26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/12/2016, 09.11

    TAIWAN

    Boom di vendite per dolci e piatti salati delle detenute di Taoyuan



    Apprezzati per la qualità e il prezzo contenuto, i cibi delle prigioniere vanno a ruba. Nel 2015 gli introiti hanno raggiunto i 15 milioni di dollari. Iniziato nel 2006, il programma coinvolge centinaia di donne in 50 penitenziari del Paese.

    Taoyuan (AsiaNews/Agenzie) – Torte all’ananas, crumble alle nocciole e snack artigianali. Sono i prodotti che da 10 anni vengono prodotti dalle detenute del penitenziario femminile di Taoyuan (municipalità di Taipei, nel nord del Paese). Centinaia di donne condannate alla reclusione vengono impiegate nel settore fiorente dell’industria alimentare. I loro prodotti sono molto apprezzati e le vendite salgono ogni anno.

    Dopo una serie di scandali alimentari, il mercato taiwanese apprezza la qualità dei prodotti della prigione – che subiscono una lunga trafila di controlli – e il loro prezzo leggermente inferiore a quello dei supermercati. Nel 2015, gli introiti derivanti dalla vendita di alimenti dolci e salati ha fruttato ben 15 milioni di dollari. Il denaro viene reinvestito nelle compensazione delle vittime dei crimini e nel miglioramento delle strutture che ospitano le detenute.

    Le lavoratrici guadagnano anche un piccolo stipendio mensile (circa 100 dollari). Al programma culinario hanno la precedenza le detenute la cui pena è in scadenza o che sono in libertà vigilata, ma possono fare richiesta anche le carcerate con una lunga condanna. Molte di loro non sapevano cucinare prima di iscriversi: “Non sapevo nemmeno usare un coltello da cucina – dice Chen, 39 anni – perché mia madre ha sempre cucinato per me”.

    Inaugurato nel 2006, il programma aveva come scopo l’insegnamento di alcune abilità manuali alle detenute e la raccolta di denaro per la prigione. Ora si è trasformato in un business che ha coinvolto 50 penitenziari in tutto il Paese.

    Le carcerate producono circa 300 tipi di prodotti che possono essere ordinati (via telefono o fax) dalla gente. Chi vuole può ritirare il cibo alla prigione.

    Wang Lung-feng è una donna d’affari che vende cibo nelle fiere del Paese: “Compro i prodotti delle carcerate da più di un anno – racconta – e lo faccio perché sono organici, di buona qualità ed economici. Ho anche convinto i miei amici ad acquistare cibo da loro”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2010 TAIWAN
    Taipei, contro il calo delle nascite sussidi per le babysitter
    Nascite al minimo storico, con 1,03 figli per madre. Aiuti anche per i figli di famiglie a basso reddito. A Taipei incentivi per ogni nuovo nato. Ma per gli esperti del welfare familiare è troppo poco.

    23/04/2013 TAIWAN
    Giornata delle vocazioni a Taipei, centinaia di giovani per “far conoscere Gesù a tutti”
    L’arcivescovo della capitale celebra la messa per i ragazzi: “La Chiesa continua nella sua missione, raccontare Cristo al mondo”. Presentata alle scuole una lezione speciale sul cattolicesimo, con messaggi audio e video e testimonianze di sacerdoti e religiosi.

    05/01/2015 NEPAL - CINA
    Grazie al Nepal, la nuova "Via della Seta" porterà le merci cinesi in Europa
    Firmato un accordo fra Pechino e Kathmandu che prevede la costruzione di un "corridoio" per i beni prodotti nel Dragone attraverso il territorio nepalese. Prevista la costruzione di una linea ferroviaria che unisca i Paesi, guardando fino all'India.

    12/12/2006 CINA
    L’inflazione dei prodotti alimentari minaccia centinaia di milioni di cinesi
    Forte aumento del costo dei generi alimentari, mentre scende il prezzo di prodotti di consumo. Ne soffrono i poveri che, nella Cina del boom economico, sono privi di sostegno pubblico di fronte a una malattia, a un cattivo raccolto, a un licenziamento. Intanto uno studio ufficiale dice che il 90% dei nuovi milionari sono parenti di importanti funzionari pubblici.

    03/05/2016 08:56:00 VIETNAM
    Materiale chimico in mare: migliaia di persone senza cibo

    Da un mese emergono decine di migliaia di pesci morti sulle coste centrali del Paese. Il governo non ha ancora dato una risposta sulle cause, ma esperti indipendenti accusano una multinazionale dell’acciaio. Scoperto un tubo subacqueo che da anni inquina la costa. Arcivescovo di Ho Chi Min City: “Preghiamo per i nostri fratelli colpiti dalla tragedia”.

     





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®