31 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 16/08/2012
TURCHIA
Bartolomeo I: Pace in Siria e nel mondo intero
di NAT da Polis
Il Patriarca ecumenico di Costantinopoli è preoccupato per la situazione del Paese e per il destino della comunità cristiana siriana. Dolore anche per il resto del Medio Oriente, la Nigeria e il Sudan. Occorre combattere il fondamentalismo religioso usato per fini politici. "il crimine commesso in nome della religione è un crimine contro la religione".

Istanbul (AsiaNews) - In occasione della Festa della Dormizione della Vergine (in occidente: l'Assunzione di Maria al Cielo), il Patriarca ecumenico di Costantinopoli ha diffuso un comunicato in cui egli esprime "profonda preoccupazione" per la situazione della Siria e delle comunità cristiane di quel luogo. Il patriarca non dimentica altre zone di tensione in tutto il Medio oriente, la Nigeria e il Sudan e domanda la fine dell'uso politico del fondamentalismo religioso.

Ieri, per il terzo anno consecutivo, Bartolomeo si è recato a celebrare la festa mariana al monastero della Madonna di Sumela, sul Mar Nero. Dal 2009 il governo turco ha dato il permesso per celebrare una messa il 15 agosto, dopo 80 anni di divieti e dopo la trasformazione dell'antico monastero in museo.

Il patriarca ha focalizzato il suo intervento sulla crisi che sta colpendo l'umanità intera  e la conseguente diffussione della violenza nel mondo.

"Il Patriarcato Ecumenico - dice il comunicato - è profondamente  preoccupato per la diffusione  della  violenza in tutto il mondo d'oggi.  Ci troviamo di  fronte a fenomeni di intolleranza che non solo indeboliscono la pace globale, ma costituiscono  una negazione della dignità umana. Fenomeni come omicidi, atti di razzismo, genocidi, pulizie etniche, antisemitismo, distruzioni di luoghi di culto,  sono espressioni di barbarie, e  devono  essere condannati in modo categorico e  inequivocabile, in particolare quando [tali atti] sono perpetrati in nome della religione".

"Il Patriarcato ecumenico - prosegue il comunicato - esprime le sue particolalori   preoccupazioni soprattutto per la situazione creatasi  in Medio Oriente , Nigeria  e   Sudan. Gli scontri e i conflitti tra cristiani e musulmani in questi luoghi,  devono e possono  essere superati soltanto con il rafforzamento dell'amor verso il prossimo, in quanto espressione di legame di pacifica coesistenza".

"Il Patriarcato Ecumenico - si aggiunge - è anche molto preoccupato per il futuro del popolo siriano e il futuro del cristianesimo su quella terra e rivolge un appello  a tutti i protagonisti del conflitto, per far tacere immediatamente  le  armi,  per urgenti motivi umanitari".

"La soluzione di tutti questi conflitti - continua - passa principalmente  attraverso il   dialogo. Perché,  il dialogo è l'unico e miglior strumento di comprensione  e di riappacificazione delle nostre differenze, e  costituisce un agente di cambiamento e di riconciliazione. Pertanto, i capi religiosi  di tutto il mondo, hanno il dovere e l'obbligo morale di opporsi ai conflitti  e promuovere la pace come l'unica necessità. La religione non deve essere stumentalizzata ed utilizzata come pretesto per i vari conflitti, facendo leva sul fondamentalismo per uso politico. Il crimine commesso in nome della religione, è un crimine contro la religione".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/10/2014 MEDIO ORIENTE - ISLAM
Solo i cristiani possono mostrare ai musulmani la “folle utopia” dello Stato islamico
di Fady Noun 

16/08/2010 TURCHIA
Bartolomeo I celebra la prima messa alla Madonna di Sumela, dopo 88 anni di distruzione
di NAT da Polis
01/10/2010 TURCHIA
Il partito nazionalista turco organizza una preghiera di massa in un’ex chiesa-moschea
21/02/2014 VATICANO
Papa: concistoro, preghiera per i cristiani vittime di persecuzioni
14/10/2014 SIRIA - TURCHIA
Kobane: controffensiva curda contro lo Stato islamico, rimossa la bandiera jihadista

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate