24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/11/2016, 10.31

    PAKISTAN

    Balochistan, leader cattolici condannano l’attentato al santuario sufi che ha provocato 52 morti

    Kamran Chaudhry

    L’esplosione è avvenuta prima del tramonto nel sacrario di Shah Noorani, a circa 750 km a sud di Quetta. Il luogo è meta di pellegrinaggio da tutto il Pakistan e dall’estero. I fedeli del sufismo sono accusati di eresia per rituali che prevedono canti e danze. Nella regione operano estremisti talebani e dello Stato islamico.

    Karachi (AsiaNews) – Almeno 52 morti e oltre 100 feriti, tra i quali anche molte donne e bambini. È il bilancio del tragico attentato di ieri contro un santuario sufi nella regione del Balochistan, mentre era in corso un rituale sacro tipico del sufismo. Oggi alcuni leader cattolici condannano l’episodio di violenza, l’ultimo di una lunga serie che sta insanguinando la regione, una delle più turbolente del Pakistan.

    P. Bonnie Mendes, ex direttore regionale di Caritas Asia, afferma: “Ogni attacco terroristico è da condannare, sia contro i luoghi sacri che civili. È ancora più sacrilego il fatto che il bersaglio fosse un sacrario sufi. I poveri sono coloro che soffrono di più in simili tragedie. È davvero una sciagura che tali incidenti avvengano di continuo nel nostro Paese”.

    L’attentato è avvenuto prima del tramonto, mentre i fedeli stavano compiendo il dhamaal, una danza rituale accompagnata dal suono di tamburi. L’esplosione è avvenuta all’esterno dell’edificio, dove in quel momento si trovavano circa 600 fedeli.

    Secondo gli ultimi aggiornamenti, i militanti dello Stato islamico avrebbero rivendicato l’attentato. Il sufismo è fautore di un islam moderato e prevede pratiche mistiche e liberatorie (come la musica e la danza) che sono osteggiate dagli estremisti, che le considerano eretiche e un insulto all’islam. Di recente i radicali hanno colpito anche Amjad Sabri, uno dei cantanti sufi più famosi al mondo, assassinandolo in pieno giorno con la presunta accusa di aver insultato il profeta Maometto.

    P. Mendes ritiene che “forse le autorità non stanno facendo abbastanza. Chiediamo sforzi sinceri per eliminare questa minaccia. La violenza è radicata in profondità nella cultura tribale della provincia del Balochistan. Ci sono frange estremiste dello Stato islamico che condividono le stesse ideologie e tattiche”.

    Il sacrario di Shah Noorani, a circa 750 km a sud di Quetta, è considerato un luogo sacro sia dai sunniti che dagli sciiti. Il sacrario è dedicato alla figura del maestro sufi Hazrat Baba Shah Noorani, che qui ha abitato oltre 500 anni fa vivendo in solitudine in cima alla montagna. Il luogo attira fedeli da tutto il Paese e anche dall’estero. Date le aspre condizioni del terreno, i soccorritori hanno avuto difficoltà nel raggiungere la zona dell’esplosione.

    L’attentato in Balochistan è solo l’ultimo di una lunga scia di sangue lasciata dai terroristi in questa regione. A fine ottobre il gruppo Lashkar-e-Jhangvi (LeJ) ha compiuto una delle più feroci stragi mai avvenute in Pakistan contro la scuola militare di Quetta, in cui sono morte 61 persone tra cadetti e guardie.

    P. Emmanuel Yousaf Mani, direttore nazionale della Commissione nazionale Giustizia e pace della Conferenza episcopale pakistana, ritiene che gli attacchi nella provincia occidentale “siano una questione interna. Non possono fare tutto i [combattenti] provenienti dall’esterno, di certo anche i locali sono coinvolti. Il Califfato islamico ha molti simpatizzanti nella regione. Gli attentatori credono di essere padroni della propria fede, ma non riusciamo a capire quale sia la religione che seguono”.

    “Questo è un fallimento del governo – conclude il sacerdote –. Il chief minister ora annuncia che metterà dei posti di blocco nei luoghi in cui si svolgono le preghiere. Dovevano farlo prima. Chiediamo che vengano attuate ulteriori misure di sicurezza in tutto il Paese. Ognuno ha il diritto di professare la propria fede”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/02/2017 12:06:00 PAKISTAN
    Lahore, ennesima bomba provoca nove vittime. Ex generale cristiano: Stiamo mentendo a noi stessi

    È l’ottavo episodio di violenza in 10 giorni. L’ordigno è esploso nella zona commerciale della città, all’interno di un edificio in costruzione. Si temono operai rimasti intrappolati sotto le macerie. Danneggiati negozi, banche e ristoranti. Ancora nessuna rivendicazione. “Poche speranze per la nuova operazione dell’esercito contro gli estremisti”.



    17/02/2017 08:46:00 PAKISTAN
    Sindh, militante dello Stato islamico si fa esplodere in un tempio sufi: 75 morti e 200 feriti

    L’attentato è avvenuto nel tempio di Lal Shahbaz Qalandar, nella città di Sehwan. Tra i deceduti vi sono anche 20 bambini. Il militante ha scelto di colpire in un momento in cui il luogo era affollato per assistere ad una danza rituale.



    18/02/2017 11:01:00 PAKISTAN
    Pakistan, raid della polizia dopo l’attentato al tempio sufi: uccisi più di 100 terroristi

    L’attacco suicida nel Sindh ha provocato la morte di oltre 80 fedeli riuniti in preghiera. Il Piano di azione nazionale contro il terrorismo è stato approvato, ma manca la volontà politica di metterlo in pratica. “Bisogna eliminare l’elemento religioso islamico dalla Costituzione”.



    17/02/2017 10:58:00 PAKISTAN
    Chiesa cattolica del Pakistan condanna con forza l’attentato al tempio sufi

    L’attacco suicida ha provocato 75 morti, tra cui 20 bambini, e oltre 200 feriti. Islamabad impone un giro di vite contro il terrorismo e chiude la frontiera con l’Afghanistan. Cattolici temono violenze anche contro le chiese. Per domani prevista una manifestazione di giovani a Karachi.



    23/06/2016 16:46:00 PAKISTAN
    Lahore, cristiani e musulmani piangono la “rockstar” sufi uccisa dai talebani per blasfemia

    Amjad Sabri è stato ucciso ieri con tre colpi di pistola mentre era a bordo della sua auto a Karachi. Un gruppo talebano ha rivendicato l’omicidio. L’uomo era stato citato in giudizio per blasfemia, perché in una sua canzone aveva nominato i parenti di Maometto. Attivista cristiano: “L’artista aveva fan di ogni religione”.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®