10/05/2019, 10.57
IRAQ
Invia ad un amico

Ausiliare di Baghdad: progetti di recupero nelle carceri, contro radicalismo e jihad

Le prigioni rischiano di diventare “accademie della guerra santa”. In una sola stanza, che può ospitare fino a 20 persone, sono rinchiusi anche 50 detenuti. Criminali comuni vivono accanto a leader estremisti che proseguono la campagna di reclutamento. Mons. Warduni: "Servono progetti di lungo periodo per sradicare l’ideologia jihadista". 

Baghdad (AsiaNews) - Promuovere percorsi di recupero, avviare iniziative che favoriscano il reintegro della società, avviare progetti di lungo periodo che consentano di sradicare l’ideologia jihadista. Sono queste le iniziative da prendere secondo mons. Shlemon Audish Warduni, vescovo ausiliare di Baghdad e braccio destro del patriarca caldeo, per contrastare il fenomeno della radicalizzazione delle carceri. Un problema, conferma ad AsiaNews, presente oggi come in passato: “Spetta alle autorità, secondo coscienza, garantire e tutelare i loro diritti, anche se hanno commesso crimini terribili. La scelta peggiore è quella di abbandonarli a loro stessi”.

In Iraq sono in corso i processi a carico di migliaia di combattenti locali e stranieri, accusati di aver aderito allo Stato islamico (SI, ex Isis). Secondo diversi analisti ed esperti, le prigioni all’interno delle quali sono detenuti rischiano di trasformarsi in una “accademia” in cui rafforzare ancor più la lotta estremista. 

Il passaggio per il carcere è stato un momento di formazione per molti leader di primo piano, fra i quali lo stesso capo dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi, riemerso di recente in un videomessaggio. Il “Califfo” ha trascorso diverso tempo a Camp Bucca (nella foto), complesso tentacolare allestito dagli Usa in un’area desertica del sud, dove ha “raggiunto la maggiore età” come leader jihadista.

Hisham al-Hashemi, esperto irakeno di movimenti fondamentalisti, sottolinea che “per molti membri di questi gruppi, la prigione è uno dei tanti ‘passaggi’ del jihad”. All’interno delle celle, i miliziani approfondiscono gli studi - a modo loro - del Corano, pianificano attacchi contri civili e ordinano l’assassinio di esponenti delle forze di sicurezza. “Le celle - aggiunge - diventano una sorta di accademia; se vi è anche solo un estremista, egli finisce per reclutare gli altri”. 

Baghdad ha già condannato all’ergastolo centinaia di miliziani irakeni e stranieri. Al momento sono in corso i processi di altri 900 combattenti rimpatriati dalla vicina Siria. In questo contesto critico, emergono anche vicende di abusi, torture e violenze da parte delle forze di sicurezza, nella maggior parte dei casi per estorcere confessioni. A riferirlo sono diversi attivisti e gruppi pro diritti umani, secondo cui le celle sono sovraffollate e i detenuti non hanno nemmeno accesso al loro legale. 

In una sola stanza, che può ospitare al massimo 20 persone, sono stipati fino a 50 detenuti. E non è raro vedere criminali comuni rinchiusi con jihadisti di primo piano, un elemento che favorisce l’indottrinamento e il reclutamento di nuove leve per la “guerra santa”, perché queste persone sono in grado di fare il lavaggio del cervello agli altri detenuti. 

“Il percorso di recupero - sottolinea mons. Warduni - è fondamentale in un’ottica di ricostruzione. Questo dovrebbe valere per tutti, secondo principi e criteri giusti che prevedano sia il rispetto della pena, ma pure la salvaguardia dell’essere umano”. Le autorità, aggiunge, dovrebbero agire “secondo coscienza” anche di fronte a persone che hanno compiuto “atti terribili, ma che pure hanno il diritto di vivere come uomini”. 

In quest’ottica, prosegue il prelato, i “principi e i valori cristiani” possono rappresentare un valido insegnamento. “Bisogna educare - avverte - non solo gli adulti, ma anche e soprattutto i bambini, le nuove generazioni” che rappresentano il futuro del Paese. Certo, conclude, “non si sa se il governo ha la forza per fare tutto questo, ma anche di fronte alle difficoltà è necessario impegnarsi tutti per ricostruire” un tessuto sociale, politico, giuridico e istituzionale. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Sondaggio: gli iracheni non vogliono la sharia nella Costituzione
17/03/2005
Baghdad, parlamentare cristiana: manifestare è un diritto, dal governo servono risposte
15/11/2019 10:10
Chiesa irakena in digiuno e preghiera per la pace. Mons Warduni: i giovani uniti in piazza
11/11/2019 14:36
Iraq, proteste: riprende parte dell’export. Onu e Chiese ‘preoccupati’ per le violenze
07/11/2019 12:26
Card. Sako: l'inerzia dei politici verso i giovani e il loro ‘urlo'
05/11/2019 10:29