Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/05/2004, 00.00

    iraq

    Capo del governo di coalizione ucciso da un attacco kamikaze



    Baghdad (AsiaNews/Agenzie)  - L'attuale capo del governo di coalizione è rimasto ucciso in un attentato con autobomba nei pressi di un checkpoint USA, insieme ad altri 4 irakeni. L'attentato è probabilmente opera di un kamikaze suicida.

    Abdel-Zahraa Othman, conosciuto anche come Izzadine Salim era sciita e leader del movimento della Dawaa Islamica, nella città di Bassora. Era uno scrittore, filosofo e attivista politico e aveva diretto diversi giornali e settimanali.

    L'attacco è avvenuto mentre il paese si prepara per il 30 giugno al trasferimento del potere dagli Stati Uniti a un governo irakeno ad interim. Nella generale situazione di violenza, gli obbiettivi sembrano essere coloro che devono il loro potere alla collaborazione con gli USA.

    Il Ministro degli esteri irakeno Hoshyar Zebari ha affermato che la morte di Salim non bloccherà il processo politico. Da parte sua il Brig. Gen. Mark Kimmitt ha detto che l'uccisione è un altro segno che i terroristi vogliono far deragliare il processo di democratizzazione in Iraq. Ma egli ha assicurato che la data del 30 giugno per il trasferimento dei poteri rimane un punto fermo.

    Salim è il secondo membro del governo di coalizione ad essere assassinato, dal luglio scorso, quando il gruppo di 25 membri è stato nominato dagli Stati Uniti. Aquila al-Hashimi, una delle tre donne del gruppo della coalizione fu ferita mortalmente il 20 settembre scorso da uomini armati mentre lei tornava a casa. Morì 5 giorni dopo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2005 iraq
    Costituzione presentata al parlamento, ma i sunniti prevedono la bocciatura


    16/11/2004 iraq
    Fallujah, il terrore e la violenza
    Gli abitanti della città denunciano i massacri dei fondamentalisti islamici: flagellazioni, mutilazioni, omicidi di massa. Soldato americano a Fallujah agli arresti con l'accusa di aver ucciso un ferito inerme.

    17/04/2004 iraq
    Tregua temporanea a Falluja; Al-Sadr rifiuta il disarmo delle milizie


    22/12/2004 IRAQ
    Strage nella base Usa di Mosul: 22 morti e oltre 60 feriti

    Continuano le violenze contro i cristiani a Mosul: lunedì scorso sono state colpite 3 chiese della diocesi. Liberati i due giornalisti francesi sequestrati nell'agosto scorso. 



    21/06/2004 iraq
    Corea del Sud decisa ad inviare militari. Riaprono gli oleodotti

    Iyad Allawi: "Tentano di distruggere il nostro paese, ma noi non lo permetteremo"





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®