26 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/12/2016, 13.24

    EGITTO

    Cairo, lo Stato islamico rivendica l’attacco ai copti e promette nuove stragi



    Un kamikaze, identificato con lo pseudonimo di Abu Abdallah al-Masri, si è “mescolato fra la folla” e “ha azionato la cintura esplosiva”. Nel mirino dei miliziani “ogni infedele e apostata in Egitto e da tutte le altre parti”. La testimonianza del sacerdote che celebrava messa al momento dell'attacco. 

     

    Il Cairo (AsiaNews) - Le milizie dello Stato islamico hanno rivendicato l’attacco dell’11 dicembre contro una chiesa del Cairo, adiacente alla cattedrale di san Marco, sede del patriarca copto Tawadros II, che ha provocato la morte di 25 persone e il ferimento di altre 59. In una dichiarazione ufficiale rilanciata sui social media, i miliziani di Daesh [acronimo arabo per lo Stato islamico] si sono attribuiti la paternità dell’attentato. 

    Ieri il presidente egiziano Abdel-Fattah Al-Sisi, presente ai funerali vittime , aveva puntato il dito contro i Fratelli musulmani, ritenendoli i responsabili morali e materiali della strage. Secondo il capo dello Stato l’autore sarebbe il 22enne Mahmoud Chafiq Moustapha, identificato grazie alle tracce di Dna rinvenute sulla scena dell’esplosione. Altre quattro persone sono state fermate e due risultano ricercate per coinvolgimento nell’attentato. 

    Pronta la replica dei vertici della Fratellanza che, da loro esilio in Qatar, hanno negato ogni coinvolgimento, respingendo le accuse. 

    In un quadro ancora confuso si inserisce la dichiarazione dello Stato islamico, che si è attribuito la responsabilità dell’attacco come avvenuto in altri fatti di sangue del passato, in Egitto e nel resto del mondo. Nel comunicato ufficiale i leader jihadisti hanno rivelato il nome del kamikaze che si è fatto saltare in aria: si tratterebbe di un proprio affiliato, identificato con lo pseudonimo di Abu Abdallah al-Masri, che si è “mescolato fra la folla” e “ha azionato la cintura esplosiva”.

    Quello alla chiesa è l’attacco più sanguinoso contro civili rivendicato dal gruppo terrorista in Egitto, dall’abbattimento di un volo civile avvenuto nell’ottobre 2015. L’aereo, appena decollato dalla città turistica di Sharm el Sheikh con 224 persone a bordo, trasportava turisti russi di rientro da una vacanza nella celebre località marittima. Lo SI aveva rivendicato l’abbattimento, sebbene le autorità del Cairo abbiano all’epoca declassato le affermazioni ritenendole solo “propaganda”.

    I miliziani dello SI annunciano infine nuovi attacchi contro “ogni infedele e apostata in Egitto e da tutte le altre parti”. 

    Intanto emergono le prime testimonianze di sacerdoti e fedeli presenti al momento dell’esplosione. La 14enne Cynthia Michel, ricoverata in ospedale e reduce da un intervento chirurgico per le ferite riportate nello scoppio, è fra le poche persone ad aver visto in faccia l’attentatore. “Mi ha molto stupito - racconta dal proprio letto - vedere un uomo che aveva qualcosa in testa e una pancia grossa, entrare in chiesa dal lato delle donne. Egli ha aperto la giacca, poi non ho visto né sentito più nulla”.

    A celebrare la funzione vi era p. Antonios Mounir, che parla per la prima volta dal giorno dell’attacco: “Quella è la porta attigua all’ingresso principale - sottolinea il sacerdote - ed era la più semplice per l’attentatore. Nessuno l’ha visto, né i diaconi né i volontari che operano al servizio della chiesa”. Un fedele, aggiunge, “ha riconosciuto l’autore dell’attentato quando ha visto la sua foto sui media” e “si è recato negli uffici del procuratore generale per fornire la propria testimonianza”. Il giorno precedente egli aveva “incontrato” il kamikaze, conclude p. Mounir, che aveva fatto un sopralluogo nell’area con il pretesto di “comprare dei libri. E poiché non vi erano libri in quella sala, ha chiesto di poter andare a pregare in chiesa ma la sua richiesta è stata negata”. 

    (Ha collaborato Loula Lahham)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/12/2016 15:01:00 EGITTO
    Cairo, dietro l’attacco alla cattedrale copta la mano dei Fratelli musulmani

    Arrestate quattro persone, di cui una donna, per l’attacco dell’11 dicembre. Altre due persone sono ricercate e al momento risultano latitanti. Identificato un kamikaze; secondo gli inquirenti sarebbe legato alla Fratellanza. Ma il movimento nega ogni coinvolgimento nell’attentato. Il momento dell’esplosione catturato da una telecamera di sicurezza del patriarcato.

     



    12/12/2016 12:58:00 EGITTO
    Francesco chiama Tawadros II: condoglianze e solidarietà ai copti, vittime dell’attentato

    Il papa vicino a una comunità “colpita”, in special modo donne e bambini che “rappresentano il numero più alto fra le vittime”. L’ecumenismo del sangue dei martiri e la preghiera per la pace in Egitto e nel mondo. Al Cairo si sono svolti i funerali, presieduti dal patriarca Tawadros II. Gli attentatori “hanno offeso una nazione intera”. 

     



    11/12/2016 14:46:00 EGITTO
    Attentato al Cairo: la condanna della Chiesa cattolica. Le reazioni dal mondo arabo

    Il portavoce dei cattolici, p. Rafic Greiche, offre condoglianze e preghiere per i morti e i feriti. Un appello alle forze di sicurezza. Per il Fronte democratico per la liberazione della Palestina vi è l'influenza di Israele. La condanna da parte di Al Azhar. Interrotti i festeggiamenti per la nascita del profeta Maometto. Il papa Tawadros II interrompe il suo viaggio in Grecia.



    11/12/2016 12:51:00 EGITTO
    Attacco terrorista vicino alla cattedrale copta del Cairo. Almeno 25 morti e decine di feriti

    L'esplosione è avvenuta nella chiesa di san Pietro, durante la liturgia. Un testimone: Corpi e sangue, oltre a distruzioni. Nessuna rivendicazione per il momento.



    01/07/2016 12:26:00 EGITTO
    Sinai, portavoce Chiesa cattolica: I cristiani sono considerati "obiettivi legittimi"

    P. Rafic Greiche: milizie estremiste considerano i non wahabbiti “dei nemici da colpire”. L’area è “da tempo” teatro di violenze; per i miliziani chiese e sacerdoti sono “un target legittimo”. L’uccisione del sacerdote copto ortodosso in concomitanza con l’anniversario della deposizione di Morsi: "Un evento non casuale”. 





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®