22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/06/2012, 00.00

    EGITTO - ISLAM

    Cattolici egiziani "nell'insicurezza"; aspettano Mohammed Morsi alla prova dei fatti



    P. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica, teme l'islamizzazione della società e la sharia. Anche se il nuovo presidente ha detto delle "belle parole" per rassicurare cristiani, laici e donne. Lo scontro fra Fratelli Musulmani ed esercito rischia di bloccare lo sviluppo della società.

    Il Cairo (AsiaNews) - L'elezione  a presidente di Mohammed Morsi, dei Fratelli Musulmani rende i cristiani "insicuri". Al di là delle "belle parole", i cristiani vogliono "vedere i fatti". È quanto dichiara ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica in Egitto.

    "I Fratelli Musulmani - spiega p. Greiche - hanno una storia poco brillante nei rapporti con i cristiani. Essi sono da sempre sostenitori di una politica che vuole attuare la sharia e islamizzare la società egiziana nel modo di vestire, nel lavoro e nelle tradizioni della vita quotidiana". Per questo, aggiunge, i cristiani rimangono "insicuri" e non proprio certi che questa vittoria vada festeggiata.

    Ieri, dopo la dichiarazione ufficiale della sua vittoria, Mohammed Morsi ha promesso che la sua leadership comprenderà anche rappresentanti laici e cristiani e ha tranquillizzato le donne sui loro diritti. Ma p. Greiche mostra scetticismo: "Per esperienza, sappiamo quale è la politica che fanno i Fratelli Musulmani. Le belle parole sono buone, ma bisogna vedere i fatti".

    Da tempo le minoranze cristiane chiedono parità di diritti nell'edificazione dei luoghi di culto e nella libertà di espressione, oltre all'eliminazione di ogni discriminazione sul lavoro e nella società. La rivoluzione dei Gelsomini, che ha portato alla caduta di Mubarak, aveva abbracciato queste tesi e pubblicizzato la cittadinanza comune per cristiani e musulmani, con uguali diritti e doveri. Ma le elezioni si sono concluse con un confronto fra Morsi, candidato dei Fratelli Musulmani, e Ahmed Shafic, candidato dell'establishment e dell'esercito. P. Greiche conferma che fra gli attuali sostenitori di Morsi vi sono molti giovani della rivoluzione: "Non volendo i militari - dice - hanno appoggiato Morsi".

    Ieri Mohammed Morsi ha elogiato la rivoluzione e i martiri e ha chiesto al "grande popolo d'Egitto" di "rafforzare la nostra unità nazionale".

    P. Greiche prevede che vi sarà un confronto sempre più serrato fra i militari - che non vogliono perdere il loro potere nella società egiziana - e i Fratelli Musulmani, per anni combattuti dall'establishment.

    "Vi sono già i segni di un'empasse - egli dice. Per l'inizio del suo mandato, Morsi dovrebbe giurare il 1mo luglio davanti alla Corte costituzionale, che attualmente è composta dal Consiglio militare. Invece Morsi vuole votare davanti al parlamento, che però è stato dissolto oltre una settimana fa, azzerando la vittoria degli islamisti. Il futuro della società e dell'economia rischia di essere bloccato dal confronto fra questi due poteri forti".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/06/2012 EGITTO
    Accademico musulmano: Mohammed Morsi è il politico più sfortunato d'Egitto
    Per il docente Wael Farouq, fra gli intellettuali di punta della rivoluzione dei Gelsomini, il 50% degli egiziani si aspetta risposte concrete dal leader dei Fratelli musulmani. Ciò potrebbe rappresentare la sua rovina. La vittoria di Morsi è una sconfitta per gli ideali della rivoluzione. Sospetti su un compromesso fra islamisti ed esercito per la spartizione del potere.

    18/12/2012 EGITTO
    Si dimette Talaat Ibrahim, il pubblico ministero di Morsi
    Era stato nominato dal presidente Morsi un mese fa. Sotto di lui Morsi ha decretato l'ampliamento dei suoi poteri, sopra la magistratura. Per i giudici è una vittoria della libertà e della giustizia. Oggi grande manifestazione dell'opposizione per boicottare la costituzione islamista.

    05/08/2013 EGITTO
    Il 25 agosto si celebra il processo contro i capi dei Fratelli musulmani. Attacchi contro cristiani
    Timori per nuovi scontri. La Fraternità decisa a continuare i sit-in nonostante i divieti dell'esercito e del ministero degli interni. Il gen. Al-Sisi dialoga con i salafiti. Usa, Ue, Emirati, Qatar in visita al Cairo. Al Qaeda accusa i cristiani di collusione con il "colpo di Stato". Assalti a chiese e fedeli.

    17/12/2012 EGITTO
    La nuova Costituzione ha spaccato l’Egitto. E i salafiti
    Il testo, già votato in 10 province, verrà votato il prossimo 23 dicembre in altre 17 province del Paese. Ma i brogli sono considerati quasi obbligatori dalla maggior parte dei votanti, che comunque non rinuncia a esprimere il proprio voto nelle urne. Le opposizioni si uniscono contro la Fratellanza musulmana del presidente Morsi, mentre le critiche al testo (che discrimina chiunque non sia un Fratello) spaccano persino l’islam più radicale.

    22/12/2012 EGITTO
    L'Egitto diviso al secondo turno del voto sulla costituzione dei Fratelli musulmani
    Si vota in 17 province, fra le più conservatrici. Al primo turno ha partecipato solo il 30% della popolazione. Almeno 250mila soldati e poliziotti devono garantire l'ordine. El Baradei: Il Paese è sull'orlo della bancarotta.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®