06/11/2012, 00.00
SIRIA
Invia ad un amico

Brahimi: la Siria sta diventando una nuova Somalia

L'inviato speciale per Onu e Lega Araba teme il rischio di una partizione del territorio siriano in piccole enclavi etnico religiose, guidate dai signori della guerra. In Qatar prosegue la riunione de Consiglio nazionale siriano (Cns). L'incontro è frutto delle pressioni della comunità internazionale per spingere l'opposizione a eliminare le divisioni e a scegliere un vero leader.

Damasco (AsiaNews/ Agenzie) - "La Siria potrebbe divenire una nuova Somalia". È quanto afferma Lakhar Brahimi, inviato speciale di Onu e Lega Araba in Siria in un'intervista rilasciata al quotidiano al-Hayat. Secondo il diplomatico, il conflitto si sta trasformando in una guerra di usura dove milizie paramilitari e signori della guerra potrebbero avere la meglio in caso di un collasso del regime. Le dichiarazioni di Brahimi giungono a pochi giorni dal fallimento del cessate il fuoco proposto da Onu e comunità internazionale in occasione della festa islamica dell'Eid al-Adha. L'inviato speciale sottolinea che "si teme la divisione del Paese vari Stati basati sull'etnie e l'appartenenza religiosa, ma io non voglio che ciò accada".

La "somalizzazione" della Siria potrebbe destabilizzare tutta la regione e costringere a un intervento internazionale per prevenire un conflitto su larga scala. Oggi, James Cameron, Premier britannico in visita negli Emirati Arabi per sottoscrivere contratti militari, ha dichiarato di voler concedere ad Assad un salvacondotto e un processo equo davanti a una corte internazionale se si dimetterà e porrà fine alle violenze contro i civili.  

In questi giorni, i bombardamenti dell'esercito regolare e gli attentati dinamitardi dei guerriglieri ribelli hanno colpito le principali città del Paese, facendo più di duecento morti fra i civili. Ieri, nella capitale un'autobomba è esplosa nel quartiere di Mezzah Jana, uccidendo 11 persone fra cui molte donne e bambini, Gli scontri fra ribelli e regime si sono spinti fino alle alture del Golan, pattugliate senza sosta dall'esercito dello Stato di Israele. Ieri sera una jeep dei militari israeliani è stata colpita da proiettili vaganti, facendo salire ancora di più la tensione fra i Paesi confinanti

Intanto, si accende il dibattito futuro del Paese, in guerra dal marzo 2011. Domani si concluderà l'Asseblea Generale del Consiglio nazionale Siriano, (Cns), principale piattaforma degli oppositori in esilio. Ieri sera, alla vigilia dell'incontro Abdel Basset Sayda, capo dell'Snc   ha dichiarato "che partecipa con gioia all'incontro.  Ma vorremmo sottolineare fin dall'inizio la necessità di mantenere il SNC, come la pietra angolare dell' opposizione siriana",  La riunione è iniziata ieri a Doha (Qatar) e terminerà domani. Il gruppo dei ribelli, rappresentando in gran parte dall'Snc, rifiuta qualsiasi soluzione che vede Assad ancora seduto in posto di potere. A tutt'oggi gli unici che ancora difendono Assad sono: Russia, Cina e Iran. In visita in Giordania, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha ribadito oggi la pericolosità di uno Stato nelle mani di ribelli armati, che continuano ad essere finanziati da Qatar e Arabia Saudita. Secondo il diplomatico i ribelli del Free Siryan Army avrebbero ottenuto dall'estero ben 50 missili Stinger da lanciare contro i jet dell'esercito e colmare in tal modo lo svantaggio strategico di non disporre di aerei ed elicotteri, forniti invece dalla stessa Russia, che ha legami con il Paese dai tempi dell'Unione Sovietica. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dagli "Amici della Siria" armi ai ribelli e maggiori sanzioni contro Assad
25/02/2012
Ban Ki-moon: Non c'è soluzione militare al conflitto in Siria. Occorre un dialogo politico
20/09/2012
Damasco: summit di emergenza e concessioni per evitare la sospensione dalla Lega araba
14/11/2011
Qatar, Turchia e Libano insieme per liberare le donne rinchiuse nelle carceri di Assad
25/10/2013
Assad promette la fine delle violenze entro il 10 aprile, secondo il piano di pace dell'Onu
03/04/2012