24 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/02/2017, 08.38

    COREA DEL SUD

    Arrestato il capo della Samsung, legato allo scandalo della presidente Park



    In gennaio era sfuggito all’arresto per mancanza di prove stringenti. La Samsung è quella che ha donato più soldi (70 milioni di dollari) alle fondazioni di Choi Soon-sil, l’amica che ha trascinato la Park all’impeachment. Le dichiarazioni dei candidati alle nuove elezioni presidenziali.

    Seoul (AsiaNews) – Lee Jae-young, vice presidente della Samsung, la compagnia tecnologica più grande al mondo, è stato arrestato oggi, accusato di fatti di corruzione legati allo scandalo che ha travolto la presidente Park Geun-hye e la sua amica e confidente Choi Soon-sil.

    Secondo la Procura, Lee avrebbe promesso 43 miliardi di won (circa 36,3 milioni di dollari Usa) in mazzette a Choi Soon-sil, in campi dell’appoggio del governo per una ristrutturazione della Samsung che avrebbe favorito l’ascesa al vertice di Lee. Suo padre, Lee Kun-hee era caduto ammalato dal maggio 2014 per un infarto.

    Fra decine di compagnie sudcoreane, la Samsung è quella che ha donato di più – circa 70 milioni di dollari Usa – alle fondazioni controllate dalla Choi. Essa ha anche trasferito milioni di euro a una compagnia della Choi che finanziava l’addestramento equestre della figlia e l’organizzazione di un centro sportivo invernale gestito dalla nipote di Choi. La donna è anche accusata di essersi intromessa e avere influenzato le scelte politiche del governo Park.

    Lee era sfuggito all’arresto il mese scorso perché i giudici avevano giudicato troppo fragili le prove. Ora, secondo gli analisti, al di là di come andrà il processo, la compagnia rischia di subire contraccolpi nella già difficile situazione economica coreana.

    Ancora di più, gli analisti pensano che il destino della presidente Park sia segnato. In dicembre il parlamento ha votato il suo impeachment. Ora la Corte costituzionale sta rivedendo l’accusa. Gli osservatori pensano che la Park potrà dimettersi entro marzo.

    Diversi politici hanno salutato l’arresto di Lee come un’occasione per ristabilire giustizia nell’economia e nella politica. Il candidato democratico alle elezioni presidenziali, il cattolico Moon Jae-in, ha detto: “Con l’arresto di Lee, speriamo che la Samsung rompa con gli errori del passato e rinasca di nuovo”.

    Il probabile candidato del partito liberale (lo stesso della Park), Won Yoo-chul, ha chiesto al Paese di non dimenticare il contributo che la Samsung ha dato all’economia della Corea del Sud.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/01/2017 11:57:00 COREA DEL SUD
    Mandato d'arresto per Lee Jae-yong, vicecapo della Samsung coinvolto nello scandalo della presidente Park

    Avrebbe versato tangenti a Choi Soon-sil per più di 36 milioni di dollari Usa. Per gli inquirenti, nel 2015 il gruppo avrebbe anche finanziato una società sportiva di proprietà di Choi per 18,3 milioni di dollari Usa.



    19/01/2017 08:38:00 COREA DEL SUD
    Samsung: la corte nega il mandato d’arresto per il vicecapo Lee Jae-yong

    Era accusato di corruzione, appropriazione indebita e falsa testimonianza e coinvolto nello scandalo che ha travolto la presidente Park. Secondo i giudici i motivi non sono sufficienti per approvare la richiesta di fermo.



    31/03/2017 08:23:00 COREA DEL SUD
    L’ex presidente Park arrestata per corruzione

    La decisione presa dalla Corte di Seoul dopo nove ore di udienza. La Park è accusata di corruzione, di abuso di autorità e di rivelazione di segreti di Stato. Lei nega ogni accusa. È il terzo presidente ad essere imprigionato. Rischia una condanna a 10 anni.



    22/11/2016 14:55:00 COREA DEL SUD
    Un milione di sudcoreani chiedono le dimissioni della presidentessa Park Geun-hye

    Durante il quarto week end di proteste, il popolo sudcoreano continua ad affollare le strade della capitale. L’ufficio presidenziale rigetta le accuse dei procuratori, che dichiarano Park “complice” e “indiziata”. 



    12/11/2016 10:18:00 COREA DEL SUD
    Seoul, decine di migliaia in piazza contro la Park: “Si dimetta”

    È la più grande manifestazione dagli anni ’90, la terza in pochi giorni. Sotto accusa i rapporti della presidentessa con Choi Soon-sil, la “Rasputin di Corea”. Persone sono giunte da ogni parte del Paese. Una fiaccolata verso la Casa Blu.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®