22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/01/2018, 12.52

    VATICANO-CILE

    Attacchi alle chiese alla vigilia del viaggio di Papa Francesco in Cile e Perù



    Tre chiese di Santiago del Cile sono state colpite e bruciate; per una si è disinnescato l’ordigno in tempo. È la prima volta di una protesta contro Francesco durante un viaggio apostolico. I problemi dei preti pedofili e degli indigeni dell’Amazzonia. Si attendono 1,2 milioni di fedeli a Santiago.

    Santiago del Cile (AsiaNews/Agenzie) – A pochi giorni dal viaggio di papa Francesco in Cile e Perù (15-18 gennaio e 18-22 gennaio), ieri mattina vi sono stati tre attacchi con bombe incendiarie a tre chiese della capitale cilena: quella di santa Elisabetta di Ungheria (v. foto); di Cristo Vencedor di Penalolen e la parrocchia di Jesus Maestro.  Una bomba al Santuario di Cristo Pobre di Matucana è stata bloccata in tempo.

    I media locali hanno parlano anche dell’occupazione per alcuni minuti della nunziatura apostolica da parte di un gruppo di anarchici guidati dall’ex candidata alle presidenziali, Roxana Miranda. La dimostrazione di forza voleva essere un atto di protesta contro “i milioni spesi” per accogliere il pontefice in Cile.

    La presidentessa cilena Michelle Bachelet ha espresso la sua condanna per gli attacchi alle chiese, di cui non si conoscono ancora i mandanti.

    In una nota, l’arcivescovado di Santiago esprime dolore per l’attacco e chiede agli autori “rispetto e tolleranza tra tutti, per costruire una patria di fratelli".

    Nell’attacco alle chiese sono stati distribuiti anche volantini contro la persona stessa di papa Francesco in cui si minacciava che “le prossime bombe saranno sulla tua veste”.

    Quella di ieri è la prima protesta contro Francesco durante un viaggio apostolico.

    I media elencano diversi problemi e tensioni a cui il pontefice va incontro. In Cile è molto forte lo scandalo verso decine di preti accusati di pedofilia e il Perù è ancora scosso per le accuse di abusi sessuali verso Luis Fernando Figari, fondatore del Sodalizio di vita cristiana, che il papa ha commissariato alcuni giorni fa. Il direttore della Sala stampa vaticana, Greg Burke, ha detto che forse il pontefice incontrerà alcune vittime della pedofilia, ma in modo “molto privato”.

    In Perù il papa vuole sostenere e lanciare un messaggio a favore dell’Amazzonia e delle tribù indigene. Ma proprio alcuni elementi di questi, fra i più estremisti della tribù Mapuche, condannano la Chiesa ed esigono la restituzione delle loro terre.

    In realtà il papa è fra i più grandi sostenitori della causa indigena e della protezione dell’Amazzonia.

    Rappresentanti della Chiesa in Cile e in Perù affermano che le critiche a Francesco riguardano piccoli gruppi di persone e non la maggioranza della popolazione. Ne è esempio il numero di persone (soprattutto giovani) coinvolti nella preparazione (8mila volontari solo in Cile) e il numero di color che si sono prenotati per accoglierlo a Santiago: 1,2 milioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/01/2018 12:31:00 VATICANO
    Papa: Cercare Gesù, incontrare Gesù, seguire Gesù: questo è il cammino

    All’Angelus, papa Francesco ricorda la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che ‘ora in poi si celebrerà alla seconda domenica di settembre. La prossima sarà l’8 settembre 2019. ““Non basta costruirsi un’immagine di Dio basata sul sentito dire; bisogna andare alla ricerca del Maestro divino e andare dove Lui abita”.  “È fondamentale il ruolo di un vero testimone”. “Superare una religiosità abitudinaria e scontata”.  Preghiere per il viaggio del pontefice in Cile e Perù, che inizia domani.



    16/01/2018 12:55:00 VATICANO - CILE
    Papa in Cile: il futuro si gioca nella capacità di ascoltare la voce del popolo

    Francesco, giunto a Santiago, incontrando le autorità del Paese afferma che “non è possibile accontentarsi di quello che si è già ottenuto nel passato e fermarsi a goderlo in modo che tale situazione ci porti a disconoscere che molti nostri fratelli soffrono ancora situazioni di ingiustizia che ci interpellano tutti”.  La richiesta d perdono per il “danno irreparabile causato a bambini da parte di ministri della Chiesa”.



    17/01/2018 10:43:00 VATICANO - CILE
    Papa in Cile: la missione della Chiesa è di tutti, evitare il clericalismo

    Francesco ha incontrato vescovi e sacerdoti cileni e visitato un carcere femminile. Con i sacerdoti è tornato a parlare del dramma della pedofilia e in nunziatura ha ricevuto un piccolo gruppo di vittime di abusi sessuali da parte del clero. L’incontro  si è svolto in forma strettamente privata e nessun altro era presente.



    19/01/2018 18:53:00 VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: l’Amazzonia, terra, cultura e soprattutto persone da difendere

    Francesco incontra gli indigeni di una terra mai tanto minacciata come ora da appetiti industriali, ma anche da un “protezionismo” verso la foresta che esclude gli uomini. “Considero imprescindibile compiere sforzi per dar vita a spazi istituzionali di rispetto, riconoscimento e dialogo con i popoli nativi; assumendo e riscattando cultura, lingua, tradizioni, diritti e spiritualità che sono loro propri”.



    18/01/2018 16:57:00 VATICANO-CILE
    Papa in Cile: Questa terra abbracciata dal deserto più arido, sa vestirsi a festa

    Alla messa conclusiva della sua visita in Cile, al Campus Lobito di Iquique, papa Francesco prega per “l’integrazione dei popoli” in una zona di emigranti e di immigrati. L’invito a essere come gli “inservienti” a Cana: “anch’essi partecipano al miracolo”, prendendosi cura dei poveri e di chi ha una “vita annacquata”. L’incoronazione della statua della Madonna del Carmine (“Virgen de la Tirana”), Patrona del Cile. Il dono del pastorale e di una croce composta di cristalli di sale.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®