10 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/03/2008, 00.00

    TIBET – CINA

    Carri armati a Lhasa, Pechino lancia un ultimatum ai tibetani



    Il governo cinese ha confermato la morte di 10 persone durante gli scontri degli ultimi giorni in Tibet, ma accusa i manifestanti della loro morte. Il governo in esilio parla di almeno 100 vittime; i tibetani in India riprendono la marcia per tornare a casa.
    Lhasa (AsiaNews) – Il governo cinese ha confermato nella notte la morte di almeno 10 persone nel corso degli scontri che si stanno verificando in questi giorni in Tibet ed ha lanciato un ultimatum ai manifestanti: entro lunedì, la protesta deve finire “se non si vogliono conseguenze ancora più gravi”.  Il governo tibetano in esilio cita invece “fonti non ancora confermate” e parla di almeno 100 vittime.
     
    Secondo la Xinhua - l’agenzia di stampa ufficiale cinese - la responsabilità delle morti è da attribuirsi “ai manifestanti, che con il loro comportamento violento ed anti-sociale hanno creato danni enormi al Tibet. Le vittime sono tutte civili innocenti, bruciati a morte nel corso dei roghi appiccati dai manifestanti”.
     
    Secondo alcuni testimoni, le strade di Lhasa sono oggi presidiate da carri armati e blindati. Alcuni battaglioni dell’esercito cinese di liberazione popolare, in tenuta anti-sommossa, hanno circondato le mura dei maggiori monasteri della capitale. Secondo Radio Free Asia, diversi monaci sarebbero stati arrestati.
     
    Le proteste sono nate lo scorso 10 marzo, quando centinaia di persone - divenute con il tempo migliaia – hanno manifestato a Lhasa e in altre località del Tibet per commemorare le vittime della sanguinosa repressione del 1959, attuata dal governo comunista contro la popolazione tibetana che chiedeva il ritorno dell’indipendenza. Durante quelle rivolte, il Dalai Lama - leader spirituale del buddismo tibetano – era stato costretto all’esilio.
     
    Il governo tibetano, che da allora risiede in India, ha ricordato ieri la natura pacifica delle manifestazioni: “Guidati dai nostri monaci, i fedeli tibetani volevano soltanto ricordare le migliaia di vittime morte durante una sanguinosa repressione. L’atteggiamento persecutorio del governo cinese ha scatenato le violenze, che in ogni caso il Dalai Lama condanna con forza”.
     
    Nel frattempo, una seconda ondata di tibetani in esilio ha deciso di opporsi agli ordini del governo indiano ed ha ripreso la marcia verso il Tibet. Mentre 102 tibetani sono ancora in carcere, un secondo gruppo di 44 persone è partito stamattina dalla località di Dehra.
     
    Chime Youngdrung, presidente del partito nazionale democratico del Tibet, dice: “Le proteste coraggiose dei nostri fratelli in patria ci hanno reso ancor più determinati nel voler continuare questa marcia e portarla a termine. Poichè siamo testimoni di una escalation di violenze da parte del governo cinese a Lhasa, crediamo che sia importante per noi ritornare a casa per riunirci con i nostri fratelli e sorelle che stanno combattendo per sopravvivere sotto l'occupazione cinese”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2008 TIBET - CINA
    Dalai Lama “preoccupato” per la violenza in Tibet, frutto della repressione cinese
    Il leader spirituale del buddismo tibetano e capo del governo in esilio invita i manifestanti a non ricorrere alla violenza e chiede a Pechino di rispondere “con il dialogo” alle richieste di chi protesta. Secondo fonti non confermate, negli scontri sarebbero morte 10 persone.

    17/03/2008 TIBET
    A Lhasa i soldati fanno sfilare gli arrestati
    Il lama Geshe Gedun Tharchin, fondatore e direttore spirituale dell'Istituto Lamrim di cultura tibetana, ricorda ad AsiaNews il dolore di vivere sotto un dominio straniero che vuole calpestare l’identità locale. Nella capitale tibetana proseguono i controlli porta a porta.

    15/03/2008 TIBET
    Il sangue del Tibet sulla Pechino dei Giochi
    A pochi mesi dalle Olimpiadi di Pechino, il governo cinese in allerta sopprime con carri armati e soldati le richieste disperate dei giovani tibetani. La Cina raccoglie quello che ha seminato: in quasi 50 anni, non ha mai dato alcuna speranza alla popolazione del Tibet, ampliando invece il controllo e il genocidio.

    18/03/2008 TIBET – CINA
    Attivista tibetano: se è colpa nostra, Pechino inviti osservatori internazionali
    Rispondendo al premier cinese Wen Jiabao – che ha accusato “la cricca del Dalai Lama” per gli scontri avvenuti nei giorni scorsi in Tibet – il direttore del Centro di ricerca parlamentare tibetano ricorda la campagna decennale di odio nei confronti del Tibet lanciata da Pechino ed accusa: la situazione peggiora di giorno in giorno, i poliziotti sparano a vista.

    02/12/2005 tibet - cina
    Tibet, arrestati 5 monaci che non volevano denunciare il Dalai Lama

    Dopo l'arresto, oltre 400 religiosi dimostrano in modo pacifico in segno di solidarietà.  





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®