28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 15/04/2005
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Card. Vithayathil: famiglia, libertà religiosa e poveri

Presiede la Chiesa siro-malabarica, comunità di antico rito orientale nel sudovest dell'India.



Città del Vaticano (AsiaNews) - Il cardinale Varkey Vithayathil è arcivescovo della diocesi di Ernakulam-Angamaly, con sede a Kochi, la capitale del Kerala, stato sud-occidentale dell'India. Qui i cristiani sono il 19% su 31 milioni di abitanti: si tratta di uno degli stati indiani con la più alta presenza cristiana.

Il cardinale è il secondo di 8 figli ed ha una sorella religiosa; si è laureato in diritto canonico al Pontificio istituto Angelicum di Roma.

Dal 1997 presiede  la chiesa siro-malabarica, la più ampia delle 2 chiese di rito orientale in India (l'altra è la chiesa siro-malankarica) che fanno risalire la loro origine alla predicazione dell'apostolo Tommaso. La chiesa siro-malabarica conta 3.5 milioni di fedeli distribuiti in 25 circoscrizioni ecclesiastiche.

Di recente il card. Vithayahil ha fatto sentire la sua voce in difesa della famiglia minacciata "dai media che promuovono una cultura della morte". Una sua recente lettera pastorale invitava i fedeli ad una più profonda comprensione del matrimonio cristiano perché "sembra che la gente abbia dimenticato che il matrimonio dura tutta la vita". Poco prima di lasciare il suo paese per recarsi a Roma il cardinale indiano ha ribadito a chiare lettere l'impegno pro-life dei cattolici: "La Chiesa è contro l'aborto e la distruzione della vita umana".

L'arcivescovo siro-malabarico si è anche distinto per alcune forti prese di posizione in merito alla libertà religiosa in India e alla discriminazione subita dai cristiani. Nel 2003 si era espresso contro una ricerca statale sui loghi di culto definendola "ambigua" e pericolosa per la vita delle minoranze religiose. Varie organizzazioni per i diritti umani hanno denunciato che un sondaggio simile era stato usato dai fondamentalisti indù nelle stragi del Gujarat nel 2002.

Il card. Vithayathil ha marcato con forza anche l'impegno dei cristiani nel campo dell'assistenza ai poveri e dei tribali. Nel gennaio 2004 aveva fatto leggere una lettera in tutte le parrocchie della sua diocesi per invitare i fedeli a dimostrare "amore, rispetto e accoglienza" verso i malati di Aids. In tutta l'India sono 39 le istituzioni sanitarie cattoliche interamente dedicate alla cura dei sieropositivi. Più volte il cardinale ha espresso l'impegno "nonviolento" della Chiesa a fianco dei contadini, spesso sfruttati o ridotti sul lastrico a causa della spietata concorrenza introdotta dal mercato globale. Il ruolo della Chiesa – ha detto il card. Vithayathil in occasione della sua elezione cardinalizia – è quello di invitare le persone a "cambiare il cuore" e non a "distruggere il ricco". (LF)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/04/2005 vaticano - conclave
Conclave: da dove vengono i 115 cardinali elettori
18/04/2005 vaticano - conclave
Conclave: Messa per l'elezione del nuovo pontefice in san Pietro
18/04/2005 india - conclave
In tutta l'India preghiere per il Conclave
di Nirmala Carvalho
19/04/2005 COREA DEL SUD - CONCLAVE
Arginare la cultura della morte, il primo compito del nuovo pontefice
di Theresa Kim Hwa-young
18/04/2005 VATICANO-CONCLAVE
Vaticano: chiusa la Sistina, i cardinali in conclave
Articoli del dossier
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Dias, diplomatico globale e pastore di Mumbai
VATICANO - CONCLAVE - FILIPPINE
Card. Vidal: i migranti, la famiglia, la pace
VATICANO - CONCLAVE - GIAPPONE
Hamao: a fianco dei migranti, nuova frontiera della missione in Asia
VATICANO – CONCLAVE – SIRIA
Moussa I Daoud, emblema della tradizione cattolica d'Oriente
VATICANO-CONCLAVE-GIAPPONE
Card. Shirayanagi: lo sforzo per la pace e per il dialogo con la Cina
VATICANO – CONCLAVE – INDONESIA
Darmaatmadja, voce moderata nel dialogo con l'Islam
Vaticano – Conclave - Vietnam
Card. Phan Minh Man: dialogare col comunismo vietnamita
VATICANO – CONCLAVE – INDIA
Toppo, un tribale nel collegio cardinalizio
VATICANO – CONCLAVE – THAILANDIA
Michai Kitbunchu, primo cardinale dalla Thailandia

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate