5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 13/06/2012
CINA - VATICANO
Cattolici di Harbin pregano e digiunano contro l'ordinazione episcopale senza il mandato del papa
di Bernardo Cervellera
Fonti di AsiaNews affermano che nessuno vuole questa ordinazione - né i cattolici ufficiali, né i sotterranei e neppure il candidato - ma l'Associazione patriottica ha deciso questa prova di forza contro la Santa Sede. P. Giuseppe Yue Fusheng è considerato « un debole » ; nel 2010 è stato eletto vicepresidente dell'Associazione.

Roma (AsiaNews) -  I cattolici di Harbin (Heilongjiang), nell'estremo nord-est della Cina, pregano e digiunano per scongiurare un'ordinazione episcopale senza il mandato del papa. Fonti di AsiaNews affermano che « nessuno vuole questa ordinazione : nè i cattolici ufficiali, né i sotterranei, e nemmeno il candidato. La vuole solo l'Associazione patriottica (Ap) per affermare il suo potere sulla Chiesa e dare uno schiaffo al Vaticano ».

Il candidato a diventare vescovo è il p. Giuseppe Yue Fusheng, 48 anni, da diversi anni amministratore diocesano dell'Heilongjiang. Da diversi anni l'Ap vuole farlo diventare vescovo, ma sia lui, sia i fedeli sono contrari a un'ordinazione senza il mandato del pontefice.

Secondo fonti locali, il p. Yue era stato designato già nel '99 a divenire vescovo. Alcuni attribuiscono questa scelta al fatto che egli « non è coraggioso e piuttosto debole di carattere ». Nel dicembre 2010 (v. : 09/12/2010 L'Assemblea patriottica cinese vota la sua leadership. Un grave danno per la Chiesa) è stato scelto come uno dei tre vicepresidenti dell'AP nazionale, insieme a  Paolo Lei Shiyin (diocesi di Leshan) e Giuseppe Huang Bingzhang (di Shantou), entrambi divenuti vescovi senza l'approvazione papale (v. : 29/06/2011 Leshan, sette vescovi legittimi all'ordinazione episcopale senza mandato del papa ; 14/07/2011 Otto vescovi in comunione col papa costretti all'ordinazione illecita di Shantou).

Poi l'anno scorso si è diffusa la notizia che sarebbe stato ordinato, ma l'opposizione dei fedeli e di tutti i sacerdoti aveva frenato il gesto. Ora però il p. Yue è stato votato « liberamente » da un comitato diocesano (controllato dall'Ap) e alla cattedrale del Sacro Cuore sono cominciati i restauri in preparazione all'avvenimento.

I fedeli temono che l'ordinazione venga effettuata il prossimo 29 giugno, festa dei santi Pietro e Paolo, quasi come una beffa verso il papa, successore di Pietro.

« Tutti conoscono bene il diritto canonico - affermano fonti di AsiaNews - e anche l'ultimo fedele sa che non è giusto ordinare un vescovo senza il mandato del papa. Ma è evidente che la cosa è stata decisa dall'alto, come un'ulteriore affermazione del potere dell'Ap sulla Chiesa ».

Harbin conta diverse migliaia -almeno 6mila - di fedeli, distribuiti nelle comunità sotterranee e in quelle ufficiali. Fra loro il rapporto è tranquillo. « Sia gli uni che gli altri - aggiungono le fonti di AsiaNews - hanno deciso di non collaborare per nulla con l'ordinazione e non vogliono fare alcuna preparazione. Anzi pregano e digiunano perchè non succeda ».

La polizia ta incontrando ad uno ad uno i sacerdoti sotterranei per « invitarli » a non fare nulla contro l'ordinazione, di non esprimere giudizi e mantenere il silenzio.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/11/2010 VATICANO - CINA
La Santa Sede contro un’ordinazione episcopale illecita e la violenza sui vescovi
24/11/2010 VATICANO - CINA
Il coraggio del Vaticano, lo scacco per Hu Jintao
di Bernardo Cervellera
25/11/2011 CINA - VATICANO
Sichuan, nuova ordinazione episcopale dopo le scomuniche
di Paul Hong
22/11/2010 VATICANO - CINA
Il dolore del card. Zen per l’ordinazione illecita di Chengde
di Card. Joseph Zen Zekiun
04/05/2006 Cina – Vaticano
Mons. Li Duan, le relazioni sino-vaticane "si realizzeranno entro cinque anni"

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate