03/06/2005, 00.00
INDIA - ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

Brian O'Connor: "L'infame Muttawa, che tortura i cristiani"

di Nirmala Carvalho

Il cristiano indiano scarcerato l'anno scorso dopo una vasta campagna mediatica, chiede a stampa e organizzazioni internazionali per i diritti umani di salvare gli 8 cristiani arrestati a Riyadh.

Hubli (AsiaNews) – Brian O'Connor, il protestante indiano liberato dalle carceri saudite dopo una vasta campagna di pressione internazionale promossa da AsiaNews l'anno scorso, prega per i cristiani arrestati in Arabia Saudita e chiede l'intervento di organismi e media internazionali per la loro liberazione.

"Sono triste e seriamente preoccupato – confida in un'intervista ad AsiaNews – per gli 8 cristiani detenuti a Riyadh nelle mani dell'infame Muttawa (polizia religiosa)". "Queste persone hanno bisogno di tutto il nostro supporto, so bene cosa significa la detenzione in Arabia Saudita". "Il ricordo della mia condanna e della mia prigionia (nel carcere Al Hair a Riyadh, ndr) –  aggiunge - è ancora molto vivo; prego che tutti gli 8, tra cui so che ci sono alcuni indiani, si salvino dalle torture della Muttawa e vengano presto liberati".

Originario del Karnataka - sudest dell'India - O'Connor viene rapito dalla Muttawa il 25 marzo 2004, davanti alla sua abitazione a Riyadh. Dopo averlo torturato per 24 ore in una moschea, la polizia gli ordina di firmare una dichiarazione in cui ammetteva di vendere liquori. Il cristiano rifiuta ripetutamente di firmare; la Muttawa cerca anche di convertirlo all'islam. La sua casa viene  perquisita e bibbie, cd e video cristiani confiscati. Il giorno successivo all'arresto, il 26 marzo, è portato alla stazione di polizia di Olaya e in seguito trasferito alla Al Hair dove è rimasto fino alla liberazione.

"La Muttawa non si fermerà – spiega O'Connor – i suoi membri sono gente brutale e crudele: sebbene i regnanti sauditi hanno permesso di praticare in privato fedi diverse dall'islam, la polizia religiosa non fa distinzione".

Il 15 settembre O'Connor è formalmente accusato di 4 reati: vendita di liquori, droga, evangelizzazione e possesso di materiale pornografico. Il 20 ottobre è giudicato colpevole solo di "vendita di liquori" con la pena di 300 frustate e 10 mesi di prigione. O'Connor, cristiano protestante, si è sempre detto innocente e ha solo ammesso di organizzare incontri di studio e preghiera sulla Bibbia in modo privato, come permesso dalla stato.

O'Connor spiega che "i cristiani sono facile bersaglio della Muttawa, la quale ne controlla raduni e attività di ogni genere compiendo arresti senza prove e basati solo su sospetti vaghi".

Il cristiano sottolinea la necessità che ora, a favore degli 8 detenuti, intervengano media e organizzazioni internazionali. Nel suo caso, infatti, la vasta campagna mediatica lanciata da AsiaNews e sostenuta da organizzazioni internazionali ha portato ad un'inaspettata scarcerazione il primo novembre scorso. Secondo O'Connor "senza il concreto impegno di influenti organizzazioni cristiane come Christian Solidarity Worldwide e l'All India Christian Council contro la persecuzione religiosa in Arabia Saudita i cristiani continueranno ad essere arrestati". "Io stesso – dice – non sarei libero senza l'intervento di AsiaNews e di chi ha aderito alla campagna".

L'ex detenuto invita anche le organizzazioni per i diritti umani a pronunciarsi contro "quest'ultimo caso di seria violazione dei diritti dell'uomo".

Brian O'Connor vive a Hubli, cittadina nel Karnataka. Ora insegna e prega in diverse chiese in zone rurali e città. La sua salute, provata dalla prigionia, continua migliorare e chi lo conosce afferma stia meglio di quando era andato per lavoro in Arabia.

"Ora la mia missione è diffondere la parola di Dio – racconta – condivido la tragica esperienza del carcere con le persone che incontro per pregare e per molti è stimolo a cambiare le loro vite". 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Per la prima volta sotto processo agenti della polizia religiosa
22/06/2007
La campagna "Salvate il cristiano O'Connor", esempio di solidarietà via internet
25/11/2004
Arabia Saudita: arresti e persecuzioni contro i cristiani
25/11/2004
O'Connor in tribunale: nuove (false) accuse al cristiano indiano
24/09/2004
Brian O'Connor: "Io, cristiano, nelle prigioni saudite"
25/11/2004