17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/08/2017, 12.05

    BANGLADESH – VATICANO

    Card. D’Rozario: la visita del papa a Dhaka, una conferma dell’armonia interreligiosa (Video)



    Papa Francesco si recherà in Bangladesh dal 30 novembre al 2 dicembre. I temi scelti per il viaggio sono armonia e pace. Le parrocchie hanno ricevuto indicazioni per preparare i partecipanti. Superiore Pime: “I cristiani sono la speranza del Paese, le nostre opere sono a vantaggio di tutti”.

    Dhaka (AsiaNews) – La prossima visita di papa Francesco in Bangladesh, che si recherà a Dhaka dal 30 novembre al 2 dicembre 2017, “è una conferma dell’armonia interreligiosa che da secoli contraddistingue i rapporti tra la nostra popolazione”. Lo dice ad AsiaNews il card. Patrick D’Rozario, arcivescovo di Dhaka, commentando a caldo la notizia del viaggio pastorale del pontefice, confermato questa mattina dalla Sala stampa vaticana. Raggiunto al telefono a margine della conferenza organizzata dall’arcidiocesi, cui hanno partecipato circa 80 giornalisti, egli afferma con gioia: “La popolazione è già pronta. Attendevamo da tempo la notizia. Papa Francesco sarà accolto da tutti, non solo dai cristiani, ma anche dai musulmani e dagli indù. Questo perché il Bangladesh possiede un’enorme ricchezza culturale e la nostra presenza [in quanto cattolici] è accettata da tutti”.

    L’armonia e la pace sono proprio i temi scelti per il viaggio del papa (v. foto con il logo ufficiale della visita). Già in passato il cardinale ha sottolineato ad AsiaNews l’importanza delle tradizioni del Bangladesh, contraddistinto dalla “profonda umiltà della popolazione” e dove “per cultura le varie comunità religiose hanno sempre convissuto in armonia”. Per questo ora i cattolici, afferma il card. D’Rozario “gioiscono alla notizia della visita di papa Francesco e stanno già programmando tutto”. “La visita – aggiunge – servirà proprio a celebrare tale armonia, che è la ricchezza della nostra eredità culturale in un Paese in cui tutti hanno sempre rispettato le differenti confessioni religiose”.

    In Bangladesh, Paese a maggioranza islamica, i cattolici sono quasi 380mila (su una popolazione totale di oltre 160 milioni di abitanti). Nel territorio ci sono un’arcidiocesi, una diocesi metropolitana e sei diocesi. Nel Paese operano 34 congregazioni religiose, di cui fanno parte 380 sacerdoti, 115 religiosi e 1100 suore.

    Secondo p. Michele Brambilla, superiore regionale del Pime (Pontificio istituto missioni estere) in Bangladesh, “la visita ha ancora più significato perché il papa parla tanto di periferie, e il Bangladesh è una di queste. Negli ultimi anni sono avvenuti diversi episodi spiacevoli, non solo ai danni della comunità cristiana, ma anche contro gli indù e i musulmani”. Il sacerdote conferma che l’arcidiocesi di Dhaka “sta già mettendo a punto il programma della visita” e aggiunge che “tutte le parrocchie hanno ricevuto delle indicazioni che contengono anche il numero massimo di fedeli che potranno partire per la capitale”.

    “L’evento – continua p. Brambilla – sarà visto come l’occasione per accogliere un uomo che porta pace. La visita è la conferma della luce di Cristo che la gente ha ricevuto e che, nel suo piccolo, testimonia ogni giorno”. “Siamo una minoranza – ammette in conclusione – ma non siamo isolati. Viviamo in mezzo alla gente e le opere sociali che svolgiamo sono a vantaggio di tutti. Siamo noi ad essere la speranza per la popolazione”.

    (Ha collaborato Sumon Corraya)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/08/2017 13:14:00 MYANMAR - VATICANO
    La visita del papa in Myanmar. ‘Speranza di pace’

    Gioia, aspettative e timori della piccola e giovane comunità del Paese. I vescovi: “Come il Buon Pastore, il Santo Padre vuole incontrare il suo gregge, privilegiando le Chiese insignificanti”. Nel Paese vi sono 16 diocesi, 23 vescovi ed un unico cardinale eletto nel 2015. I cristiani sono 700mila, solo l’1,37% della popolazione. Mons. Pyone Cho, vescovo di Pyayn: “La sua visita influirà sulla promozione della concordia”. Suor Dennis Ja Tawng: “Il Myanmar soffre per i conflitti etnici, ma il papa redimerà questa terra”.



    05/10/2017 15:43:00 BANGLADESH – VATICANO
    Card. D’Rozario: papa Francesco sarà ‘pellegrino per l’anima del popolo’ del Bangladesh

    Il pontefice è atteso dal 30 novembre al 2 dicembre 2017. È la prima visita dopo quella di Giovanni Paolo II nel 1986. Una visita di Stato e per la cura pastorale dei cristiani e musulmani. Stimolo al dialogo tra le comunità religiose. L’intervista all’arcivescovo di Dhaka.



    29/08/2017 16:48:00 MYANMAR - VATICANO
    Rakhine, i cattolici temono tensioni per le parole del Papa sui Rohingya

    Polemiche nel Paese per l’appello in favore dei Rohingya durante l’Angelus. La maggioranza dei birmani è contraria al riconoscimento dei loro diritti. I cattolici hanno accolto le parole del papa con stupore e temono per la sua sicurezza. La crisi umanitaria nello Stato di Rakhine è un argomento molto sensibile per la società. La Chiesa invita all’imparzialità e sottolinea il contributo della visita del pontefice al processo di pacificazione nazionale.



    10/10/2017 15:37:00 VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Il viaggio di papa Francesco a Yangon e Dhaka, incontro alle Chiese più piccole dell’Asia

    La Sala stampa della Santa Sede pubblica il programma dettagliato del viaggio. I vari incontri con le personalità politiche, come Aung San Suu Kyi, e quelli con le comunità cattoliche e i rappresentanti delle religioni. Laicità e convivenza fra le religioni. Le Chiese di Bangladesh e Myanmar “periferie” e “insignificanti”, povere ed evangelizzatrici, secondo il sogno di papa Francesco. I suggerimenti a India e Cina.



    26/09/2017 08:58:00 BANGLADESH
    Bandarban, il card. Patrick D’Rozario visita i campi profughi dei Rohingya (Foto)

    L’arcivescono di Dhaka si è recato a Tumbro e Ghumdhum. Ha ascoltato le storie di violenze e miseria. Il porporato lancia un appello ai leader mondiali. La Chiesa cattolica ha raccolto un milione di taka (10.200 euro) per l’emergenza.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®