26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/12/2016, 10.44

    EGITTO

    Cairo, nuovo scandalo corruzione: funzionario della giustizia accumula un tesoro milionario

    Loula Lahham

    Arrestato Gamaleddin Al-Labban, funzionario del ministero. Nella sua abitazione sono state rinvenute ingenti somme di denaro - in valuta locale e straniere - oltre che gioielli, proprietà di case e terreni. Ironia e indignazione sul web, dove l’accusa prevalente è: “Sono tutti corrotti”. 

     

    Il Cairo (AsiaNews) - L’organismo che regola il settore amministrativo, responsabile delle indagini su presunte irregolarità in materia gestionale e finanziaria commesse da cittadini nell’esercizio delle loro funzioni, ha annunciato l’arresto di Gamaleddin Al-Labban. Egli è stato bloccato ieri mattina al Cairo e posto in stato di fermo. 

    L’uomo è un alto funzionario in ruolo al ministero egiziano della Giustizia, con la carica di “responsabile generale del settore acquisti” presso il dicastero stesso. All’interno della sua abitazione le forze di sicurezza hanno rinvenuto ingenti somme di denaro; secondo gli inquirenti, si tratterebbe del frutto di tangenti ricevute negli ultimi mesi da singoli imprenditori, per firmare contratti di acquisto e forniture al ministero. 

    Dalle prime indiscrezioni emerse sembra che questo “tesoro” - di diverse valute correnti - sia composto da 24 milioni di lire egiziane, quattro milioni di dollari Usa, due milioni di euro, un milione di rials sauditi (nella foto). Al denaro si aggiungono diversi gioielli e documenti di proprietà relativi ad abitazioni private, vetture, terreni agricoli a nome suo o assegnati a membri della sua famiglia. 

    Le foto di valigie e di casse di cartone stipate di fasci di banconote di valuta locale e straniera hanno fatto rapidamente il giro del web, scatenando i commenti fra l’ironico e l’indignato di milioni di internauti egiziani. Uno scandalo che desta ancor più sconcerto oggi, con il Paese dilaniato da una grave crisi economica e i cittadini costretti a pesanti restrizioni nei bilanci familiari, a fronte di una forte svalutazione della lira egiziana nei confronti del dollaro. 

    In seguito a questo nuovo scandalo, fra gli utenti di Facebook e di twitter prevale un senso di sfiducia e sospetto verso l’intera classe amministrativa e dirigente. “E gli altri responsabili, cosa avranno accumulato nelle loro case?” scrive un blogger. “Date una mazzetta [di denaro] anche a noi” aggiunge un altro. E c’è anche chi pensa, e scrive, che “in questo Paese sono tutti corrotti”. 

    Secondo il rapporto 2016 degli esperti dell’Ong internazionale Transparency International, l’Egitto si classifica all’88mo posto fra le nazioni più corrotte al mondo su un totale di 168 Paesi. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2017 13:04:00 ASIA
    Transparency International: inefficace la lotta alla corruzione in Asia

    La maggior parte dei Paesi del continente presenta una situazione critica. Cresce il fenomeno in Cambogia e Thailandia; leggero miglioramento in Afghanistan. Corea del Nord e Siria restano agli ultimi posti della classifica. Sotto osservazione la Cina: inefficace la sbandierata lotta governativa al malaffare.  

     



    29/10/2010 ASIA
    Myanmar e Afghanistan sono i Paesi più corrotti, male anche Russia, India e Cina
    Il Rapporto 2010 sulla corruzione pubblica, a cura di Transparency International, mostra il permanere di una diffusa corruzione in Asia, con alcuni tra i Paesi più corrotti. Passi indietro di Cina, India e Russia. Bene Hong Kong e Singapore.

    23/05/2008 FILIPPINE
    Filippine, la corruzione sta uccidendo l’economia interna
    Secondo i dati di Transparency International, il Paese è fra i più corrotti al mondo. Nessun miglioramento rispetto allo scorso anno, mentre cala la fiducia degli investitori esteri.

    27/11/2010 INDONESIA
    Jakarta: la Commissione anti-corruzione ha un nuovo capo, divisa l'opinione pubblica
    Il Parlamento ha scelto Busyro Muqqodas, finora a capo della Commissione di giustizia indonesiana. I critici accusano: troppi soldi spesi per una nomina che dura solo un anno. I membri della KPK plaudono la scelta: "benvenuto a bordo". Il posto vacante da mesi, dopo il coinvolgimento dell'ex presidente Azhar in un caso di omicidio.

    14/03/2015 EGITTO
    Cairo, i Paesi arabi offrono 16 miliardi di dollari "per un futuro di pace"
    Alla Conferenza per lo sviluppo dell'Egitto i capi di Kuwait, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti offrono 4 miliardi ciascuno al governo di al-Sisi. Riuniti a Sharm el-Sheikh, fra ingenti misure di sicurezza, i vertici di governi e organismi internazionali studiano lo sviluppo sicuro della regione. L'esecutivo offre una partnership in 36 progetti, per un valore di 60 miliardi di dollari.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®