e affollano la piazza Kim Il-sung per celebrare con uno show di massa il successo nel lancio dell’Unha-3. Tutti indicano nel dittatore, il giovane Kim Jong-un, il “vero ideatore di tutto”. Ma Seoul recupera il primo relitto del missile e denuncia: “Preparano un nuovo test atomico”.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®