28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/01/2011, 00.00

    INDIA

    Attivista indiano: Libertà religiosa, base per la vita umana e la democrazia

    Lenin Raghuvanshi

    Lenin Raghuvanshi commenta per AsiaNews il discorso di Benedetto XVI al corpo diplomatico. La vita e la dignità umane sono connesse alla libertà religiosa, valore fondamentale di ogni società che si definisce democratica. Se essa viene negata, lo Stato viene spinto verso il fascismo.
    New Delhi (AsiaNews) – “Benedetto XVI è stato assolutamente chiaro e corretto: la base della stessa vita umana è la libertà religiosa”. Essa è anche “uno dei valori democratici fondamentali più legati allo sviluppo”. Lenin Raghuvanshi, attivista indiano per i diritti umani e ateo dichiarato, commenta così il discorso del Papa al corpo diplomatico. Raghuvanshi, insignito nel 2010 del Weimar Human Rights Award e del Gwangju Prize for Human Rights nel 2007, definisce le proteste del Cairo contro il Vaticano “assurde e condannabili”. Quando si parla di diritti umani, niente è “inaccettabile ingerenza” o “questione interna”: perché i diritti dell’uomo sono universali.

    In ogni angolo del mondo qualsiasi violazione deve essere denunciata; la disuguaglianza e l’ingiustizia devono essere combattute. Facciamo parte di un’umanità comune, e siamo legati da interessi e valori condivisi.

    Alcuni valori sono universali: la libertà di praticare la propria fede senza paura o restrizione è uno di quelli, e deve essere osservata ovunque. Senza alcuna ingerenza da parte dello Stato.

    Lo Stato ha il compito di provvedere alla sicurezza di tutti i suoi cittadini, ed è un Paese fallito quello che vede i cristiani uccisi per la loro religione, come nel caso dell’Egitto. Il Papa deve richiamare l’attenzione del mondo a questa tragica situazione.

    La libertà religiosa è il fondamento per una società democratica e laica, in particolare quelle società pluraliste in tutto il mondo. Se [la libertà religiosa] viene negata, lo Stato e la società sono spinti verso uno Stato fascista. E in uno Stato fascista, la comunità di maggioranza nega alle minoranze il diritto di praticare la loro fede e svolgere i propri rituali religiosi di culto. È il caso per esempio di Indonesia, Pakistan e Medio Oriente, dove i non musulmani sono presi di mira. In Gujarat invece sono i musulmani le vittime; a Kandhamal erano i cristiani i perseguitati.

    La vita e la dignità umane sono connesse alla libertà religiosa: quando una persona è libera di esprimere la sua spiritualità e le sue aspirazioni umane, ha la forza di sperare in un futuro migliore.

    La libertà religiosa oltre a essere il primo diritto umano è anche uno dei valori democratici fondamentali più legati allo sviluppo. È la base per il futuro della società; per creare nuovi legami e una maggiore comprensione tra le nazioni del mondo; aiuterà l’umanità a diventare una società più giusta e libera.

    Nel discorso al corpo diplomatico il Papa è stato assolutamente corretto, e la storia è anche la testimonianza che quando la libertà religiosa viene negata, dà luogo all’estremismo violento. La via che i leader mondiali devono seguire per sradicare gli estremismi e combattere una tale violenza è garantire e proteggere la libertà religiosa in un governo inclusivo.

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/12/2010 INDIA
    Attivista indiano: sulla libertà religiosa ha ragione il Papa
    Lenin Raghuvanshi, impegnato nel campo dei diritti umani commenta ad AsiaNews il messaggio lanciato da Benedetto XVI per la Giornata mondiale della pace: “la libertà religiosa è la via verso la pace”. Riportando il caso dell’India, prigioniera del nazionalismo fondamentalista indù.

    30/12/2010 INDIA
    Card. Gracias : la libertà religiosa è la via della pace anche per l'India
    L’arcivescovo di Mumbai offre una sua riflessione sul Messaggio del Papa per la Giornata mondiale della pace. Egli chede che i leader spirituali indiani promuovano tolleranza e pace verso gli altri credenti. “E’ estremamente penoso vedere che la libertà religiosa è negata in particolare nel nostro continente, che è la culla delle grandi religioni del mondo”.

    04/01/2011 INDIA
    Orissa: diacono il figlio di un martire dei pogrom, dono di Dio per la Chiesa perseguitata
    Karunanakar Digal è stato ordinato insieme ad altri 4 seminaristi, tra cui che hanno ricevuto il sacerdozio. La cerimonia si è tenuta oggi nella cattedrale di San Vincenzo a Bhubaneswar (Kandhamal) davanti a oltre 500 fedeli. Sacerdote:“I pogrom hanno fatto sì che il nostro popolo esprima ora la fede con coraggio e convinzione”.

    19/04/2008 INDIA
    Attivista per i diritti umani: il Papa all’Onu mostra la strada verso la pace
    Lenin Raghuvanshi, ateo e comunista, dirige il Comitato di vigilanza del popolo sui diritti umani. Ad AsiaNews lancia un appello ai leader mondiali, che devono fare tesoro di quanto detto ieri da Benedetto XVI all’Onu: senza diritti umani non c’è pace, né diritto.

    09/01/2013 INDIA
    Attivista indiano: il Messaggio di Benedetto XVI, invito da accogliere con speranza e coraggio
    Lenin Raguvanshi, direttore del People’s Vigilance Committee on Human Rights (Pvchr), commenta il messaggio di Benedetto XVI per la 46ma Giornata mondiale della pace. Tra le minacce a una “pace sostenibile”, l’egoismo maschilista nei rapporti uomo-donna, che porta a violenze come lo stupro di New Delhi o gli aborti selettivi. Il ruolo “fondamentale” della religione, contro forme estreme di secolarismo che ostacolano la pace.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®