23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2012
CINA - VATICANO
Cattolici di Harbin pregano e digiunano contro l'ordinazione episcopale senza il mandato del papa
di Bernardo Cervellera
Fonti di AsiaNews affermano che nessuno vuole questa ordinazione - né i cattolici ufficiali, né i sotterranei e neppure il candidato - ma l'Associazione patriottica ha deciso questa prova di forza contro la Santa Sede. P. Giuseppe Yue Fusheng è considerato « un debole » ; nel 2010 è stato eletto vicepresidente dell'Associazione.

Roma (AsiaNews) -  I cattolici di Harbin (Heilongjiang), nell'estremo nord-est della Cina, pregano e digiunano per scongiurare un'ordinazione episcopale senza il mandato del papa. Fonti di AsiaNews affermano che « nessuno vuole questa ordinazione : nè i cattolici ufficiali, né i sotterranei, e nemmeno il candidato. La vuole solo l'Associazione patriottica (Ap) per affermare il suo potere sulla Chiesa e dare uno schiaffo al Vaticano ».

Il candidato a diventare vescovo è il p. Giuseppe Yue Fusheng, 48 anni, da diversi anni amministratore diocesano dell'Heilongjiang. Da diversi anni l'Ap vuole farlo diventare vescovo, ma sia lui, sia i fedeli sono contrari a un'ordinazione senza il mandato del pontefice.

Secondo fonti locali, il p. Yue era stato designato già nel '99 a divenire vescovo. Alcuni attribuiscono questa scelta al fatto che egli « non è coraggioso e piuttosto debole di carattere ». Nel dicembre 2010 (v. : 09/12/2010 L'Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa) è stato scelto come uno dei tre vicepresidenti dell'AP nazionale, insieme a  Paolo Lei Shiyin (diocesi di Leshan) e Giuseppe Huang Bingzhang (di Shantou), entrambi divenuti vescovi senza l'approvazione papale (v. : 29/06/2011 Leshan, sette vescovi legittimi all'ordinazione episcopale senza mandato del papa ; 14/07/2011 Otto vescovi in comunione col papa costretti all'ordinazione illecita di Shantou).

Poi l'anno scorso si è diffusa la notizia che sarebbe stato ordinato, ma l'opposizione dei fedeli e di tutti i sacerdoti aveva frenato il gesto. Ora però il p. Yue è stato votato « liberamente » da un comitato diocesano (controllato dall'Ap) e alla cattedrale del Sacro Cuore sono cominciati i restauri in preparazione all'avvenimento.

I fedeli temono che l'ordinazione venga effettuata il prossimo 29 giugno, festa dei santi Pietro e Paolo, quasi come una beffa verso il papa, successore di Pietro.

« Tutti conoscono bene il diritto canonico - affermano fonti di AsiaNews - e anche l'ultimo fedele sa che non è giusto ordinare un vescovo senza il mandato del papa. Ma è evidente che la cosa è stata decisa dall'alto, come un'ulteriore affermazione del potere dell'Ap sulla Chiesa ».

Harbin conta diverse migliaia -almeno 6mila - di fedeli, distribuiti nelle comunità sotterranee e in quelle ufficiali. Fra loro il rapporto è tranquillo. « Sia gli uni che gli altri - aggiungono le fonti di AsiaNews - hanno deciso di non collaborare per nulla con l'ordinazione e non vogliono fare alcuna preparazione. Anzi pregano e digiunano perchè non succeda ».

La polizia ta incontrando ad uno ad uno i sacerdoti sotterranei per « invitarli » a non fare nulla contro l'ordinazione, di non esprimere giudizi e mantenere il silenzio.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/11/2010 VATICANO - CINA
La Santa Sede contro un’ordinazione episcopale illecita e la violenza sui vescovi
24/11/2010 VATICANO - CINA
Il coraggio del Vaticano, lo scacco per Hu Jintao
di Bernardo Cervellera
25/11/2011 CINA - VATICANO
Sichuan, nuova ordinazione episcopale dopo le scomuniche
di Paul Hong
22/11/2010 VATICANO - CINA
Il dolore del card. Zen per l’ordinazione illecita di Chengde
di Card. Joseph Zen Zekiun
04/05/2006 Cina – Vaticano
Mons. Li Duan, le relazioni sino-vaticane "si realizzeranno entro cinque anni"

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate