28 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/04/2008
INDONESIA
Arrestati in Malaysia due terroristi della Jemaah Islamiyah
di Mathias Hariyadi
La polizia ha confermato la cattura di Agus Idrus e Abdurrahmin, avvenuta in Malaysia a marzo. I due sono leader di spicco della rete terroristica del sud-est asiatico legata ad al Qaeda.

Jakarta (AsiaNews) – Dopo una settimana di incertezze le forze di polizia indonesiane hanno confermato ieri notte la cattura di un terrorista di alto livello, implicato nelle violenze interreligiose di Poso. Agus Idrus, leader della cellula locale della Jemaah Islamiyah (JI), è stato fermato dalle autorità dell’immigrazione in Malaysia.
 
L’uomo – spiega il capo dell’investigativa il gen. Bambang Hendarso Danuri – era tra i più ricercati dalla polizia indonesiana fin dagli scontri settari che hanno colpito Poso e Sulawesi centrale tra il 1999 e il 2001. Dal 2006 Agus Idrus aveva sostituto Azahari bin Husin al vertice della rete terroristica JI, dopo la morte di quest’ultimo in una sparatoria a Batu, provincia di East Java.
 
La polizia malaysiana aveva preso il terrorista a fine marzo, insieme a Abdurrahmin, anche lui impolicato nelle violenze di Poso. Ora i due sono  detenuti con misure di massima sicurezza a Kelapa Dua, West Java, circa 25 Km a sud di Jakarta. Agus Idrus, 39 anni, è sposato e ha sei figli. È conosciuto anche con il nome di Agus Purwantoro. Ha svolto studi in medicina all’università Airlangga di Surabaya.
  
La JI è una rete terroristica operativa nel sud-est asiatico e legata ad al Qaeda. È ritenuta responsabile di numerosi attentati, tra cui le bombe a Bali del 2002 e del 2005.
 
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/03/2006 INDONESIA
Indonesia, catturati due sospetti terroristi legati alle bombe di Bali
11/01/2007 INDONESIA
Poliziotto ucciso durante i funerali del terrorista che ha decapitato tre cristiane
di Mathias Hariyadi
17/08/2006 INDONESIA
Festa nazionale: sconti di pena per i terroristi di Bali
28/02/2006 INDONESIA
Sudest asiatico, "difficile combattere" il terrorismo che cambia
13/06/2007 INDONESIA
Catturato il terrorista islamico più ricercato dell’Indonesia
di Mathias Hariyadi

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate