13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/01/2017, 12.50

    SIRIA - KAZAKHSTAN

    Astana, ai colloqui di pace sulla Siria presenti "tutti" i gruppi ribelli



    L’incontro nella capitale del Kazakhstan, mediato da Russia e Turchia. Leader ribelle: Partecipiamo per mettere fine ai “crimini” del governo siriano. Assad “ottimista” in vista del raduno. Lavrov: Essenziale “consolidare” il cessate il fuoco, coinvolgere i leader degli oppositori “nel processo politico”. 

     

    Astana (AsiaNews/Agenzie) - I gruppi ribelli siriani hanno confermato la loro presenza ai colloqui di pace  in programma ad Astana, capitale del Kazakhstan, il prossimo 23 gennaio. Mohammed Alloush, leader di Jaysh al-Islam, sottolinea che sarà alla guida della delegazione e cercherà di mettere fine ai “crimini” commessi dal governo siriano e dai suoi alleati. All’incontro mediato da Russia e Turchia “saranno presenti tutti i gruppi” aggiunge il leader ribelle, fra le personalità di primo piano nella variegata galassia delle opposizioni. 

    Ahmad al-Othman, della fazione Sultan Murad, conferma quanto anticipato da Alloush sottolineando che “tutti i gruppi ribelli hanno deciso di andare ai colloqui”. “Astana è un processo - riprende il leader di Jaysh al-Islam - fondamentale per mettere fine al bagno di sangue”. Egli in precedenza aveva partecipato agli incontri a Ginevra sotto l’egida Onu, poi abbandonati perché ritenuti “una perdita di tempo” a causa dell’intransigenza della delegazione di Damasco. 

    Un rappresentante del Free Syrian Army, che raccoglie numerosi gruppi in lotta contro il presidente Bashar al-Assad, riferisce che il primo punto all’ordine del giorno ad Astana sarà “la questione riguardante il cessate il fuoco e le violazioni da parte del regime”. Sul fronte governativo, Assad avrebbe manifestato “ottimismo” in vista dell’incontro e si dice “pronto alla riconciliazione [con i ribelli] a condizione che essi depongano le armi”. 

    I colloqui di pace di Astana - favoriti da Mosca e Ankara, che hanno pure ottenuto la proclamazione di una “fragile” tregua nazionale in Siria, in vigore dalla mezzanotte del 30 dicembre - si apriranno il 23 gennaio mentre in Siria continuano i focolai di tensione. L’attenzione si concentra in particolare a Wadi Barada, regione a nord-ovest di Damasco, al centro di un’aspra contesa anche perché è un’area strategica per il rifornimento idrico della capitale. 

    Fonti locali riferiscono che il 15 gennaio sono morte almeno nove persone nella zona, in seguito a un bombardamento sferrato dall’esercito governativo. E proprio l’offensiva a Wadi Barada era una delle ragioni che avevano spinto le opposizioni a minacciare di boicottare gli incontri di Astana della prossima settimana, sui quali pesa ancora l’incertezza di una possibile presenza americana

    L’obiettivo principale dei colloqui di pace nella capitale del Kazakhstan è l’estensione a livello nazionale della tregua sottoscritta il 30 dicembre scorso, dalla quale sono però esclusi i gruppi jihadisti fra cui lo Stato islamico e l’ex Fronte di al Nusra. A confermarlo è lo stesso ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov, secondo cui è essenziale “consolidare il cessate il fuoco” prima di avviare discussioni o trattative sul piano politico. Per il capo della diplomazia del Cremlino l’appuntamento di Astana sarà inoltre una “opportunità” per coinvolgere i vertici dei gruppi ribelli “nel processo politico” e mettere così fine al bagno di sangue. 

    Il conflitto siriano, divampato nel marzo 2011 come protesta di piazza contro il governo e il presidente Assad, si è trasformato nel tempo in una guerra regionale con infiltrazioni jihadiste; a quasi sei anni dall’inizio del conflitto si sono registrati oltre 300mila morti e 11 milioni di sfollati, dando vita alla più grave emergenza umanitaria dalla fine della Seconda guerra mondiale. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/01/2017 08:54:00 TURCHIA - RUSSIA - IRAN
    Per la prima volta raid aerei congiunti di Russia e Turchia contro l'Isis

    Centrate postazioni jihadiste ad al-Bab, cittadina a 20 km dal confine turco. Una collaborazione “inusuale” fra fronti un tempo contrapposti. Portavoce russo: Diversi mezzi coinvolti, operazioni “molto efficaci”. L’Iran contrario alla “ostile” presenza americana ai colloqui di pace di Astana. 

     



    23/01/2017 15:04:00 KAZAKHSTAN - SIRIA
    Astana: al via i colloqui di pace sulla Siria, “guerra verbale” fra governo e ribelli

    Per la prima volta sono presenti delegati governativi e rappresentanti dei gruppi armati. Per volere dei ribelli la prima sessione “non sarà faccia a faccia”: una protesta per il mancato “rispetto” da parte del governo dei termini della tregua. Il capo negoziatore di Damasco parla di atteggiamento “provocatorio” delle opposizioni. Il ruolo della Russia e la svolta turca. 

     



    14/01/2017 11:00:00 KAZAKHSTAN - RUSSIA - USA
    Mosca invita la nuova amministrazione Trump ai colloqui di pace sulla Siria ad Astana

    Il Cremlino avrebbe bypassato il presidente Obama, mai coinvolto nei lavori di preparazione dell’incontro nella capitale kazaka. In caso di invito, l’amministrazione uscente raccomanda a Trump di “onorare l’impegno”. La Russia favorevole a una partecipazione “più ampia possibile”. Secondo Ankara la presenza degli Stati Uniti è necessaria. 

     



    11/01/2017 12:50:00 KAZAKSTAN - SIRIA
    Astana: Pronti per la Conferenza di pace sulla Siria, l’opposizione resta divisa

    Il Kazakistan si limita a ospitare l’evento e non avrà un ruolo attivo nei colloqui. Confermato il ruolo di primo piano di Russia, Iran e Turchia nella crisi regionale. Erdogan rilancia la partnership con Mosca. All’incontro presenti solo i gruppi di opposizione siriana patrocinati da Ankara. Bloccata la partecipazione di altre delegazioni.

     



    30/09/2016 11:23:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    A rischio i colloqui Usa-Russia sulla Siria. Decine di famiglie in fuga da Aleppo est

    Mosca (e Damasco) continuano la campagna di bombardamenti sul settore orientale. Portavoce del Cremlino: dagli Stati Uniti “retorica poco costruttiva”. La replica di Kerry: Washington “sul punto” di interrompere le trattative. Le testimonianze delle famiglie di Aleppo fuggite dal settore in mano ai ribelli. I Paesi del Golfo pronti a fornire nuove armi alle milizie anti-governative. 





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®