24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/05/2017, 15.11

    BANGLADESH

    Bangladesh: un costante 'stillicidio' di conversioni all’islam



    Un rapporto della polizia evidenzia un nuovo fenomeno: indù convertiti all’islam violento. I fedeli indù sono da sempre bersaglio della maggioranza islamica. La pressione dei fondamentalisti ha più presa su persone deboli ed emarginate. Disaccordo su come gestire i fondi stanziati dall’Arabia saudita per madrasse e moschee. “Se non il terrorismo, i centri culturali islamici potrebbero incrementare l’integralismo”.

    Dhaka (AsiaNews) – Uno “stillicidio costante di passaggi dalle religioni di minoranza all’islam, soprattutto tra gli indù; e in queste conversioni non stupisce che i nuovi fedeli musulmani abbraccino le idee militanti del terrorismo”. È quanto riporta ad AsiaNews una fonte locale, anonima per sicurezza, commentando un fenomeno emerso di recente in Bangladesh: quello delle conversioni da parte di un numero sempre crescente di indù all’islam violento e radicale.

    Il fenomeno è venuto a galla con i continui raid che le forze antiterrorismo stanno conducendo su tutto il territorio per disinnescare le minacce di futuri attentati dopo la strage nel bar di Dhaka del primo luglio scorso. Durante gli arresti, i poliziotti hanno accertato la presenza di militanti islamici che nei covi dei terroristi fabbricavano bombe. L’elemento di novità sta nel fatto che molti di loro sono “fedeli di nuova acquisizione”, cioè persone che hanno abbracciato la fede islamica in età adulta e in precedenza conducevano una vita in apparenza agiata e senza preoccupazioni. Non solo, questi convertiti aderiscono all’aspetto più violento della religione islamica.

    Finora non sono stati pubblicati numeri ufficiali sulle conversioni ma, continua la fonte, “non è insolito vedere persone che si convertono all’islam. Il governo ci tiene a far sapere che non ci siano conversioni forzate, ma non è un argomento di cui si discute”. Analizzando i rapporti della polizia, riferisce, “ciò che si evidenzia subito è che i convertiti sono indù. Tutto questo non ci stupisce, perché quella indù è la più grande tra le comunità di minoranza e dal punto di vista storico è sempre stata quella più bersagliata. Inoltre essi sono bengalesi, quindi hanno tratti somatici più simili ai musulmani e più facilmente assimilabili, a differenza dei tribali che sono aborigeni”.

    Secondo la fonte, si può parlare di un continuo “dissanguamento dei fedeli indù, bersaglio dei fondamentalisti da quando è avvenuta la divisione tra India e Pakistan nel 1947 e aggravata ancora di più con le successive guerre indo-pakistane”. “Lo stillicidio è costante – dichiara – perché gli indù sono discriminati sul posto di lavoro e subiscono varie forme di disagio nella vita sociale”. Non sono rari “gli episodi di violenza come gli omicidi e le requisizioni delle terre, che sono più facili quando il proprietario è indù o tribale”.

    Questa “situazione non si traduce necessariamente in conversioni di massa, ma in un continuo esodo all’estero verso l’India o nel passaggio e nell’integrazione nella comunità musulmana di maggioranza”. Inoltre la conversione all’islam “è facile, avviene in poco tempo con la semplice pronuncia di una formula di fede e una visita in moschea. Poi però non si può più tornare indietro, altrimenti si viene considerati traditori”.

    La fonte riferisce che le conversioni hanno più presa “su persone deboli, che già subiscono forme di discriminazione ed emarginazione. Esse sono adescate con la promessa di un buon lavoro e di una vita migliore, di successo e da eroi. Per una persona frustrata e giovane, queste motivazioni hanno un grande fascino”. Da qui “il passaggio al radicalismo è breve. Perché coloro che fanno pressione per le conversioni sono quasi sempre radicali”.

    Un’altra fonte registra un elemento che desta ancora più preoccupazione: “Gli enormi finanziamenti stanziati dall’Arabia saudita per costruire madrasse e moschee in tutto il Paese [circa 10,8 miliardi di euro per 560 moschee e scuole coraniche, ndr]”. “Nessuno sa cosa si insegna in queste scuole” continua la fonte locale, che aggiunge che “il governo dovrebbe controllare in maniera più rigida da dove vengono i fondi, chi sono gli insegnanti, che tipo di islam si diffonde”. In linea teorica, questi centri culturali potrebbero diventare un enorme bacino cui i gruppi islamici possono attingere, dal momento che qui studiano giovani in tenera età. C’è da ammettere, continua, che “le banche stanno attuando sempre più controlli sui soldi che provengono dall’estero e su come vengono spesi i capitali”. Ad ogni modo “il dubbio rimane su come facciano i militanti a comprare armi sofisticate e costose. Prima nei rifugi si trovavano solo pochi fucili e qualche pistola, ora invece si scoprono armi di ultima generazione. Tra l’altro, dalla radicalizzazione non sono esenti nemmeno le donne”.

    A proposito dei fondi garantiti da Riyadh, la prima fonte prevede che “in questo caso si scontreranno due tendenze: da una parte, il governo di Dhaka che vuole incanalare le risorse verso un islam tollerante e moderato; dall’altra, i finanziatori che sperano di gestire in maniera autonoma i soldi. Non è detto che il risultato sarà il terrorismo, ma di certo molto integralismo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/07/2016 08:54:00 BANGLADESH
    Dhaka, nove militanti islamici uccisi dalla polizia

    L’operazione “Storm 26” è durata circa un’ora. È stata eseguita in maniera congiunta da forze speciali, polizia e antiterrorismo. Nella serata di ieri la polizia è stata aggredita da granate dai militanti che gridavano “Allahu Akbar” e hanno risposto al fuoco con un blitz. È la prima operazione antiterrorismo dopo la strage di Dhaka.



    21/07/2016 11:25:00 BANGLADESH
    Per il governo di Dhaka almeno 11 Ong finanziano gruppi terroristici

    Le organizzazioni avrebbero ricevuto il denaro fin dal 2012. I fondi provengono da Paesi del Medio Oriente – come Kuwait, Qatar e Arabia saudita – e Regno Unito. I gruppi islamici hanno aperto scuole, madrasse, ospedali e centri di formazione. Almeno 231 associazioni avrebbero foraggiato il terrorismo, con 500mila dipendenti su tutto il territorio.



    27/07/2016 09:09:00 BANGLADESH
    I militanti uccisi ieri erano legati ai terroristi della strage di Dhaka

    Il capo della polizia della capitale ha dichiarato che i due gruppi terroristi presentano molte somiglianze. Erano tutti giovani e appartenenti a buone famiglie. Nell’appartamento dei nove militanti uccisi ieri sono state ritrovate delle tessere universitarie. Le foto dei giovani diffuse sui social media per facilitare il riconoscimento.



    12/11/2004 ARABIA SAUDITA - IRAQ
    Gran Mufti: Giovani, non andate in Iraq per il jihad

    Il capo di Al Qaeda in Arabia: "Dovere di ogni musulmano la guerra santa contro l'Occidente crociato".



    27/08/2016 12:37:00 BANGLADESH
    Dhaka, ucciso il mandante della strage nel bar per stranieri

    Tamim Ahmed Chowdhury era arrivato dal Canada nel 2013 e da quel momento aveva fatto perdere le sue tracce. Nel blitz di questa mattina sono morti altri due terroristi, dall’identità ignota. Il pianificatore della strage al caffè della capitale aveva creato una nuova branca del gruppo islamico Jama’atul Mujahideen Bangladesh.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®