19/11/2015, 00.00
ASIA CENTRALE
Invia ad un amico

Asia centrale: arresti e condanne per reclutatori e jihadisti

I governi dell’area vogliono contrastare la diffusione di idee radicali tra i giovani musulmani. Stime russe parlano di circa 3mila foreign fighters che combattono nelle file dello Stato islamico. I reclutatori “accompagnano” gli estremisti fino in Turchia. Un giovane tajiko condannato perché “lanciava appelli alla guerra santa contro i non musulmani”.

Bishkek (AsiaNews/Agenzie) – Un giovane di 19 anni arrestato in Kyrgyzstan perché sospettato di reclutare militanti per lo Stato islamico (SI); un uzbeko di 23 anni condannato a 13 anni di reclusione per aver combattuto in Siria al fianco degli jihadisti; un cittadino di nazionalità tajika condannato per “propaganda al terrorismo”. Sono le ultime iniziative attuate dai Paesi dell’Asia centrale per frenare il terrorismo di matrice islamica.

Da mesi le autorità di governo sono impegnate contro il fenomeno dilagante del reclutamento di giovani che decidono di andare a combattere in Siria e Iraq con gli estremisti islamici. Secondo Sergei Smirnov, vice direttore del Federal Security Service russo, le ultime stime parlano di circa 3mila foreign fighters adescati in questi Paesi, di cui circa 500 solo in Kyrgyzstan. Yury Chaika, procuratore generale russo, riferisce inoltre che nelle file del Califfato combattono estremisti provenienti da 100 Paesi.

In alcuni casi i giovani reclutati vengono “accompagnati” dai reclutatori fino in Turchia, principale luogo di transito per chi si vuole unire agli estremisti, come avvenuto con il ragazzo arrestato dalle autorità di Bishkek. In altre occasioni invece gli adescatori assoldano i combattenti su internet, attraverso i social network che incitano al terrorismo. È il caso di Shahboz Azimov, 20 anni, il cittadino del Tajikistan condannato in Russia per “aver invitato i musulmani russi a lanciare una guerra santa contro i non islamici e a unirsi allo SI in Siria e Iraq”.

Azimov non è il primo reclutatore di origine tajika a operare in Russia. Nei mesi scorsi le autorità hanno arrestato a Mosca un altro connazionale, che mandava a combattere giovani spesso inconsapevoli.

Tutti i governi dell’Asia centrale stanno reagendo di fronte alla minaccia del terrorismo di matrice islamica, per esempio con il divieto di indossare il velo e di portare la barba lunga, o di recarsi in pellegrinaggio alla Mecca per i giovani al di sotto dei 35 anni, o sorvegliando le aree di frontiera con Paesi a rischio come l’Afghanistan. Le autorità del Kyrgyzstan hanno anche deciso di sottoporre gli imam a test sulla religione islamica per verificare la loro reale conoscenza della sharia. In questo modo si eviterebbe la diffusione di idee radicali da parte di capi religiosi musulmani “mal istruiti” che non riescono a contrastarne la proliferazione tra i giovani. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Xi Jinping impedisce il ricambio nel Partito: Vuole essere il Mao del 21mo secolo
02/04/2016 09:18
Sconfitta in Medio oriente, l'Isis si rafforza in Asia Centrale
03/08/2018 08:29
Al via il progetto di rete elettrica CASA-1000 tra Asia centrale e meridionale
14/05/2016 12:38
Cina, accordi economici e di intenti con Russia e Asia centrale
05/07/2005
Marawi, l’esercito filippino promette: ‘Non bombarderemo moschee’
14/06/2017 14:55