26 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 08/01/2016, 00.00

    LIBANO - SIRIA

    Caritas Libano: Nonostante la crisi dei profughi, fra le famiglie vince la solidarietà



    Per p. Paul Karam l’emergenza “resta alta” a fronte di “capacità limitate”. E lo Stato “non è più in grado di sostenere la situazione”. Nella crisi vi sono però segnali di speranza, testimonianze di aiuto reciproco, momenti di incontro fra giovani cristiani e musulmani. Dalle famiglie gesti di solidarietà; nelle parrocchie momenti di festa e svago per bambini.

    Beirut (AsiaNews) - In Libano l’emergenza profughi “resta alta” a fronte di “capacità limitate”, lo Stato “non è più in grado di sostenere questa situazione” e vi è il pericolo concreto di “un crollo del sistema Paese”, anche a fronte di una perdurante “crisi economica e istituzionale”. A lanciare l’allarme ad AsiaNews è Paul Karam, direttore di Caritas Libano, da quattro anni in prima fila nell’accoglienza del flusso continuo di famiglie siriane (e non) che fuggono dalla guerra. L’economia in calo, l’emergenza rifiuti, la mancata elezione del presidente della Repubblica, un esecutivo debole acuiscono i rischi di una nazione “sull’orlo del collasso”. Nonostante l’emergenza, aggiunge il sacerdote, vi sono “testimonianze di aiuto e solidarietà, momenti di incontro e confronto fra giovani cristiani e musulmani” che mantengono viva la speranza per il futuro. 

    In oltre quattro anni, il Paese dei cedri ha ospitato quasi 1,6 milioni di rifugiati siriani e deve affrontare gli squilibri demografici, economici, politici, di sicurezza che questo comporta. L’Onu, che enumera solo quelli registrati, afferma che ve ne sono 1,2 milioni. A questi vanno aggiunte almeno 700 famiglie di cristiani irakeni da Baghdad, Mosul e da Erbil e decine di migliaia di palestinesi dalla Siria. Il tutto a fronte di una popolazione libanese di circa 4,4 milioni di abitanti e un Paese sempre più in difficoltà nella gestione dell’emergenza. 

    Negli ultimi tempi la realtà non è cambiata e fra i profughi “cresce il desiderio di fuggire, di andare in Europa, e la meta privilegiata resta la Germania”. Il rischio di svuotare il Medio oriente della presenza cristiana, aggiunge, “resta alto” e l’appello della Chiesa “è sempre quello di incoraggiare la comunità internazionale al dialogo, alla pace, alla giustizia e al rispetto reciproco”. 

    “Intanto - racconta p. Karam - i bisogni restano alti, a fronte di procedure e capacità molto limitate. Per questo, se ci sono zone sicure nei Paesi di guerra bisogna incoraggiare la gente a rientrare”. Il sacerdote sottolinea il fallimento una volta di più della Primavera araba, che ha causato distruzione, guerre, alimentato il mercato delle armi e aggravato le crisi economiche e sociali nei vari Paesi della regione. 

    Caritas Libano prosegue il suo lavoro di assistenza, garantendo non solo cibo e aiuti ma anche sostegno psicologica e favorendo il confronto fra cristiani e musulmani, in particolare fra i giovani. “Dall’estate - spiega p. Paul Karam - incoraggiamo il dialogo organizzando incontri fra giovani profughi cristiani e musulmani di Siria, Iraq e lo stesso Libano. L’obiettivo è mostrare loro come costruire Paesi all’insegna della convivenza, e uomini, persone capaci di dialogare fra loro. Quello che noi chiamiamo il cantiere della pace e le risposte sono positive… i giovani vogliono contribuire a questo processo, eliminando la paura dell’altro”. 

    In questo contesto di crisi, il popolo libanese “nutre ancora grande speranza e mostra il suo volto solidale”, anche se “le famiglie si stanno impoverendo sempre più e l’emergenza profughi rischia di mettere in ginocchio il Paese”. “Serve un miracolo - prosegue il sacerdote - e in questo anno della Misericordia vogliamo rilanciare il nostro impegno per incoraggiare la gente ad andare avanti, a vivere la speranza come popolo e come fedeli cristiani”.
    Per l’occasione molte parrocchie e diocesi del Libano hanno promosso iniziative concrete “per riaffermare questo messaggio di speranza”. “A Natale - racconta il direttore della Caritas nazionale - le famiglie hanno aderito a una raccolta fondi per acquistare cibo, pacchi di generi di prima necessità e doni da distribuire ai poveri. Nonostante sia un momento difficile per tutti, la solidarietà delle persone non è diminuita. Molte parrocchie hanno poi organizzato feste e momenti di svago per i bambini, animate da giovani e volontari della Caritas”. “Credo nella pace - conclude p. Paul - basata su giustizia e rispetto; e la comunità internazionale ha il dovere di risolvere la crisi, allentando la tensione mediante i canali della diplomazia, non a discapito della povera gente”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/12/2015 SIRIA
    Damasco, il Natale della Misericordia a pochi passi dai terroristi e dalle bombe
    Riad Sargi, ingegnere greco-cattolico melchita di Damasco, a settembre ha partecipato all’incontro mondiale delle famiglie. Egli racconta il Natale e l’Anno della misericordia in una nazione martoriata dal conflitto. Riconciliazione e misericordia non siano solo “una parola”, ma “uno stile di vita concreto”. Il grazie a papa Francesco per la preghiera e la vicinanza alla Siria.

    12/11/2012 LIBANO
    Beirut: Jean Fahed, cristiano, nuovo presidente del Consiglio superiore della magistratura
    La nomina accolta con soddisfazione dalle diverse anime libanesi. Uomo impegnato, fedele devoto, padre di famiglia attento, è un misto di “qualità professionali e umane”. Nel 1994 è sopravvissuto per miracolo all’attentato alla chiesa di Nostra Signora della Liberazione. Personalità di primo piano, anche da giudice ha sempre lavorato per la riconciliazione.

    04/02/2016 15:28:00 LIBANO
    Nella memoria della guerra la via per la “riconciliazione” fra le forze cristiane libanesi

    L’incontro fra Aoun e Geagea non cancella gli errori del passato e il ricordo di un conflitto sanguinoso. La storia del Libano parla di un Paese in stato quasi permanente di instabilità. Dalla falsa pace civile alla vera “purificazione della memoria”, in un’ottica di pace, giustizia e verità. 



    05/07/2016 09:33:00 LIBANO
    Fondazione maronita: un lavoro di memoria, per salvare la presenza cristiana in Libano

    Il Paese si fonda sulla demografia e sull’equilibrio fra cristiani e musulmani nella vita politica e istituzionale. Una uguaglianza che va oltre il dato numerico degli abitanti e la religione professata. Dalla fondazione un’opera che intende preservare il mito fondatore del Libano. Una realtà che non sostituisce le ambasciate, ma che ha un ruolo di ricerca e recupero.

     



    03/01/2013 LIBANO
    Il viaggio di pace di Benedetto XVI ha "illuminato" il 2012 libanese
    L’anno appena concluso contraddistinto da luci e ombre. Il momento più buio l’attentato a Wissam el-Hassan, legato alla guerra in Siria. Il messaggio di speranza consegnato dal Papa, istante di “felicità e grazia”. La “gloria” del Libano, legata “alla Croce” delle sue sofferenze. Lo sforzo comune – e necessario – di cristiani e musulmani.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®