17/05/2004, 00.00
iraq

Capo del governo di coalizione ucciso da un attacco kamikaze

Baghdad (AsiaNews/Agenzie)  - L'attuale capo del governo di coalizione è rimasto ucciso in un attentato con autobomba nei pressi di un checkpoint USA, insieme ad altri 4 irakeni. L'attentato è probabilmente opera di un kamikaze suicida.

Abdel-Zahraa Othman, conosciuto anche come Izzadine Salim era sciita e leader del movimento della Dawaa Islamica, nella città di Bassora. Era uno scrittore, filosofo e attivista politico e aveva diretto diversi giornali e settimanali.

L'attacco è avvenuto mentre il paese si prepara per il 30 giugno al trasferimento del potere dagli Stati Uniti a un governo irakeno ad interim. Nella generale situazione di violenza, gli obbiettivi sembrano essere coloro che devono il loro potere alla collaborazione con gli USA.

Il Ministro degli esteri irakeno Hoshyar Zebari ha affermato che la morte di Salim non bloccherà il processo politico. Da parte sua il Brig. Gen. Mark Kimmitt ha detto che l'uccisione è un altro segno che i terroristi vogliono far deragliare il processo di democratizzazione in Iraq. Ma egli ha assicurato che la data del 30 giugno per il trasferimento dei poteri rimane un punto fermo.

Salim è il secondo membro del governo di coalizione ad essere assassinato, dal luglio scorso, quando il gruppo di 25 membri è stato nominato dagli Stati Uniti. Aquila al-Hashimi, una delle tre donne del gruppo della coalizione fu ferita mortalmente il 20 settembre scorso da uomini armati mentre lei tornava a casa. Morì 5 giorni dopo.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tregua temporanea a Falluja; Al-Sadr rifiuta il disarmo delle milizie
17/04/2004
Firmata la costituzione provvisoria: "É un momento storico"
08/03/2004
Si riaffaccia l'Onu con un ruolo di mediazione
20/01/2004
Salviamo la rinascita di Baghdad dal pacifismo europeo cieco
16/03/2004
Al-Sistani agli Usa: "La città di Najaf è una linea rossa"
16/04/2004