25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2016, 08.28

    KYRGYZSTAN – CINA

    Bishkek, autobomba all’ambasciata cinese: un morto e tre feriti



    Il veicolo ha sfondato il cancello per poi esplodere nel cortile. La vittima sarebbe il conducente dell’auto. Il capo della sicurezza cinese ha dichiarato che non ci sono feriti nello staff. Secondo le autorità locali si tratterebbe di attacco terroristico.

     

    Bishkek (AsiaNews/Agenzie) – Un’autobomba è stata fatta esplodere questa mattina nei pressi dell’ambasciata cinese di Bishkek, capitale del Kyrgyzstan situata a nord del Paese. Fonti locali riportano che il veicolo ha sfondato i cancelli della struttura per poi deflagrare nel cortile, vicino all’abitazione dell’ambasciatore. Il bilancio provvisorio è di un morto, con tutta probabilità il conducente dell’auto.

    Il ministero kirghiso della Salute ha dichiarato che tre persone sono rimaste ferite, mentre il capo della sicurezza dell’ambasciata ha assicurato che i membri della delegazione stanno tutti bene.

    L’agenzia stampa locale AKIpress ha riportato le dichiarazioni delle autorità kirghise, secondo cui si tratterebbe di un attacco terroristico. Tutto il personale dell’ambasciata è stato evacuato insieme alla vicina delegazione statunitense.

    Il Kyrgyzstan è una delle repubbliche dell’Asia centrale, regione dove l’influenza di Pechino è aumentata moltissimo negli ultimi anni. Approfittando delle debolezze interne ai Paesi, la Cina prende il controllo delle imprese e dei terreni agricoli, spesso generando malumore nella popolazione locale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/03/2017 15:38:00 TURKMENISTAN
    Bloccata la costruzione del più grande gasdotto turkmeno. Peggiora la crisi del Paese

    La “linea D” avrebbe dovuto attraversare Uzbekistan, Tajikistan e Kyrgyzstan per poi giungere nella Cina. Avrebbe dovuto trasportare in Cina circa 30 miliardi di metri cubi di gas turkmeno all’anno.



    20/03/2017 12:18:00 KYRGYZSTAN
    ​Arrestati attivisti, dimostravano per la libertà d’espressione

    La marcia si svolgeva in modo pacifico. Fra le persone fermate, vi sono Mavlyan Askarbekov, Aibek Myrza e Azamat Attokurov. Dovranno scontare una condanna a cinque giorni in condizioni disagiate.



    06/04/2017 15:49:00 ASIA CENTRALE
    Il futuro dell’Asia Centrale: molte opportunità, ma serve cooperazione

    I cinque Paesi divisi da questioni irrisolte del periodo sovietico e dispute di frontiera. Russia e Cina condividono l’influenza economica e politica. Nuove iniziative, anche da Ue e Usa. Opportunità di ritrovare rilievo regionale, se non globale, ma i Paesi devono cooperare.



    06/10/2008 KYRGYZSTAN
    Terremoto in Kyrgyzstan, più di 60 morti e un villaggio raso al suolo
    Si cercano ancora i feriti a Nura, villaggio al confine fra Kyrgyzstan e Cina, distrutto dal sisma di magnitudo 6.6 che ha colpito ieri sera l’Asia centrale. La scossa è stata avvertita anche in Tajikistan, Uzbekistan e Cina, dove si sono registrati danni di lieve entità.

    14/05/2016 12:38:00 ASIA CENTRALE – ASIA DEL SUD
    Al via il progetto di rete elettrica CASA-1000 tra Asia centrale e meridionale

    Tajikistan e Kyrgyzstan forniranno elettricità ad Afghanistan e Pakistan. Il costo per progetto è di 1,2 miliardi di dollari e sarà completato entro il 2018. Tutti i Paesi contraenti trarranno benefici economici, garantendo anche la stabilità regionale. La fornitura di corrente al Pakistan eviterà i cali di tensione in estate, che causano centinaia di vittime tra la popolazione.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®