24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2016, 15.15

    FILIPPINE

    Card. Tagle: Omicidi extragiudiziari e aborto, due facce della stessa piaga



    L’arcivescovo di Manila condanna la “strage impunita” in atto nel Paese ma allarga il campo: “La vita va difesa in ogni sua forma. Dobbiamo preoccuparci per quello che avviene per le strade, ma anche delle interruzioni di gravidanza! Sono anche queste delle forme di omicidio”.

    Manila (AsiaNews) – Gli omicidi extragiudiziari preoccupano, “ma spero che possiamo preoccuparci allo stesso modo anche dell’aborto. Perché sempre meno persone parlano contro l’interruzione di gravidanza? Anche questa è una forma di omicidio!”. Lo ha dichiarato l’arcivescovo di Manila, card. Luis Antonio Tagle, a Radio Veritas. Il presule è intervenuto così nell’annosa questione che sta dividendo il Paese: la lotta alla droga “con ogni mezzo” lanciata dal presidente Rodrigo Duterte.

    La “tolleranza zero” nei confronti degli spacciatori e dei drogati, promessa in campagna elettorale, si è trasformata in una mattanza di presunti criminali. Le vittime accertate sono oramai più di 2mila – e alcuni gruppi della società civile parlano del doppio – mentre non si registrano inchieste contro poliziotti o vigilantes che hanno aperto il fuoco contro queste persone spesso disarmate. Il capo della polizia nazionale ha persino invitato i tossicodipendenti a “dare fuoco” alle case dei “signori della droga” e ha promesso loro impunità: “Voi siete le vittime, non sarete puniti”.

    Contro questa deriva è intervenuto in più occasioni il presidente della Conferenza episcopale filippina, l’arcivescovo di Lingayen-Dagupan mons. Socrates Villegas, che ha presentato un appello “all’umanità delle forze dell’ordine” e ha pubblicato una preghiera “per sanare le ferite della società”. Oltre a lui si sono espressi molti altri leader cattolici, cui si aggiunge il card. Tagle. Secondo l’arcivescovo della capitale, la questione è inclusiva: “Dobbiamo promuovere sempre il rispetto della vita umana, che è sacra. Va protetta in ogni condizione e ad ogni stadio della sua evoluzione”.

    Con la stessa durezza, il presule condanna il mercato della droga: “Vendere queste sostanze illegali e spingere i giovani verso il vizio è un’altra forma di omicidio: si uccidono i loro sogni, le loro menti e le loro relazioni sociali e familiari”. Davanti a un colpevole, ha concluso, “ci si deve sforzare perché abbia una nuova vita e la possibilità di rialzarsi in piedi”.

    La posizione dell'arcivescovo di Manila chiarisce quella della Chiesa cattolica filippina, che alcuni commentatori nazionali avevano definita "spaccata" sulla posizione da assumere nei confronti di Duterte. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/08/2016 11:38:00 FILIPPINE
    Vescovi filippini: Basta con gli omicidi impuniti, servono giustizia e unità

    La campagna contro la droga lanciata dal presidente Duterte è sfociata in una sanguinosa guerra senza alcun rispetto per il diritto e la democrazia. Oltre 2mila presunti spacciatori sono stati uccisi da poliziotti e vigilantes, rimasti del tutto impuniti. Il presidente della Conferenza episcopale: “Non possiamo mollare, una preghiera per curare i mali della nazione. Dio ci ascolterà”. I religiosi: “Il silenzio degli uomini buoni permette al male di prosperare”.



    01/09/2016 10:19:00 FILIPPINE
    Ausiliare di Manila: Ombre di Marcos sul Paese, ma la Chiesa vigila

    La “guerra alla droga” lanciata dal presidente Duterte nelle Filippine “ha scatenato un ampio dibattito. Non sappiamo neanche se le vittime fossero tutte davvero coinvolte in traffici illeciti, ma comunque non si può permettere una giustizia così sommaria”. Il vescovo ausiliare della capitale, mons. Broderick S. Pabillo, lancia attraverso AsiaNews un appello all’unità nazionale: “Abbiamo bisogno di essere compatti contro la deriva che sta prendendo il governo”.



    19/09/2016 12:00:00 FILIPPINE
    Duterte usa la retorica del “buon padre” e i militari per creare una dittatura

    Il presidente filippino ha chiesto un’estensione di altri sei mesi alla sua “guerra contro la droga” che, finora, ha provocato più di 3mila vittime: “Anche se vorrei, non posso uccidere tutti i narcotrafficanti”. Analista ad AsiaNews: “Sta ripercorrendo i passi di Marcos, presentandosi come padre della nazione e cercando l’appoggio dell’esercito”. Il card. Tagle apre l’arcidiocesi ai drogati: “Non buttiamo a mare la vita, siamo qui per voi”.



    16/09/2016 08:51:00 FILIPPINE
    Vescovi filippini: Gli attacchi alla vita “gridano al cielo per la giustizia divina”

    In un messaggio pubblicato ieri, la Conferenza episcopale condanna l’escalation di violenze che si registra nelle Filippine. Aborto, atti di terrorismo e gli omicidi extra giudiziali di trafficanti di droga sono “peccati che feriscono la dignità della persona umana”. Nelle ultime 10 settimane 3500 persone uccise nel Paese. I tossicodipendenti “sono fratelli che meritano una seconda possibilità, non la morte”.

     



    04/08/2016 12:13:00 FILIPPINE – ONU
    Filippine, l’Onu condanna gli omicidi extragiudiziari

    Dall’elezione di Rodrigo Duterte, 704 sospetti spacciatori sono stati uccisi senza essere portatI a giudizio. Yury Fedotov, direttore esecutivo dell’Ufficio delle Nazioni Unite sulla droga e i crimini (Unodc) punta il dito contro la pratica. Durante la campagna elettorale Duterte ha promesso la morte ad almeno 100mila spacciatori.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®