24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/12/2006, 00.00

    VIETNAM

    Can Gio, la Chiesa al servizio dei poveri

    JB. Vu

    Il distretto è uno dei più poveri di Ho Chi Minh City. Alle famiglie del posto manca persino l’acqua potabile. Grazie all’esempio dei volontari cattolici, sono stati battezzate nel tempo 300 persone che provengono da altre religioni.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews) – Il distretto di Can Gio è uno dei più poveri della metropoli vietnamita e combattere questa povertà è uno degli obiettivi principali della Chiesa locale. Sono molti, infatti, i cattolici che fanno volontariato in forma gratuita presso le famiglie del distretto, a cui manca persino l’acqua potabile.

    La signora H fa parte del gruppo di sviluppo comunitario parrocchiale e ad AsiaNews racconta che “ad oggi, lavorando insieme, siamo stati in grado di costruire 250 piccoli pozzi di acqua potabile che vengono usate dalle famiglie della zona”.

    Il parroco di Can Gio spiega che “i progetti sociali funzionano nel distretto da molto tempo. Le sorelle della congregazione delle amanti della Sacra Croce lavorano qui sin dai primi anni ’80. Grazie ai consultori, ad esempio, abbiamo aiutato molte famiglie in crisi con sostegno materiale e spirituale”. Proprio ieri, il gruppo è intervenuto per aiutare le vittime del tifone Durian, che nel Paese ha colpito circa 100 persone, fra morti e dispersi.

    Il sacerdote conferma che questo lavoro disinteressato “ha fatto crescere il gregge cattolico. Ora i fedeli che provengono da altre religioni sono quasi 300”.

    "Quando siamo arrivati qui per aiutarli - racconta un volontario - circa il 20 % di loro era buddista, altri animisti ma la maggior parte atea. Osservando il nostro lavoro, alcuni di loro si sono avvicinati al cattolicesimo: ora vengono in chiesa la domenica e si avviano verso il battesimo”.

    Il presidente della Commissione per le attività pastorali e sociali di Ho Chi Minh City, p. Joseph, aggiunge: “Abbiamo aiutato molte famiglie colpite dal tifone, ma aldilà delle attività caritatevoli impieghiamo molto tempo per l’azione missionaria nei distretti più poveri della diocesi. La vita qui è molto attiva e, basandoci sui reali bisogni della popolazione, continuiamo a lavorare”.

    Proprio qui, nel giugno scorso, la Chiesa ha inaugurato una nuova parrocchia dedicata a s. Giovanni Battista, nata grazie agli sforzi di padre Chan Tin, della Congregazione dei Salvatoriani.  Al momento della sua dedicazione vennero battezzate 12 persone. La comunità conta circa 500 membri.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/02/2008 VIETNAM
    Ai cattolici si chiede di aiutare i poveri a festeggiare con dignità il Tet e la Quaresima
    Ad Haiphong un piano della diocesi per portare ai poveri “riso e calore umano”: volontari visiteranno le famiglie bisognose. Visite alle famiglie anche a Thai Binh, con la sollecitazione del vescovo a partecipare a movimenti che si prendono cura di poveri, vittime delle alluvioni, malati di Aids.

    16/08/2016 12:43:00 VIETNAM
    Una vita spesa per i poveri: la Chiesa vietnamita ricorda p. Joseph Đinh Huy Hưởng

    Il sacerdote dedicato 48 anni della sua vita alla pastorale e alla cura di poveri, lebbrosi, montagnard, bambini abbandonati, ragazze madri, studenti. Ha scontato 10 anni di prigionia per essere stato cappellano delle truppe sud vietnamite durante la guerra. Dal 2006 era stato direttore della Caritas Saigon. A migliaia lo ringraziano ancora: “Qualunque difficoltà avessimo, p. ‘Ut’ era sempre con noi”.

     



    10/02/2016 15:16:00 VIETNAM
    Tết a Saigon: l’impegno della Chiesa per gli studenti poveri

    Più di 10mila studenti fuori sede tornano nel nord del Paese per le vacanze del Nuovo anno lunare. Molti ragazzi, però, non possono permettersi il viaggio e rimangono a Emmanuel, studentato costruito dall’arcidiocesi quattro anni fa, che dona pasti e borse di studio ai più svantaggiati. Studente buddista: “Da quando vivo qui, posso condividere la felicità e la tristezza con altre persone”.



    15/01/2008 VIETNAM
    Si allarga la protesta dei cattolici vietnamiti che chiedono giustizia
    Dopo Hanoi e Ho Chi Minh City, ora tocca ad Ha Dong. Anche in questa città i fedeli chiedono la restituzione di un edificio della Chiesa, la loro parrocchia, ma le autorità rifiutano, sostenendo di averla avuta in dono.

    29/02/2016 11:31:00 VIETNAM
    Missionarie della carità in Vietnam: Lo spirito di Madre Teresa con i fratelli poveri

    Il prossimo 4 settembre si festeggia il Giubileo dei Volontari della misericordia. Il giorno è anche l’anniversario della morte della beata albanese e forse della sua canonizzazione. Le Missionarie della Carità di Cristo del Vietnam sono state fondate nel 1975, ma nel 1995 i comunisti le hanno cacciate dal Paese. Tornate dieci anni fa, ora operano con orfani, poveri, prostitute e malati di Aids.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®