25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/09/2016, 13.11

    VIETNAM

    Cattolici di Bach Ninh: troppi errori nella nuova legge sulle religioni



    La diocesi ha inviato una lettera al Consiglio permanente della Conferenza episcopale commentando la nuova stesura della legge proposta dal governo. Rimangono le difficoltà al riconoscimento delle organizzazioni religiose, il poco rispetto dei diritti civili dei leader confessionali e i termini vaghi della burocrazia.

     

    Hanoi (AsiaNews/EdA) – La nuova bozza della legge sulle credenze e le religioni “è un passo in avanti rispetto alla prima versione dell’aprile del 2015”, ma contiene ancora troppi elementi di tutela delle autorità e di non rispetto dei diritti dei cittadini. Lo affermano i fedeli della diocesi di Bac Ninh (periferia di Hanoi) in una lettera indirizzata al Consiglio permanente della Conferenza episcopale vietnamita. Il testo prende in considerazione la nuova stesura della legge presentata dal governo il 17 agosto scorso ma non ancora resa pubblica, se non ai vertici delle diverse religioni.

    Fin dalla sua presentazione nell’aprile 2015, il progetto ha sollevato le proteste dei vertici delle principali istituzioni religiose, compresi i caodaisti e cattolici, e una critica netta del vescovo di Kontum, mons. Michael Hoang Duc Qanh.

    Il messaggio della diocesi di Bac Ninh è inviato “a nome del nostro vescovo, dei sacerdoti, dei religiosi e religiose e di tutto il popolo di Dio, e contiene alcune osservazioni e contributi”. I fedeli indicano cinque critiche principali alla proposta di legge.

    In primo luogo, scrivono, “la nuova legge deve garantire un carattere democratico, in modo conforme all’articolo 3 della Costituzione”.  Invece, “sembra che dal capitolo 3 al capitolo 8 il disegno di legge prescriva che tutte le attività religiose debbano essere ‘registrate’ presso gli organi competenti e debbano aspettare risposta scritta. Questa pratica, però, ha già causato nel corso degli anni gravi difficoltà alle attività religiose”.

    Inoltre, continua il messaggio, l’attuale versione della legge è in contrasto con il diritto alla libertà di culto e di religione: “La condizione perché un’organizzazione religiosa sia riconosciuta è quella di possedere beni immobili (articolo 21). Ma all’articolo 30 è prescritto che un’organizzazione religiosa è riconosciuta come persona giuridica solo quando un organo dello Stato ne dichiara la fondazione”. Per questo motivo, “le organizzazioni non ancora riconosciute non possono reperire gli immobili che permetterebbero loro di essere riconosciute”.

    Il messaggio della diocesi continua denunciando il fatto che il testo della legge “contiene molti passaggi che limitano i diritti civili dei leader religiosi”, che invece “sono cittadini e hanno diritti e doveri come tutti gli altri”. In aggiunta, “diverse frasi del testo sono troppo generali e molto vaghe. Per esempio i termini ‘proprietà comune comunitaria’ e ‘diffusione illegale della religione’. Come dovremmo interpretare queste espressioni?”.

    In conclusione, scrivono i fedeli di Bach Ninh, “la versione attuale è segnata dalla sua natura arcaica: essa non risponde ai bisogni di un processo d’integrazione, in particolare negli articoli che riguardano le religioni in rapporto ad un Paese straniero”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2016 12:29:00 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti: La nuova legge sulle religioni, tra novità positive e vecchie ingerenze

    In un documento ufficiale scritto dal Comitato permanente, la Conferenza episcopale dà un giudizio sul progetto legislativo proposto da Hanoi. Lo Stato intende riconoscere le organizzazioni religiose come personalità giuridiche, e il loro diritto di fondare scuole. Rimangono ancora troppe le restrizioni nelle attività religiose e le richieste delle autorità. Il governo tace sulla possibilità di costruire nuove chiese.

     



    08/06/2017 12:46:00 VIETNAM
    Vescovi vietnamiti: ‘Spaventati’ dalla nuova legge sulle religioni

    La nuova Legge sul credo e la religione sarà in vigore dal primo gennaio 2018. Le ambiguità e le contraddizioni contenute nella norma alimentano il “meccanismo del chiedere e concedere”.  Le interferenze negli affari interni delle comunità religiose e gli stretti controlli sulle loro attività. “Inadeguate le opinioni del governo sulla religione”. Il governo chiede di lavorare per la crescita del Paese; i vescovi: “Distinguere in modo chiaro il concetto di nazione da quello di regime”.



    24/11/2004 VIETNAM
    Ancora violenze contro i credenti, ma per il governo "c'è libertà religiosa"
    Minacciata la moglie del pastore protestante incarcerato. Hanoi critica la denuncia del Papa sulle persecuzioni anti-religiose in Asia: "In Vietnam la libertà religiosa è assicurata dalla legge".

    11/11/2009 FILIPPINE
    Vescovi e cattolici filippini: no alla legge “pro – aborto”
    Pressioni dell’Onu spingono il Congresso filippino a ridiscutere la Legge per la salute riproduttiva (Repruductive Health Bill). Questa prevede il controllo delle nascite e la diffusione di contraccettivi e pillole abortive. La Chiesa invita all’utilizzo di metodi naturali di pianificazione famigliare educando la popolazione a una cultura di responsabilità e amore.

    08/11/2016 13:03:00 VIETNAM
    Attivisti vietnamiti: La nuova legge sulle religioni causerà conflitti sociali

    Esperti mettono in luce alcuni passaggi della bozza di legge sulle fedi, che metterebbero a rischio la libertà religiosa in Vietnam. Se il parlamento la approverà, “accadranno conflitti all’interno della società”. Troppi gli articoli ambigui e poco chiari.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®