22 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/10/2014, 00.00

    IRAN - STATI UNITI

    Cauto ottimismo nei colloqui sul nucleare iraniano, in una “fase critica”



    La capitale austriaca ha ospitato l’ultimo round di incontri dei Paesi del “5 +1”. Teheran e Washington parlano di progressi, anche se resta “molto lavoro da fare" per una firma entro li 24 novembre. Per il capo della diplomazia iraniana i dialoghi sono orientati alla “ricerca di una soluzione”; per gli Stati Uniti basta “un 2%” di differenze sul dossier per far crollare tutto.

    Vienna (AsiaNews/Agenzie) - Si respira un'atmosfera di cauto ottimismo attorno ai negoziati fra le potenze mondiali del "5 + 1" (i cinque membri del Consiglio di sicurezza, cioè Usa, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia, più la Germania) e l'Iran, ripresi in questi giorni a Vienna. Al termine dei colloqui nella capitale austriaca, Teheran e Washington parlano di alcuni "progressi", anche se resta ancora "molto" lavoro da fare per arrivare all'accordo entro la scadenza prevista del 24 novembre prossimo. Fonti interne ai colloqui sottolineano che le trattative sono giunte ad una "fase critica", anche se gli esperti nutrono dubbi sulle possibilità di una firma nei termini fissati. Un eventuale accordo avrebbe una portata storica per tutte le parti in causa: esso garantirebbe un programma nucleare iraniano di natura civile e pacifica, in cambio della rimozione di tutte le sanzioni occidentali che gravano da tempo su Teheran e la sua economia; inoltre, concluderebbe una crisi decennale nelle relazioni internazionali. 

    Del resto i rapporti fra Iran e Occidente hanno dato confortanti segnali di ripresa dall'elezione alla presidenza, lo scorso anno, di Hassan Rouhani, il quale ha lavorato molto per mettere fine all'isolamento di Teheran. I colloqui dovrebbero dissipare i dubbi e le preoccupazioni sulle reali intenzioni del programma nucleare iraniano che, secondo alcuni (fra tutti Israele), nasconde progetti militari. Al momento vi sono ancora divergenze nelle posizioni, in particolare attorno agli scopi futuri del programma di arricchimento dell'uranio da parte iraniana. 

    Funzionari dell'amministrazione statunitense affermano che vi è ancora tempo sufficiente per arrivare a una posizione comune, rispettando così la scadenza del 24 novembre; a Washington è tempo di elezioni di metà mandato e i vertici della Casa Bianca temono una modifica dei rapporti di forza al Senato, che comprometterebbe eventuali trattative future. Tuttavia, già la scorsa settimana il vice-ministro degli Esteri di Teheran Abbas Araqchi avanzava l'ipotesi di una proroga dei termini, mentre il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ricordava che la deadline non ha un carattere "sacro". Alcuni analisti ritengono positivo il solo raggiungimento di un "compromesso" che giustifichi lo slittamento dei termini e la concessione di "altro tempo" alle parti.

    I principali punti critici sono le date per la revoca piena delle sanzioni poste da Stati Uniti e Unione europea sul Paese e il grado in cui all'Iran sarebbe permesso di continuare l'arricchimento dell'uranio. I "5 +1" - con visioni e sfumature diverse - vogliono che Teheran riduca in modo sensibile le sua capacità di produzione di uranio, mantenendo solo poche centinaia di centrifughe attive, e che le sue attività siano pacifiche. In cambio, l'Iran vuole la rimozione delle sanzioni internazionali che soffocano la sua economia.

    Fra i maggiori nemici di un possibile accordo vi è lo Stato di Israele e una parte del mondo politico Usa, insieme alle fronde più radicali del parlamento iraniano. Un compromesso "ad interim" raggiunto lo scorso anno prevede l'allentamento di alcune sanzioni in cambio di un freno all'attività nucleare, ma resta ancora da sciogliere il nodo relativo al livello di arricchimento dell'uranio. A conclusione degli incontri di ieri, il capo della diplomazia iraniana Mohammad Javad Zarif ha sottolineato che i dialoghi sono orientati verso "la ricerca di una soluzione, piuttosto che sull'esame minuzioso dei problemi". Di contro, funzionari statunitensi avvertono che "tutto potrebbe crollare sul 2% dei temi oggetto del dossier, anche in caso di accordo sul restante 98%". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/10/2014 IRAN - IRAQ
    L'Onu ammette: Teheran “sta rispettando gli impegni presi" sul programma nucleare
    Un rapporto dell’agenzia delle Nazioni Unite sull’energia atomica conferma che il governo iraniano segue le direttive fissate nell’intesa parziale del 2013. Un viatico per il raggiungimento di uno storico accordo entro il 24 novembre. Il premier irakeno in visita ufficiale a Teheran per trovare soluzioni contro lo Stato islamico. Il Vaticano auspica "un maggiore coinvolgimento” iraniano sul piano internazionale.

    27/07/2009 ISRAELE – IRAN – USA
    Gli Usa spingono per la pace in Medio oriente, ma con l’occhio all’Iran
    Washington si attende una risposta da Teheran entro settembre. Ehud Barak riafferma che l’opzione militare è aperta. Contro la volontà degli Usa, cresce la popolazione negli insediamenti ebraici. Siria pronta al dialogo, ma teme il nucleare israeliano. I palestinesi divisi.

    26/04/2017 08:55:00 IRAN - STATI UNITI
    Vienna, crescono le incertezze sulla tenuta dell’accordo sul nucleare iraniano

    L’Iran e le principali potenze internazionali si sono incontrare ieri nella capitale austriaca. Al centro dei lavori “a porte chiuse” il “rispetto” dei termini previsti dall’accordo. Aumentano le tensioni fra Washington e Teheran. Ministro iraniano: gli Stati Uniti non rispettano né lo spirito, né i termini. 

     



    20/04/2017 12:48:00 IRAN - STATI UNITI
    Washington accusa Teheran: Provocazioni “continue”, accordo nucleare a rischio

    Duro attacco del segretario di Stato Usa Rex Tillerson all’Iran, definito esportatore di “terrorismo e violenza”. La Repubblica islamica avrebbe “destabilizzato” più di una nazione in Medio oriente ed è responsabile della “intensificazione dei conflitti”. Trump ordina la “revisione” dell’accordo sul nucleare.

     



    19/02/2014 IRAN-USA-ISRAELE
    Esperti internazionali: No a nuove sanzioni contro l'Iran
    Il gruppo "The Iran Project" spiega che se vi sono nuove sanzioni i dialoghi potrebbero fallire; la comunità internazionale si dividerebbe; a Teheran vincerebbero ancora i coservatori. Negli Usa si vuole tenere aperta la possibilità di un attacco militare insieme ad Israele. Javad Zarif: I negoziati sono l'unica via.



    In evidenza

    CINA
    Liu Xiaobo: una fiaccola che illumina la civiltà umana



    La testimonianza del grande dissidente non violento, lasciato morire di cancro, è il più alto contributo all’umanità negli ultimi (sterili) 500 anni di storia cinese. Il ricordo di Liu (e di sua moglie) da parte di un sacerdote del nord della Cina.


    INDIA
    Goa: croci distrutte, cimitero dissacrato. Mons. Neri Ferrao: colpa dell’odio religioso



    Le croci sono state lasciate infrante ai margini della strada. Nel cimitero di Guardian Angel Church danneggiate 28 nicchie, cinque croci di legno e nove in granito, 16 tombe e la grande croce all’ingresso. Sajan K George: “Durante un raduno di indù, un fondamentalista ha detto che tutti quelli che mangiano la vacca devono essere impiccati”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®