28 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/05/2004
iraq
Capo del governo di coalizione ucciso da un attacco kamikaze

Baghdad (AsiaNews/Agenzie)  - L'attuale capo del governo di coalizione è rimasto ucciso in un attentato con autobomba nei pressi di un checkpoint USA, insieme ad altri 4 irakeni. L'attentato è probabilmente opera di un kamikaze suicida.

Abdel-Zahraa Othman, conosciuto anche come Izzadine Salim era sciita e leader del movimento della Dawaa Islamica, nella città di Bassora. Era uno scrittore, filosofo e attivista politico e aveva diretto diversi giornali e settimanali.

L'attacco è avvenuto mentre il paese si prepara per il 30 giugno al trasferimento del potere dagli Stati Uniti a un governo irakeno ad interim. Nella generale situazione di violenza, gli obbiettivi sembrano essere coloro che devono il loro potere alla collaborazione con gli USA.

Il Ministro degli esteri irakeno Hoshyar Zebari ha affermato che la morte di Salim non bloccherà il processo politico. Da parte sua il Brig. Gen. Mark Kimmitt ha detto che l'uccisione è un altro segno che i terroristi vogliono far deragliare il processo di democratizzazione in Iraq. Ma egli ha assicurato che la data del 30 giugno per il trasferimento dei poteri rimane un punto fermo.

Salim è il secondo membro del governo di coalizione ad essere assassinato, dal luglio scorso, quando il gruppo di 25 membri è stato nominato dagli Stati Uniti. Aquila al-Hashimi, una delle tre donne del gruppo della coalizione fu ferita mortalmente il 20 settembre scorso da uomini armati mentre lei tornava a casa. Morì 5 giorni dopo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/08/2005 iraq
Costituzione presentata al parlamento, ma i sunniti prevedono la bocciatura
16/11/2004 iraq
Fallujah, il terrore e la violenza
17/04/2004 iraq
Tregua temporanea a Falluja; Al-Sadr rifiuta il disarmo delle milizie
22/12/2004 IRAQ
Strage nella base Usa di Mosul: 22 morti e oltre 60 feriti
21/06/2004 iraq
Corea del Sud decisa ad inviare militari. Riaprono gli oleodotti

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate