30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/05/2004, 00.00

    iraq

    Capo del governo di coalizione ucciso da un attacco kamikaze



    Baghdad (AsiaNews/Agenzie)  - L'attuale capo del governo di coalizione è rimasto ucciso in un attentato con autobomba nei pressi di un checkpoint USA, insieme ad altri 4 irakeni. L'attentato è probabilmente opera di un kamikaze suicida.

    Abdel-Zahraa Othman, conosciuto anche come Izzadine Salim era sciita e leader del movimento della Dawaa Islamica, nella città di Bassora. Era uno scrittore, filosofo e attivista politico e aveva diretto diversi giornali e settimanali.

    L'attacco è avvenuto mentre il paese si prepara per il 30 giugno al trasferimento del potere dagli Stati Uniti a un governo irakeno ad interim. Nella generale situazione di violenza, gli obbiettivi sembrano essere coloro che devono il loro potere alla collaborazione con gli USA.

    Il Ministro degli esteri irakeno Hoshyar Zebari ha affermato che la morte di Salim non bloccherà il processo politico. Da parte sua il Brig. Gen. Mark Kimmitt ha detto che l'uccisione è un altro segno che i terroristi vogliono far deragliare il processo di democratizzazione in Iraq. Ma egli ha assicurato che la data del 30 giugno per il trasferimento dei poteri rimane un punto fermo.

    Salim è il secondo membro del governo di coalizione ad essere assassinato, dal luglio scorso, quando il gruppo di 25 membri è stato nominato dagli Stati Uniti. Aquila al-Hashimi, una delle tre donne del gruppo della coalizione fu ferita mortalmente il 20 settembre scorso da uomini armati mentre lei tornava a casa. Morì 5 giorni dopo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/08/2005 iraq
    Costituzione presentata al parlamento, ma i sunniti prevedono la bocciatura


    16/11/2004 iraq
    Fallujah, il terrore e la violenza
    Gli abitanti della città denunciano i massacri dei fondamentalisti islamici: flagellazioni, mutilazioni, omicidi di massa. Soldato americano a Fallujah agli arresti con l'accusa di aver ucciso un ferito inerme.

    17/04/2004 iraq
    Tregua temporanea a Falluja; Al-Sadr rifiuta il disarmo delle milizie


    22/12/2004 IRAQ
    Strage nella base Usa di Mosul: 22 morti e oltre 60 feriti

    Continuano le violenze contro i cristiani a Mosul: lunedì scorso sono state colpite 3 chiese della diocesi. Liberati i due giornalisti francesi sequestrati nell'agosto scorso. 



    21/06/2004 iraq
    Corea del Sud decisa ad inviare militari. Riaprono gli oleodotti

    Iyad Allawi: "Tentano di distruggere il nostro paese, ma noi non lo permetteremo"





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®