22 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/06/2012
EGITTO - ISLAM
Cattolici egiziani "nell'insicurezza"; aspettano Mohammed Morsi alla prova dei fatti
P. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica, teme l'islamizzazione della società e la sharia. Anche se il nuovo presidente ha detto delle "belle parole" per rassicurare cristiani, laici e donne. Lo scontro fra Fratelli Musulmani ed esercito rischia di bloccare lo sviluppo della società.

Il Cairo (AsiaNews) - L'elezione  a presidente di Mohammed Morsi, dei Fratelli Musulmani rende i cristiani "insicuri". Al di là delle "belle parole", i cristiani vogliono "vedere i fatti". È quanto dichiara ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica in Egitto.

"I Fratelli Musulmani - spiega p. Greiche - hanno una storia poco brillante nei rapporti con i cristiani. Essi sono da sempre sostenitori di una politica che vuole attuare la sharia e islamizzare la società egiziana nel modo di vestire, nel lavoro e nelle tradizioni della vita quotidiana". Per questo, aggiunge, i cristiani rimangono "insicuri" e non proprio certi che questa vittoria vada festeggiata.

Ieri, dopo la dichiarazione ufficiale della sua vittoria, Mohammed Morsi ha promesso che la sua leadership comprenderà anche rappresentanti laici e cristiani e ha tranquillizzato le donne sui loro diritti. Ma p. Greiche mostra scetticismo: "Per esperienza, sappiamo quale è la politica che fanno i Fratelli Musulmani. Le belle parole sono buone, ma bisogna vedere i fatti".

Da tempo le minoranze cristiane chiedono parità di diritti nell'edificazione dei luoghi di culto e nella libertà di espressione, oltre all'eliminazione di ogni discriminazione sul lavoro e nella società. La rivoluzione dei Gelsomini, che ha portato alla caduta di Mubarak, aveva abbracciato queste tesi e pubblicizzato la cittadinanza comune per cristiani e musulmani, con uguali diritti e doveri. Ma le elezioni si sono concluse con un confronto fra Morsi, candidato dei Fratelli Musulmani, e Ahmed Shafic, candidato dell'establishment e dell'esercito. P. Greiche conferma che fra gli attuali sostenitori di Morsi vi sono molti giovani della rivoluzione: "Non volendo i militari - dice - hanno appoggiato Morsi".

Ieri Mohammed Morsi ha elogiato la rivoluzione e i martiri e ha chiesto al "grande popolo d'Egitto" di "rafforzare la nostra unità nazionale".

P. Greiche prevede che vi sarà un confronto sempre più serrato fra i militari - che non vogliono perdere il loro potere nella società egiziana - e i Fratelli Musulmani, per anni combattuti dall'establishment.

"Vi sono già i segni di un'empasse - egli dice. Per l'inizio del suo mandato, Morsi dovrebbe giurare il 1mo luglio davanti alla Corte costituzionale, che attualmente è composta dal Consiglio militare. Invece Morsi vuole votare davanti al parlamento, che però è stato dissolto oltre una settimana fa, azzerando la vittoria degli islamisti. Il futuro della società e dell'economia rischia di essere bloccato dal confronto fra questi due poteri forti".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/06/2012 EGITTO
Accademico musulmano: Mohammed Morsi è il politico più sfortunato d'Egitto
18/12/2012 EGITTO
Si dimette Talaat Ibrahim, il pubblico ministero di Morsi
05/08/2013 EGITTO
Il 25 agosto si celebra il processo contro i capi dei Fratelli musulmani. Attacchi contro cristiani
17/12/2012 EGITTO
La nuova Costituzione ha spaccato l’Egitto. E i salafiti
di André Azzam
22/12/2012 EGITTO
L'Egitto diviso al secondo turno del voto sulla costituzione dei Fratelli musulmani

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate