24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/06/2016, 16.46

    PAKISTAN

    Lahore, cristiani e musulmani piangono la “rockstar” sufi uccisa dai talebani per blasfemia

    Kamran Chaudhry

    Amjad Sabri è stato ucciso ieri con tre colpi di pistola mentre era a bordo della sua auto a Karachi. Un gruppo talebano ha rivendicato l’omicidio. L’uomo era stato citato in giudizio per blasfemia, perché in una sua canzone aveva nominato i parenti di Maometto. Attivista cristiano: “L’artista aveva fan di ogni religione”.

    Lahore (AsiaNews) – Un gruppo di fedeli musulmani e cristiani hanno partecipato oggi pomeriggio ad una manifestazione interreligiosa per Amjad Sabri, uno dei cantanti di musica religiosa sufi più famosi al mondo, ucciso ieri a Karachi da terroristi talebani perché accusato di blasfemia. La manifestazione, organizzata dal Rwadari Tehreek (Movimento per la tolleranza), si è svolta di fronte al Lahore press club. Samson Salamat, presidente cristiano del movimento, dice ad AsiaNews: “È stata soffocata una voce di pace”.

    Amjad Sabri era uno dei maggiori esponenti della tradizione musicale sufi, chiamata qawwali. Si tratta di un’antichissima arte canora risalente a 700 anni fa, di cui la famiglia di Sabri è tra i più famosi esecutori al mondo.

    Ieri l’artista era alla guida della sua autovettura nella trafficata area di Liquatabad quando è stato avvicinato da due malviventi a bordo di una motocicletta. I killer hanno sparato diversi colpi di pistola; tre lo hanno colpito alla testa e al collo. Trasportato d’urgenza all’ospedale Abbasi Shaheed, è deceduto subito dopo in seguito alle ferite riportate. Un altro parente che viaggiava con lui è stato centrato dai proiettili, ed è morto dopo alcune ore.

    I militanti del Hakimullah Mehsud, una cellula affiliata al Tehreek-e-Taliban Pakistan, hanno rivendicato l’omicidio di Sabri, accusato di essere “blasfemo”. Nel 2014 infatti egli è rimasto coinvolto in una controversia giudiziaria per blasfemia. Una sua canzone era stata sovrapposta ad un altro brano che conteneva commenti derisori nei confronti di parenti di Maometto, ma il cantante si era dissociato dall’iniziativa musicale.

    Samson Salamat sostiene: “Sabri promuoveva un messaggio di pace e tolleranza. Aveva fan di ogni religione”. Il sufismo infatti è fautore di un islam moderato e prevede pratiche mistiche e liberatorie (come la musica e la danza) che sono osteggiate dagli estremisti.

    Saeeda Deep, fondatore dell’Institute of Peace and Secular Studies, afferma: “Si tratta di un’altra terribile tragedia. I terroristi ora colpiscono anche gli artisti. Per loro, le persone comuni sono come insetti”. L’uomo aggiunge che “la situazione in Pakistan sta peggiorando, ma lo Stato è in silenzio. L’omicidio di persone innocenti dimostra che i nemici di questo Paese vogliono distruggere la pace”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/11/2016 08:54:00 PAKISTAN
    Karachi, arrestati due militanti islamici per l’omicidio della “rockstar” sufi

    I colpevoli appartengono al gruppo Lashkar-e-Jhangvi, già responsabile di altri attentati contro la minoranza sciita. Amjad Sabri è stato assassinato a giugno perchè una delle sue canzoni era stata riadattata e riportava commenti denigratori dell’islam. La sua colpa era quella di “frequentare” gli sciiti.



    17/02/2017 10:58:00 PAKISTAN
    Chiesa cattolica del Pakistan condanna con forza l’attentato al tempio sufi

    L’attacco suicida ha provocato 75 morti, tra cui 20 bambini, e oltre 200 feriti. Islamabad impone un giro di vite contro il terrorismo e chiude la frontiera con l’Afghanistan. Cattolici temono violenze anche contro le chiese. Per domani prevista una manifestazione di giovani a Karachi.



    02/07/2010 PAKISTAN
    Attacco suicida contro un santuario sufi a Lahore: almeno 41 morti
    Vi sono anche più di 170 feriti. I kamikaze si sono fatti esplodere con palle di metallo e schegge, per un impatto più violento, mentre la gente si preparava a dormire e alla preghiera. Si sospetta un attacco dei talebani del Punjiab contro la setta sufi, considerata eretica. Oltre un mese fa, nella città vi sono stati attacchi a due moschee degli Ahmadi, anch’essi giudicati eretici dal fondamentalismo sunnita.

    14/11/2016 10:31:00 PAKISTAN
    Balochistan, leader cattolici condannano l’attentato al santuario sufi che ha provocato 52 morti

    L’esplosione è avvenuta prima del tramonto nel sacrario di Shah Noorani, a circa 750 km a sud di Quetta. Il luogo è meta di pellegrinaggio da tutto il Pakistan e dall’estero. I fedeli del sufismo sono accusati di eresia per rituali che prevedono canti e danze. Nella regione operano estremisti talebani e dello Stato islamico.



    23/02/2017 12:06:00 PAKISTAN
    Lahore, ennesima bomba provoca nove vittime. Ex generale cristiano: Stiamo mentendo a noi stessi

    È l’ottavo episodio di violenza in 10 giorni. L’ordigno è esploso nella zona commerciale della città, all’interno di un edificio in costruzione. Si temono operai rimasti intrappolati sotto le macerie. Danneggiati negozi, banche e ristoranti. Ancora nessuna rivendicazione. “Poche speranze per la nuova operazione dell’esercito contro gli estremisti”.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®