13/06/2012, 00.00
CINA - VATICANO
Invia ad un amico

Cattolici di Harbin pregano e digiunano contro l'ordinazione episcopale senza il mandato del papa

di Bernardo Cervellera
Fonti di AsiaNews affermano che nessuno vuole questa ordinazione - né i cattolici ufficiali, né i sotterranei e neppure il candidato - ma l'Associazione patriottica ha deciso questa prova di forza contro la Santa Sede. P. Giuseppe Yue Fusheng è considerato « un debole » ; nel 2010 è stato eletto vicepresidente dell'Associazione.

Roma (AsiaNews) -  I cattolici di Harbin (Heilongjiang), nell'estremo nord-est della Cina, pregano e digiunano per scongiurare un'ordinazione episcopale senza il mandato del papa. Fonti di AsiaNews affermano che « nessuno vuole questa ordinazione : nè i cattolici ufficiali, né i sotterranei, e nemmeno il candidato. La vuole solo l'Associazione patriottica (Ap) per affermare il suo potere sulla Chiesa e dare uno schiaffo al Vaticano ».

Il candidato a diventare vescovo è il p. Giuseppe Yue Fusheng, 48 anni, da diversi anni amministratore diocesano dell'Heilongjiang. Da diversi anni l'Ap vuole farlo diventare vescovo, ma sia lui, sia i fedeli sono contrari a un'ordinazione senza il mandato del pontefice.

Secondo fonti locali, il p. Yue era stato designato già nel '99 a divenire vescovo. Alcuni attribuiscono questa scelta al fatto che egli « non è coraggioso e piuttosto debole di carattere ». Nel dicembre 2010 (v. : 09/12/2010 L'Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa) è stato scelto come uno dei tre vicepresidenti dell'AP nazionale, insieme a  Paolo Lei Shiyin (diocesi di Leshan) e Giuseppe Huang Bingzhang (di Shantou), entrambi divenuti vescovi senza l'approvazione papale (v. : 29/06/2011 Leshan, sette vescovi legittimi all'ordinazione episcopale senza mandato del papa ; 14/07/2011 Otto vescovi in comunione col papa costretti all'ordinazione illecita di Shantou).

Poi l'anno scorso si è diffusa la notizia che sarebbe stato ordinato, ma l'opposizione dei fedeli e di tutti i sacerdoti aveva frenato il gesto. Ora però il p. Yue è stato votato « liberamente » da un comitato diocesano (controllato dall'Ap) e alla cattedrale del Sacro Cuore sono cominciati i restauri in preparazione all'avvenimento.

I fedeli temono che l'ordinazione venga effettuata il prossimo 29 giugno, festa dei santi Pietro e Paolo, quasi come una beffa verso il papa, successore di Pietro.

« Tutti conoscono bene il diritto canonico - affermano fonti di AsiaNews - e anche l'ultimo fedele sa che non è giusto ordinare un vescovo senza il mandato del papa. Ma è evidente che la cosa è stata decisa dall'alto, come un'ulteriore affermazione del potere dell'Ap sulla Chiesa ».

Harbin conta diverse migliaia -almeno 6mila - di fedeli, distribuiti nelle comunità sotterranee e in quelle ufficiali. Fra loro il rapporto è tranquillo. « Sia gli uni che gli altri - aggiungono le fonti di AsiaNews - hanno deciso di non collaborare per nulla con l'ordinazione e non vogliono fare alcuna preparazione. Anzi pregano e digiunano perchè non succeda ».

La polizia ta incontrando ad uno ad uno i sacerdoti sotterranei per « invitarli » a non fare nulla contro l'ordinazione, di non esprimere giudizi e mantenere il silenzio.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La Sala stampa su “presunte” ordinazioni episcopali illecite in Cina
07/11/2016 14:32
Sichuan, nuova ordinazione episcopale dopo le scomuniche
25/11/2011
Il coraggio del Vaticano, lo scacco per Hu Jintao
24/11/2010
Il dolore del card. Zen per l’ordinazione illecita di Chengde
22/11/2010
La Santa Sede contro un’ordinazione episcopale illecita e la violenza sui vescovi
18/11/2010