4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 17/05/2004
iraq
Capo del governo di coalizione ucciso da un attacco kamikaze

Baghdad (AsiaNews/Agenzie)  - L'attuale capo del governo di coalizione è rimasto ucciso in un attentato con autobomba nei pressi di un checkpoint USA, insieme ad altri 4 irakeni. L'attentato è probabilmente opera di un kamikaze suicida.

Abdel-Zahraa Othman, conosciuto anche come Izzadine Salim era sciita e leader del movimento della Dawaa Islamica, nella città di Bassora. Era uno scrittore, filosofo e attivista politico e aveva diretto diversi giornali e settimanali.

L'attacco è avvenuto mentre il paese si prepara per il 30 giugno al trasferimento del potere dagli Stati Uniti a un governo irakeno ad interim. Nella generale situazione di violenza, gli obbiettivi sembrano essere coloro che devono il loro potere alla collaborazione con gli USA.

Il Ministro degli esteri irakeno Hoshyar Zebari ha affermato che la morte di Salim non bloccherà il processo politico. Da parte sua il Brig. Gen. Mark Kimmitt ha detto che l'uccisione è un altro segno che i terroristi vogliono far deragliare il processo di democratizzazione in Iraq. Ma egli ha assicurato che la data del 30 giugno per il trasferimento dei poteri rimane un punto fermo.

Salim è il secondo membro del governo di coalizione ad essere assassinato, dal luglio scorso, quando il gruppo di 25 membri è stato nominato dagli Stati Uniti. Aquila al-Hashimi, una delle tre donne del gruppo della coalizione fu ferita mortalmente il 20 settembre scorso da uomini armati mentre lei tornava a casa. Morì 5 giorni dopo.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/08/2005 iraq
Costituzione presentata al parlamento, ma i sunniti prevedono la bocciatura
16/11/2004 iraq
Fallujah, il terrore e la violenza
17/04/2004 iraq
Tregua temporanea a Falluja; Al-Sadr rifiuta il disarmo delle milizie
22/12/2004 IRAQ
Strage nella base Usa di Mosul: 22 morti e oltre 60 feriti
21/06/2004 iraq
Corea del Sud decisa ad inviare militari. Riaprono gli oleodotti

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate