21/10/2015, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Bangladesh, islamisti minacciano i media: Non fate lavorare le donne

di Sumon Corraya
Lettere minatorie sono giunte alle redazioni di 25 giornali. I terroristi intimano di non infrangere la sharia che impedisce alle donne di lavorare fuori casa. “Se non seguirete le nostre direttive e continuerete a pubblicare contenuti anti jihad, vi taglieremo la testa”.

Dhaka (AsiaNews) – Con una lettera spedita due giorni fa ad almeno 25 famose redazioni nazionali, il gruppo terroristico islamista “Al Kaida Ansarullah Bangla Team 13” ha minacciato gli organi di stampa di punizioni esemplari se continueranno a far lavorare delle donne e a pubblicare contenuti “anti-jihad”. “Poiché la sharia islamica impedisce alle donne di lavorare fuori casa – si legge nel messaggio – i loro movimenti che infrangono la purdah [divieto per gli uomini di guardare le donne ndr] sono un’offesa che deve essere punita; gli stessi datori di lavoro sono colpevoli”. Perciò, “i media devono sollevare le donne da ogni incarico”.

I membri del gruppo terroristico hanno dato indicazioni precise sulla linea editoriale che i giornali devono seguire: “Le nostre direttive saranno la vostra legge da oggi in poi – scrivono – e ci saranno conseguenze gravi se non seguirete il sentiero dell’islam. Alti edifici crolleranno e le vostre teste rotoleranno ai piedi dei soldati dell’islam”. “Non sarà risparmiato nessuno – recita il messaggio – se continuerete a sostenere degli atei. Se la vostra libertà d’espressione viola i limiti che abbiamo stabilito, ogni agenzia di stampa deve essere pronta ad affrontare le conseguenze della nostra libertà di cercare vendetta”.

Muntasirul Islam, commissario della polizia di Dhaka, ha dichiarato: “Le più alte autorità sono state informate. Stiamo indagando per accertarci chi ci sia dietro queste mail e da che luogo siano state spedite”.

L’Al Kaida Ansarullah Bangla Team 13 è lo stesso gruppo che nei mesi scorsi ha inviato due lettere di minaccia a blogger ed intellettuali critici dell’islam, accusati di essere atei. Nel solo 2015, almeno quattro persone sono state uccise a colpi di machete dagli integralisti. Anche i recenti omicidi del cooperante italiano Cesare Tavella e del giapponese Hoshi Kunio sono stati collegati all’estremismo islamico.

Questi gruppi “non credono nell’emancipazione della donna – dice una giornalista cattolica, che chiede di rimanere anonima – perché sono accecati dalla loro religione, ecco perché non vogliono che lavoriamo nei media”. “La polizia – conclude – dovrebbe fare di più per proteggere i giornalisti e i blogger dai militanti islamici”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangladesh, nuove minacce di morte a personalità liberali
01/08/2016 08:51
Bangladesh, minacce di morte ad altri tre sacerdoti indù
19/07/2016 09:08
Colombo: gli omicidi dei giornalisti voluti da ambienti governativi
21/01/2009
La Cina supera gli Usa, sua la maggior comunità internet mondiale
25/07/2008
Bangladesh, un altro sacerdote indù ucciso a colpi di machete
01/07/2016 09:01