24 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/07/2012
SIRIA - LIBANO
Caritas Libano: cresce il flusso disperato dei profughi siriani
Oltre 47mila persone vivono in campi di fortuna e tende, dove vi è un alto rischio di epidemie. Le loro condizioni sono terribili. A tutt'oggi il governo libanese non concede l'autorizzazione per un campo rifugiati.

Beirut (AsiaNews) - "Nei campi profughi al confine con la Siria la situazione è terribile e peggiora di giorno in giorno. Migliaia di rifugiati varcano la frontiera tentando di fuggire dall'inferno siriano. La maggior parte sono donne e bambini. La sofferenza di queste persone è enorme, ovunque si sentono lamenti di disperazione, odio, vendetta; in molti si sentono abbandonati da Dio". È quanto racconta ad AsiaNews p. Simon Faddoul, presidente di Caritas Libano. Il sacerdote parla di oltre 47mila profughi che hanno trovato rifugio nella valle della Bekaa e nei campi di fortuna sul confine settentrionale fra Siria e Libano. Essi giungono soprattutto dalle provincie a maggioranza sunnita di Homs e Hama, le più colpite dalla guerra fra regime e ribelli. Da alcune settimane stanno arrivando anche molti musulmani alawiti e piccoli gruppi di cristiani provenienti da Damasco e Aleppo. Oggi, oltre 8mila persone hanno varcato il confine.

Secondo p. Faddoul la maggior parte dei rifugiati sono musulmani sunniti. Solo il 5% è cristiano.

"I nostri volontari sono sempre in allerta - racconta - perché queste persone hanno bisogno di tutto: vestiti, acqua, cibo, medicine, coperte. Per ragioni politiche il governo non autorizza la costruzione di campi profughi e ciò costringe la gente a trovare riparo in vecchie case abbandonate, baracche, tende di fortuna". Per soccorrere i rifugiati siriani, la Caritas e altre organizzazioni non governative hanno attivato vari centri di raccolta lungo la valle della Bekaa e una clinica mobile dedicata alla cura dei feriti.

Il sacerdote spiega che centinaia di volontari stranieri sono giunti in Libano per sostenere la Caritas locale, ma senza campi profughi è impossibile organizzare gli aiuti. "Chi supera il confine si dirige verso i nostri centri e pianta lì le proprie tende. In questi giorni abbiamo chiesto al governo la possibilità di aumentare almeno i nostri spazi per la di distribuzione di aiuti, per prevenire sovraffollamento e lo scoppio di epidemie".

P. Faddoul invita i Paesi occidentali a non dimenticare il popolo siriano e a premere per un immediato cessate-il-fuoco. "La situazione è ormai irreversibile. In molti temono un'escalation da cui sarà quasi impossibile uscire. Noi dobbiamo cercare di essere pronti ad ogni evenienza perché non sappiamo cosa accadrà in futuro". (S.C.)

 

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/11/2013 SIRIA - LIBANO
Libano, oltre 800mila profughi siriani vivono in baracche o all'aperto
09/11/2012 VATICANO - SIRIA
Il card. Sarah "un padre" per i profughi siriani musulmani e cristiani
10/09/2012 LIBANO - VATICANO
Presidente Caritas Libano: La visita del Papa segno di speranza per 100mila profughi siriani
30/07/2012 SIRIA
Arcivescovo armeno di Aleppo: le parole del Papa, segno di speranza per tutti i siriani
25/07/2012 SIRIA
L'esercito siriano riprende il controllo della capitale. L'offensiva si sposta ad Aleppo

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate