25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/02/2017, 11.18

    VIETNAM

    Cattolici aggrediti dalla polizia: protestavano contro il più grande disastro ambientale della storia del Paese

    Joseph Nguyen

    La protesta dei fedeli della parrocchia di Song Ngoc per sensibilizzare l’opinione pubblica. Ferito il parroco. I manifestanti hanno sfidato percosse e lesioni ad opera delle forze di polizia. Dieci mesi fa da uno stabilimento della Formosa sono stati riversati in mare 12mila metri cubi di liquido tossico. Le regioni centrali del Paese sono in ginocchio, il risarcimento di 500 milioni di dollari non è mai stato distribuito alla popolazione.

    Hanoi (AsiaNews) - Il 14 febbraio migliaia di residenti della parrocchia di Song Ngoc, nella provincia di Nghe An, guidati dal loro parroco P. JB Nguyen Dinh Thuc, hanno deciso di marciare per 200 km alla volta del tribunale del popolo a Ky Anh e presentare un esposto. Frustrati per non aver ottenuto alcun risarcimento e senza il sostegno promesso dal governo di Nghe An in seguito alla peggiore fuoriuscita di sostanze chimiche da un’acciaieria straniera nella storia del Vietnam, si sono messi in cammino nel tentativo di attirare l’attenzione pubblica su quanto le vita delle persone sono state gravemente colpite dal disastro. La loro marcia per la giustizia, però, è stata accolta con la violenza e l'ostilità dei funzionari di polizia e del governo.

    Sono passati 10 mesi da quando i residenti di quattro province costiere vietnamite (Ha Tinh, Quang Binh, Quang Tri, Thua Thien-Hue) nella regione centrale hanno sofferto del disastro più devastante che abbia mai scosso l'intero Paese al suo nucleo. Quando la notizia è trapelata, non dai media governativi ma soprattutto dai social media, la Formosa, una società di proprietà taiwanese, aveva cominciato a riversare rifiuti tossici nell’oceano da Vung Ang, nella provincia di Ha Tinh. Questo ha provocato la morte di una grande quantità di creature marine e anche di pescatori le cui vite sono state spese per lo più nelle acque interessate. La parrocchia di Song Ngoc è tra quelle aree che hanno sofferto di più in termini di danni economici e psicologici. I reclami sono stati depositati subito dopo l’incidente da migliaia di famiglie colpite. Purtroppo, il governo ha continuato a negare le proprie responsabilità incolpando del disastro l’inquinamento causato dall’uomo e lo sviluppo dell’alga rossa, mentre il presidente di Hanoi Formosa, Mr Zhou Xuan, aveva ammesso in maniera indiretta durante una conferenza stampa la cattiva condotta della compagnia: "È necessario scegliere tra la pesca di pesce, gamberetti, o una fabbrica ".

    In un accordo siglato tra la Formosa e funzionari governativi senza udienza pubblica, il governo del Vietnam ha accettato un risarcimento di 500 milioni di dollari americani dalla società per conto delle vittime. Quei soldi, anche se destinati a milioni di persone e famiglie ormai disoccupate, non sono mai stati distribuiti.

    La marcia era stata programmata per diversi giorni. Ma dopo soli 20 km dei 200 ipotizzati per il viaggio, [i partecipanti] si sono trovati di fronte a un massiccio spiegamento di forze di polizia, in borghese e in uniforme, che hanno aggredito i pacifici parrocchiani con mezzi estremamente violenti. Numerose persone, giornalisti freelance, rivenditori ambulanti di cibo e anche p. JB Nguyen Dinh Thuc hanno subito lesioni alle mani da coloro il cui compito dovrebbe essere "servire e proteggere".

    Come da istruzioni del loro buon pastore, i manifestanti di Song Ngoc sono rimasti calmi e composti in atteggiamento di sfida. Si sono seduti e hanno pregato o cantato inni per mantenere alto il morale. Per fortuna, persone provenienti dalle parrocchie vicine li hanno sostenuti portando cibo, acqua e hanno offerto loro accoglienza al centro parrocchiale in modo che potessero trovare un rifugio mentre erano ricercati dalle autorità locali.

    Sfidando lesioni e minacce rivolte in maniera diretta a lui, P. JB Thuc ha promesso di condurre la gente alla sua destinazione, a prescindere da quanto tempo ci sarebbe voluto: "Dobbiamo presentare una querela contro Formosa per far vedere al mondo quanto ci preoccupiamo del disastro ambientale, affincè non abbiamo di che vergognarci di fronte ai nostri figli. Oggi iniziamo a camminare. Anche se ci vogliono più di uno, due o tre giorni, fosse anche una settimana, arriveremo".

    Negli ultimi sviluppi della faccenda, dopo aver fallito nel disperdere la folla, le autorità locali si sono recate dal vescovo Nguyen Thai Hop, della diocesi di Vinh, e gli hanno chiesto di convincere i manifestanti di Ngoc di tornare a casa. Dopo essersi consultato con il vescovo, p. Thuc e il resto dei dimostranti hanno accettato di tornare a casa e inviare l’esposto alla corte.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/07/2016 08:56:00 VIETNAM
    Hanoi ammette: il disastro ecologico colpa del Formosa Plastic Group, che pagherà i danni

    Dopo tre mesi di indagini il governo ha confermato la responsabilità del gruppo dell’acciaio per la morte di tonnellate di pesce e l’inquinamento del mare. L’azienda pagherà 500 milioni di dollari di multa. Attivisti e dissidenti: “La somma non è nulla se paragonata ai danni. Milioni di persone colpite hanno bisogno di assistenza nel lungo periodo. Anche Hanoi è colpevole”.

     



    05/10/2016 10:59:00 VIETNAM
    Hà Tĩnh: 18mila persone protestano di fronte alla sede del Formosa Plastic Group

    La manifestazione è iniziata grazie a 1000 parrocchiani di Đông Yên, cui si sono aggiunti migliaia di cattolici e non. La polizia è intervenuta ma poi si è ritirata per il grande numero dei dimostranti. Chiesta la chiusura dell’azienda e il pagamento dei danni ambientali: “Non ci fermeremo, ne va del futuro dei nostri figli”.

     



    06/02/2017 15:47:00 VIETNAM
    Attivista vietnamita accusato di “abuso di libertà democratiche”

    Nguyen Van Hoa sarà detenuto per tutto il periodo delle indagini. Faceva parte del gruppo di attivisti che hanno denunciato i danni dell’inquinamento causato dal Formosa Plastic Group alle comunità locali. Il disastro ha danneggiato la vita di più di 200mila persone, inclusi 41mila pescatori.



    17/08/2016 08:46:00 VIETNAM
    Ky Anh, manifestano contro il disastro ambientale: 4mila cattolici picchiati dalla polizia

    I dimostranti vogliono giustizia dopo che l’inquinamento causato dal Formosa Plastic Group ha costretto alla fame centinaia di famiglie di pescatori. La manifestazione era diretta agli uffici comunali ma è stata bloccata dalle barricate degli agenti. Diverse persone sono rimaste ferite per i colpi di manganello.

     



    22/06/2016 12:49:00 VIETNAM
    Caritas Vietnam, riso e doni per la popolazione colpita dal disastro marino

    Il 6 giugno scorso una delegazione guidata da mons. Joseph Nguyễn Văn Yến ha distribuito riso e doni agli abitanti della diocesi di Vinh. L’inquinamento delle acque che prosegue da due mesi ha tolto il lavoro ai pescatori, che ora vivono in povertà e fame. Sono 5 milioni le persone colpite. Il 12 giugno i residenti di Vinh sono scesi in piazza per chiedere giustizia al governo.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®